Johan Lundgren, CEO di easyJet ha detto: "Siamo lieti di riaprire il nostro programma di formazione dei piloti per la prima volta da quando la pandemia ha colpito e ci vedrà reclutare oltre 1.000 nuovi piloti nei prossimi anni".

Divario di genere

Tra i piloti di linea, "solo il sei per cento dei piloti in tutto il mondo sono donne". Con questi numeri, easyJet, in questa campagna di reclutamento, sta concentrando i suoi sforzi per incoraggiare le donne a diventare piloti al fine di colmare il divario di genere nel settore.

"Continuiamo a concentrarci sulla sfida agli stereotipi di genere della carriera, avendo raddoppiato il numero di donne pilota che volano con noi negli ultimi anni. Riconosciamo anche che mentre abbiamo fatto progressi, c'è ancora lavoro da fare. Aumentare la diversità in tutte le sue forme nella cabina di pilotaggio è un obiettivo a lungo termine per easyJet e quindi continueremo a garantire di essere leader del settore su questo tema", ha aggiunto il CEO.

Secondo una nota inviata da easyJet, dal 2015, easyJet ha quasi raddoppiato il numero di donne pilota nei suoi ranghi. Come molte industrie, l'impatto della pandemia ha significato che la compagnia aerea ha dovuto mettere in pausa l'assunzione di nuove reclute.

Questa mancanza di donne in questa professione non è solo un problema di disuguaglianze di genere, infatti, ci sono meno donne che si candidano per questo lavoro, in parte a causa della mancanza di modelli di ruolo - molte giovani donne non considerano nemmeno questo lavoro come una possibilità.

Modelli di ruolo

"È importante che le ragazze abbiano dei modelli di ruolo visibili, in modo da poter combattere gli stereotipi sul lavoro e mostrare che chiunque abbia la motivazione e la passione può trasformare le proprie capacità in un pilota di linea. Amo la responsabilità e la sfida che deriva dal mio lavoro - ma non è così impegnativo come destreggiarsi tra le esigenze di una bimba di cinque anni e un bambino piccolo a casa!" ha detto il capitano Iris de Kan, che è una delle star della nuova campagna di reclutamento.

Lavorando per easyJet e madre di due figli, il capitano Iris de Kan, si vede in una delle pubblicità con la figlia Kiki di 5 anni. La pubblicità serve a dimostrare che chiunque abbia la capacità di multitasking può diventare un ottimo pilota.

Il Generation easyJet Pilot Training Programme è stato lanciato il 31 gennaio 2022 sulle piattaforme di social media di easyJet in tutta Europa e nel Regno Unito. Mira ad attrarre giovani con poca o nessuna esperienza di volo per operare un jet passeggeri commerciale in circa due anni attraverso il suo corso di formazione.

Chiunque ami il cielo e sia appassionato di volo può candidarsi se soddisfa i seguenti requisiti: avere almeno 18 anni all'inizio del corso ed essere libero di vivere e lavorare nel Regno Unito, nell'UE e in Svizzera senza restrizioni; aver completato almeno la scuola superiore (un background in matematica, inglese e scienze può essere utile); essere fluente in inglese (scritto e parlato); ed essere in grado di ottenere un certificato medico EASA o CAA Classe 1 come richiesto per la relativa licenza.

Per saperne di più, vedi https://becomeapilot.easyjet.com/