Zero chiede la sospensione di nuovi centri di biomassa

in Notizia · 30-10-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Zero ha chiesto la sospensione della creazione di nuovi centri di biomassa fino a quando non sarà valutato il reale potenziale di utilizzo dei rifiuti forestali per produrre energia e altri scopi.

L'associazione ambientalista ha evidenziato i suoi dubbi sugli aspetti "ecosostenibili, rinnovabili e rispettosi dell'ambiente" dei centri.

Mentre Zero ha delle preoccupazioni, i governi che si sono succeduti hanno annunciato dal 2006 che l'uso dei centri di biomassa va a beneficio delle foreste, delle persone e delle economie locali. Tuttavia, "ciò che vediamo è l'esistenza di uno sfruttamento non sostenibile della foresta con la combustione di legno di qualità per la produzione di energia elettrica" che è un male per i consumatori.

Secondo Lusa News Agency, Zero aggiunge che "la combustione di biomasse forestali contribuisce all'emissione di grandi quantità di gas serra nell'atmosfera, oltre che alla distruzione di ecosistemi cruciali per la cattura del carbonio, ritardando di decenni la lotta al cambiamento climatico".

Con 21 centri di biomassa autorizzati in Portogallo, che ogni anno consumano circa quattro milioni di tonnellate, Zero dice anche che l'ubicazione dei centri "non è sempre stata la più corretta", indicando il centro di Fundão come "il caso più eclatante".

Secondo Lusa, alcuni centri sono installati "a meno di 500 metri dalle case", e funzionano 24 ore al giorno. Questo è oggetto di lamentele a causa dell'eccessivo rumore e della scarsa qualità dell'aria e degli effetti della mancanza di uno studio di impatto ambientale, "che non è obbligatorio per gli investimenti con una potenza inferiore ai 50 megawatt".


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.