Per curiosità, siamo tornati indietro e abbiamo guardato le foto precedenti di Putin, e abbiamo pensato di vedere lo stesso fenomeno. Ovviamente è stato un body-builder per gran parte della sua vita, e molti, forse la maggior parte dei body-builder, prendono steroidi ad un certo punto. E alcuni consumatori di steroidi a lungo termine, compreso il padre di Tina (anche se non era un body-builder), diventano dipendenti.

Ad essere sinceri, Charl è diventato un drogato di steroidi, cosa di cui ci siamo resi conto per la prima volta dopo che la sua valigia si è persa quando l'abbiamo portato in un viaggio in Russia, tra tutti i posti. Era il classico panico da drogato: non riusciva a pensare ad altro finché non aveva di nuovo i suoi steroidi. Avrei meritato una medaglia per avergli trovato gli steroidi senza ricetta a Mosca in un giorno, ma non l'ho mai ricevuta.

Vorrei aver prestato più attenzione all'osservazione di Tina su Putin, ma invece ho continuato a prevedere che Putin non avrebbe invaso l'Ucraina fino a pochi giorni prima di farlo, sulla base del fatto che nessun leader razionale, per quanto spietato, lo farebbe. Potrebbe bluffare sul farlo, ma farlo davvero non avrebbe altro che lati negativi per Putin, e lui non era stupido.

Ho anche scritto: "Il problema per il pubblico di riferimento, gli spettatori, e talvolta gli stessi collaboratori del leader, è che non possono distinguere tra un atto da 'pazzo' e le azioni di un vero pazzo, a meno che il governante non faccia effettivamente qualcosa di irrevocabile e chiaramente folle. Con Vladimir Putin non siamo ancora a quel punto" e io non pensavo davvero che fosse pazzo.

Così ha invaso. Tre giorni dopo ho sentito Lord David Owen, ex segretario di stato britannico per gli affari esteri, ma anche medico esperto in neurologia e psicologia, dire a Radio Londra che aveva notato lo stesso gonfiore di Tina nella faccia di Putin, ed era giunto alla stessa conclusione. Ma poi è andato un po' oltre.

"Guardate la sua faccia, vedete come è cambiata", ha detto Owen, "Ora ha un viso ovale. La gente ha detto 'Oh, è chirurgia plastica o Botox', ma io non ci credo affatto. O è sotto steroidi anabolizzanti come bodybuilder - e lui è molto orgoglioso dei suoi muscoli e delle strisce fino alla vita e tutto il resto - o è sotto corticosteroidi.

"Se prendi questi farmaci, ti danno questa faccia. Riducono la tua immunità e ti rendono più vulnerabile al Covid. Quest'uomo è stato in completo isolamento, piuttosto straordinario, non vuole vedere nessuno, sta a chilometri di distanza, pressioni tremende. Il che indica che è sotto steroidi e probabilmente, forse, una combinazione di entrambi".

Come diagnosi televisiva, è abbastanza convincente. E spiegherebbe molte cose: non solo i tavoli da 15 metri con lui a un'estremità e i suoi generali all'altra, ma anche l'invasione dell'Ucraina. Gli steroidi anabolizzanti sono associati a una maggiore irritabilità e aggressività; i corticosteroidi sono talvolta legati a mania e psicosi.

Non farei politica solo sulla base di questa diagnosi, ma deve andare nel mix quando si pensa a come trattare con Putin. Un uomo che ha distrutto Grozny e ha aiutato a radere al suolo Aleppo est potrebbe anche cancellare Kiev e i suoi abitanti pur essendo abbastanza sano di mente, ma la sanità mentale di un uomo che accenna a usare armi nucleari se qualcuno cerca di ostacolarlo è discutibile.

I soliti sospetti dei media si sono scatenati con questa storia, con alcuni che spiegano che una testata nucleare "tattica" potrebbe essere usata su una città ucraina "per incoraggiare gli altri" ad arrendersi. Altri pubblicano mappe che illustrano un'arma nucleare russa fatta esplodere sopra il centro del Mare del Nord come avvertimento alla NATO di non aiutare l'Ucraina.

In realtà non c'è molto che qualcuno in Ucraina o i suoi amici stranieri possano fare al riguardo. Nessuno suggerirà loro di arrendersi nel caso in cui Putin intenda davvero farlo (e non ha esplicitamente minacciato di usare armi nucleari, ma solo di fare riferimenti che implicano che l'argomento è nella sua mente.

Un precedente che potrebbe essere preso in considerazione a Washington è il tipo di dichiarazione che il presidente John F. Kennedy fece durante la crisi cubana del 1962, cambiando solo i nomi per dire che "qualsiasi missile nucleare lanciato dalla Russia contro qualsiasi nazione in Europa sarà considerato come un attacco della Russia contro gli Stati Uniti, richiedendo una piena risposta di rappresaglia da parte della Russia".

Potrebbe non scoraggiare Putin, ma certamente terrorizzerebbe i generali intorno a lui. D'altra parte, terrorizzerebbe anche i generali intorno a Joe Biden. Aspettate a parlare di questo, per ora.