Albufeira è una delle città turistiche più popolari dell'Algarve. Tuttavia, in un luogo così bello ci sono anche persone che vivono senza le condizioni di base. Per sostenere i senzatetto, c'è un'associazione sul posto composta da persone gentili che vogliono davvero aiutare gli altri, senza giudicare. Si chiama CASA (Centro de Apoio ao Sem-Abrigo - Centro di sostegno ai senzatetto) ed è nata 10 anni fa ad Albufeira.

All'arrivo nella sede regionale di Albufeira, c'era un piccolo negozio dove CASA vendeva vestiti e altri prodotti. Cátia Pereira, una delle coordinatrici, ha spiegato per prima cosa che "chi può pagare, fa pagare una piccola somma per aiutare l'associazione, ma chi non può, può prendere tutto gratuitamente. Siamo qui per aiutare".

L'ufficio regionale di Albufeira è uno dei dieci del Paese che fornisce questo meraviglioso sostegno a chi sta toccando il fondo e ha già creato un rifugio di emergenza che ha dato un tetto a circa 50 persone dal 2020: è una storia di successo.

Sónia Pinto, una delle volontarie e coordinatrici con cui ho avuto il piacere di parlare, era presente fin dal primo giorno. È con l'associazione dal giorno in cui hanno iniziato a lavorare ad Albufeira e, sebbene sia un'insegnante a tempo pieno, continua a dedicarsi totalmente alla causa.


Sempre più persone vivono per strada

Nonostante gli sforzi di CASA, il numero di persone che vivono per strada è aumentato. "In termini di senzatetto, è aumentato molto, ma anche la popolazione dei senzatetto è diversa. Quando ho iniziato a lavorare qui, i senzatetto erano più aggressivi", ha aggiunto Sónia.

Quando ho chiesto loro come avessero conquistato la fiducia della comunità, Sónia ha risposto che non è stato automatico: "Servendo i pasti, abbiamo iniziato a guadagnare la fiducia della gente. Questa popolazione ha iniziato a capire che eravamo qui per loro. Non puntiamo il dito, siamo qui per aiutare. Ci sediamo per terra con loro, mangiamo con loro, prendiamo caffè e tè con loro. Qui non c'è spazio per la discriminazione".

Servono circa 30-40 pasti al giorno e possono arrivare a 50 in inverno. Inoltre, sostengono 70 famiglie bisognose. "Il cibo è il primo passo: è il più elementare dei bisogni primari", ha detto Cátia.

Tuttavia, si spingono oltre. Per i senzatetto che assistono, li aiutano a creare un piano di vita per toglierli dalla strada e ricostruirsi una nuova vita: dalla scoperta delle loro preferenze, alla stesura di un CV, alla ricerca di un lavoro, alla ricerca di una casa, ecc.


Rifugio

Nel 2020, all'inizio della pandemia, il Comune di Albufeira e la CASA di Albufeira hanno fatto l'impossibile. In circa due settimane hanno creato il CATE (Centro di Rifugio Temporaneo di Emergenza), dove più di 20 persone hanno già avuto l'opportunità di ricominciare una vita con tutto il supporto necessario.

"Mentre il governo dichiarava lo "stato di emergenza" nel Paese e diceva alle persone di proteggersi e di restare a casa, i senzatetto non avevano una casa. Ho incontrato il team e abbiamo deciso che dovevamo trovare una soluzione per queste persone e siamo stati fortunati. In realtà, credo che fortuna sia la parola d'ordine in questa istituzione", mi ha detto Sónia.

Ha aggiunto: "All'epoca avevamo un volontario che lavorava in un ostello e ci hanno affittato l'ostello, gestito da noi e pagato dal Comune di Albufeira. Ed è stato in soli 20 giorni, nel bel mezzo della pandemia, che "siamo riusciti ad aprire un rifugio d'emergenza - è stato un momento molto decisivo! Ora che mi guardo indietro, sembra facile, ma quelli erano giorni molto difficili. Ricordo le prime persone che entrarono nel rifugio. Avevano paura, ma nei loro occhi potevamo vedere gratitudine".

Sono passati due anni e ciò che era temporaneo è diventato quasi permanente per molti. Molte persone sono riuscite a rimettersi in sesto e a trovare un lavoro, una casa o a tornare dalla propria famiglia, ma molte sono in un limbo: troppo vecchie per lavorare, ma troppo giovani per andare in pensione.

"Abbiamo una capacità di 15 persone nel rifugio e abbiamo una lista d'attesa di tre persone. Inizialmente era stato concordato che la permanenza massima sarebbe stata di sei mesi, ma poi non c'è risposta qui fuori. Non sono abbastanza vecchi per andare in una casa di riposo, ma sono troppo vecchi per lavorare", ha detto.

Le risorse

Per realizzare questo sogno, solo ad Albufeira CASA ha più di 20 volontari e 16 persone che lavorano a tempo pieno nell'associazione. Solo per il rifugio, che è aperto 24 ore su 24, hanno bisogno di molte persone per coprire tutti i turni.


Tuttavia, il denaro rimane la parte più difficile. In realtà, si tratta di un'associazione caritatevole, quindi non genera profitti, ma ha molte spese. Quindi gestire tutto questo non è facile.

Fondamentalmente, tutto ciò che ricevono è attraverso i finanziamenti. Mi hanno mostrato con orgoglio un furgone con cui vanno per le strade e forniscono vari tipi di supporto, come quello per la salute mentale. "Abbiamo un'unità mobile anche grazie ai finanziamenti", mi hanno detto.

Per ottenere i fondi, fanno diverse richieste di finanziamento, ma "pensiamo sempre: quando i fondi finiranno, cosa faremo dopo? Per esempio, uno finirà a dicembre e cosa faremo dopo? È un grattacapo costante", ha sottolineato Cátia.

Come possiamo aiutare?

Secondo la Strategia nazionale per l'integrazione dei senzatetto (ENIPSSA), in Portogallo ci sono più di 8.200 persone che vivono per strada.

"Le persone possono aiutare diventando volontari, donando cibo, vestiti e denaro. La maggior parte delle persone non ama donare denaro". Tuttavia, un'associazione ha anche bisogno di denaro. "Paghiamo le medicine e li accompagniamo dal medico quando ne hanno bisogno".

Per quanto riguarda i vestiti, mi è stato detto che quelli da uomo sono i più necessari, perché ci sono più uomini senzatetto che donne e poiché non possono lavare i loro vestiti, questi non durano a lungo.

Per ulteriori informazioni, consultare il sito web https://casa-apoioaosemabrigo.org/ o seguiteli su piattaforme di social media.