Perché lo Yoga può aiutarti in tempi difficili

scritto PA/TPN, in Stile di vita · 23-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Al giorno d'oggi nel mondo ogni persona deve trovare il modo di affrontare le diverse sfide della vita.

Lo yoga è una pratica che è diventata molto popolare negli ultimi anni perché aiuta a lavorare sia il corpo che la mente su diversi livelli.
In questo momento siamo tutti di fronte a un momento difficile a causa di ciò che sta accadendo nel nostro mondo. In particolare la pandemia di Covide- 19, ma anche tutti i tipi di eventi politici e naturali possono causare paura, stress e ansia.
Ciò significa che dobbiamo prenderci molta cura di noi stessi. Dormire bene, mangiare bene e tenere il passo con uno stile di vita equilibrato.
Un'altra cosa che aiuta davvero a far fronte allo stress è lo sport, e soprattutto il movimento.
E c'è qualcos'altro che aiuta non solo ad esercitare il corpo, ma anche a calmare la mente e questo è lo Yoga.
La parola Yoga significa unità e lo Yoga-pratica aiuta a creare unità nel corpo, tra il corpo e la mente e tra noi e il mondo che ci circonda.
Lo Yoga è una meditazione con il movimento, che per noi occidentali è più facile da raggiungere.
Un grande ruolo sta nel respiro (pranayama). Oltre a speciali esercizi di respirazione che possono avere effetti diversi sul corpo e sulla mente, che siano stimolanti, calmanti o riequilibranti, ogni movimento viene fatto con il respiro.
La combinazione di respiro e movimento ha un effetto profondo sul corpo e sulla mente.
I muscoli vengono rinforzati e stirati, molte posizioni richiedono anche l'equilibrio, e con questo aiuta a stimolare il cervello. Un respiro costante e profondo calma il sistema nervoso e ci insegna a rimanere concentrati e calmi anche in situazioni difficili. Nello Yoga questa può essere una posizione difficile (Asana), nella vita può essere una situazione o un momento difficile.
Oltre a questo, lo Yoga ha molti altri benefici e può aiutare a liberare lo stress e il dolore (per esempio il mal di schiena), a mantenere il corpo in forma (nel processo di invecchiamento), a creare consapevolezza e a prepararsi per la navigazione e la gravidanza.
Ci sono stili e forme di Yoga molto diversi e si possono trovare molti insegnanti diversi, ognuno con il proprio stile e modo di trasmettere la pratica Yoga.
Alcuni degli stili più conosciuti sono l'Ashtanga Yoga (una pratica molto tradizionale in cui si ripete e si lavora su una sequenza fissa di pose), l'Hatha Yoga (fondamentalmente ogni sotto-stile che combina posizioni yoga e respiro - Anusara Yoga, Jivamukti Yoga e molti altri), Vinyasa Yoga (una pratica molto fluida e dinamica), Hot Yoga (praticare diversi stili di Yoga in una stanza riscaldata), Iyengar Yoga (focalizzato sull'allineamento e sull'approfondimento della consapevolezza di sé), Kundalini Yoga (una pratica potente che mira a rompere gli schemi mentali e fisici), Yoga terapeutico (spesso movimenti più semplici e una pratica che entra nei dettagli per far lavorare il corpo in modo terapeutico), Yin Yoga (una pratica riparatrice e più rilassante in cui le posizioni vengono tenute per un periodo di tempo più lungo).
Poiché siamo tutti diversi, è molto importante trovare il giusto insegnante e lo stile adatto alle proprie esigenze per poter godere appieno e tuffarsi nella pratica dello Yoga.
In questo momento vengono offerte anche molte lezioni online, in modo che ogni persona possa iniziare o continuare la pratica a casa.
Se possibile, è consigliabile trovare uno studio nelle vicinanze per poter sperimentare dal vivo e in tutte le sue sfaccettature la magia di una lezione di Yoga. In ogni caso, il corpo e la mente saranno grati di aver investito del tempo in questa pratica.
Articolo presentato da Sabrina Hilchner, fondatrice di MARAVISTA - Yoga. Il corpo. Mente. a Moledo CMN, Portogallo.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.mar-a-vista.com


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.