In tutto il mondo, una persona su cinque è considerata una persona altamente sensibile (HSP). Ma cosa significa? Non che piangi tutto il giorno, ma che hai un sesto senso che ti permette di sentire cose che gli altri non sentono.

Ci sono persone di 50 o 60 anni che non hanno mai scoperto di essere altamente sensibili, ma quando lo fanno, tutto sembra avere un senso - il motivo per cui lottano con cose che sembrano piccole agli occhi di un'altra persona.

Sperando di sostenere gli HSP, Paulo Ferreira ha pubblicato un nuovo libro "Código da Alta Sensibilidade" che condivide gratuitamente con molte persone dalle sue piattaforme di social media. Il libro è in portoghese, ma c'è sempre un sacco di informazioni su questo argomento che è anche facile da trovare in altre lingue.

La prima psicologa che ha scoperto questa terminologia è stata la dottoressa Elaine Aron, che negli anni '90 ha scoperto che l'alta sensibilità è un tratto di personalità che hanno molte persone nel mondo. In realtà, secondo un documentario "Sensitive: The Untold Story", ci sono circa 1,4 miliardi di persone altamente sensibili (HSP) in tutto il mondo, il che rappresenta tra il 15 e il 20% dell'intera popolazione. Questo significa che nella tua famiglia, una persona su cinque è altamente sensibile, lo stesso nel tuo gruppo di amici e tra i tuoi colleghi di lavoro.

Quali sono i tratti principali di un HPS?

In realtà, ci sono molte caratteristiche in cui gli HPS si identificano - menzioniamone solo alcune. Per la dottoressa Aron, tutti gli HSP hanno quattro caratteristiche principali in comune, che lei chiama (D.O.E.S.). DOES è l'acronimo di "profondità di elaborazione", "sovrastimolazione", "reattività emotiva ed empatia" e "percepire il sottile".

Tuttavia, ci sono più tratti di personalità legati all'HPS. Nel suo libro, Paulo menziona alcune altre caratteristiche. Per esempio, gli HSP "detestano la violenza e la crudeltà di qualsiasi tipo". Puoi essere un HSP se non riesci a guardare film sanguinosi o violenti senza turbarti". Inoltre, agli HSP non piacciono i grandi cambiamenti nella loro vita e un nuovo ambiente può essere complicato: "Allo stesso modo, trasferirsi in una nuova casa o viaggiare (anche se è solo una vacanza "divertente"!) può essere piuttosto difficile per te".

Fisicamente, "la tua tolleranza al dolore è più bassa. Gli HSP sono più sensibili a tutti i tipi di dolore - mal di testa, dolori del corpo, ecc." Inoltre, hanno fame rapidamente e possono sentirsi molto turbati e arrabbiati quando hanno fame.

Introversione VS estroversione

Nonostante la maggior parte degli HSP siano etichettati come introversi, circa il 70% degli HSP sono introversi, il che significa che il restante 30% sono estroversi.

Tuttavia, che siano introversi o estroversi, queste persone hanno delle cose in comune. Hanno bisogno di molto tempo libero, preferibilmente per ricaricare le batterie. Secondo il suo libro, gli HSP quando notano ed elaborano tutti i dettagli intorno a loro possono sentirsi prosciugati e il loro cervello può stancarsi facilmente, soprattutto dopo aver lavorato ore extra.

Scientificamente parlando ...

HSP tendono ad avere differenze fondamentali nel cervello, come un maggior numero di sinapsi, "neuroni specchio" altamente attivi - la parte del cervello che ci aiuta a empatizzare con altre persone, come spiega nel suo libro.

"Per le neuroscienze, gli HSP hanno un modo di sentire e capire il mondo che è mediato da un sistema nervoso più sottile. Più connessioni neuronali, i neuroni specchio (legati all'empatia) sono anche più attivi come persone ipersensibili, così come l'amigdala (da non confondere con l'amigdala in gola) è in iperfunzione", si legge nel suo libro.

"Di conseguenza, il loro cervello recupera ed elabora più informazioni al secondo e raccoglie costantemente dati e li associa a ciò che ha accumulato in passato", ha aggiunto.

Dire agli altri della propria sensibilità

Dire agli altri della propria sensibilità non è obbligatorio. Dal suo punto di vista, è qualcosa di molto personale e una decisione che ognuno deve prendere da solo. Tuttavia, l'autore ha avvertito che, per esempio, sul posto di lavoro, può essere inutile dirlo agli altri, perché a volte un'alta sensibilità non è accettata bene sul posto di lavoro.

"Le persone più sensibili hanno una tendenza naturale ad essere gentili", ma la gente può "prendere la tua gentilezza come una debolezza e usarti per i propri interessi". Questo spesso porta all'infelicità e all'ansia negli HSP", ha detto.

Tutto sommato, "ben utilizzati, abbiamo un potenziale enorme", conclude l'autore.