Le persone che sono nativi portoghesi o 'estrangeiros' che vivono qui saranno consapevoli di queste piccole bestie, ma non fa male (probabilmente non è il termine migliore da usare in queste circostanze) per un ripasso, e un avvertimento ai nuovi arrivati, che potrebbero non esserne a conoscenza. Se vivete in una zona con pini o cedri, avete davvero bisogno di continuare a leggere.

Ogni anno dalla fine dell'inverno è il momento di stare in guardia per quello che sembra un serpente peloso, ma è in realtà una fila di bruchi, dal naso alla coda, che fareste bene ad evitare. Già potrete vedere i loro nidi di seta costruiti dalle larve, in alto nei pini, e questi sono stati deposti come uova dalla falena processionaria Thaumetopoea pityocampa, completamente innocua.

L'adulto è una falena pelosa dall'aspetto innocente che tiene le ali come una tenda sopra il suo corpo. Ogni falena femmina depone un numero enorme di uova ricoperte di squame vicino alle cime dei pini, le uova in realtà imitano i germogli di pino. Dopo la schiusa, le larve sgranocchiano gli aghi di pino mentre procedono attraverso le loro cinque fasi di sviluppo. Per sopravvivere durante l'inverno, i bruchi costruiscono un nido di fili di seta che sono visibili in alto negli alberi di pino, rendendoli una delle poche specie di insetti delle zone temperate dove le larve si sviluppano in inverno. In qualsiasi momento della primavera, da febbraio in poi, quando sono pronti per impuparsi, i bruchi lasciano i nidi in una lunga fila - una "processione" - per la quale la specie è nota. Poi scavano sottoterra, si impupano ed emergono tra la metà di maggio e agosto.

Le larve sono un grande parassita delle foreste di conifere e sono la causa principale della distruzione delle pinete, essendo in grado di defogliare completamente gli alberi se sono presenti in grandi quantità. Vivono in comune in questi grandi nidi dall'aspetto setoso, e spesso ce ne sono diversi in un singolo albero.

Ma sono i "capelli" ad essere pericolosi. Si difendono dai predatori con vistosi peli che contengono una sostanza chimica irritante, e il semplice contatto con questi peli può causare gravi eruzioni cutanee e irritazioni agli occhi nell'uomo e negli animali, con alcune persone che possono soffrire di una reazione allergica. Quando sono stressate o minacciate, le larve al quinto stadio espellono anche peli a forma di arpioni, che penetrano in tutte le aree di pelle esposte vicine e le irritano. Un cane incauto, per esempio, può avere un'infiammazione della bocca, della lingua e delle labbra quando lecca o riceve un bruco in bocca. Nei casi più gravi, potrebbero persino perdere parte della lingua e delle labbra.

E c'è di peggio: se il vostro animale domestico ne inghiotte uno, potrebbe causare un'infiammazione della laringe, che potrebbe compromettere la respirazione, e possibilmente portare alla morte dell'animale. Se i peli vengono trasportati dal vento dai nidi, possono causare infiammazioni alle palpebre, ulcere alla cornea sia degli animali che degli uomini, e causare infiammazioni alla cavità nasale se il bruco o il suo nido vengono annusati.

bruchi processionari

Tutto sommato, i pini o i cedri dovrebbero essere controllati prima di avvicinarsi! Se sospettate che il vostro animale domestico sia stato in contatto con questi piccoli diavoli pelosi, il miglior consiglio è quello di portarlo immediatamente dal vostro veterinario, che valuterà la gravità delle lesioni, e prescriverà il trattamento più adatto.

Si consiglia, se l'albero si trova sul vostro terreno, di spruzzare i pini con un insetticida biologico durante i mesi di ottobre e novembre, perché è in questo periodo che i bruchi sono appena nati. Se puoi raggiungere in sicurezza il nido, ed è abbastanza piccolo, prova a rimuoverlo. Indossate guanti e vestiti che coprano il più possibile il vostro corpo e staccate il nido dall'albero. Ricordati di cambiarti i vestiti dopo per assicurarti che nessuna parte del nido sia attaccata a te. Non appena il nido è a terra, e se potete farlo in sicurezza, bruciatelo per assicurarvi che i suoi occupanti siano morti. In casi estremi, si potrebbe anche arrivare a rimuovere completamente l'albero.