La nostra prima giornata catalana è iniziata ai piedi dei Pirenei, ricoperti di nebbia; siamo arrivati in auto dalla Francia. La nostra giornata è iniziata con uno di quei mattini incontaminati. È arrivata drappeggiata in un abito di seta favolosamente blasonato, costellato da miliardi di gocce di rugiada perlacee che scintillavano alla prima luce. L'umidità preziosa viene trasportata sui drappi di seta della natura per baciare il mais e gonfiare l'uva sulla vite. Ma il forte sole primaverile si mette presto al lavoro in questi climi meridionali, regalandoci una giornata catalana da sbandierare mentre scendiamo verso il cuore pulsante di Barcellona.

Ben presto ci troviamo nel centro della capitale catalana, parcheggiati al sicuro vicino al nostro hotel, appena fuori dalle Ramblas. Questa è la patria ancestrale di una moltitudine di meravigliosi tesori nazionali come Joan Miró, Salvador Dalì, José Carreras, deliziose salsicce, paradisiaci formaggi di montagna, architettura romanica, chiese pittoresche, grandiose cattedrali e vini magnifici. Mi fermo qui perché ci sono troppi superlativi da elencare.

Anime indipendenti

Proprio come i baschi, gli abitanti della Catalogna sono anime ferocemente indipendenti e sono davvero terribilmente orgogliosi della loro cultura unica e colorata. A tal punto che un numero crescente di catalani guarda con sospetto al resto della Spagna. Questa regione emana un'atmosfera unica, soprattutto per la sua vicinanza alla Francia.

La Catalogna è famosa per i suoi numerosi vigneti che coltivano uve fresche e fruttate utilizzate per produrre il Cava. Questa delizia rinfrescante e frizzante è, ovviamente, un vino prodotto con il metodo dello Champagne. Ma a differenza dello Champagne, il Cava non è riservato solo ai palati dei ricchi e dei famosi, è bevuto da tutti, compreso il sottoscritto.

Arte e cultura

Naturalmente Barcellona è particolarmente rinomata per l'abbondanza di arte, cultura e architettura. Non ultima la fantastica creazione architettonica che è diventata la famosa basilica della Sagrada Família. Questa, insieme ad altri monumenti modernisti progettati da Antoni Gaudí, costellano questa grande città. Si dice che Gaudí fosse in anticipo sui tempi e molti sostengono che abbia anticipato l'intero movimento Art Nouveau di almeno dieci anni. Un altro grande visionario catalano, Salvador Dalì, dichiarò che l'architettura di Gaudí sembrava quasi commestibile, un po' come le torte nuziali enormi ma delicatamente decorate.

Si dice che da giovane Antoni Gaudì fosse un po' un ribelle. Era molto critico nei confronti della chiesa, aveva una predilezione per la vita mondana e aveva l'aspetto di un dandy. Paradossalmente, negli ultimi anni Gaudí si dedicò alla sua arte, alla religione e scelse persino di condurre un'esistenza spartana nonostante fosse un uomo di notevoli mezzi. Gaudí non si sposò mai e fu tragicamente ucciso da un tram. Ma ha certamente lasciato un'eredità bella e duratura, che ancora oggi può essere ammirata e goduta in quella vivace arena che è la Barcellona di oggi.

Per chi ama seguire le guide, a Barcellona non mancano altre interessanti attrazioni culturali e artistiche. Il Museu Picasso e la Fundació Joan Miró ospitano opere d'arte moderna dei loro omonimi. Il museo di storia della città comprende diversi siti archeologici romani, per cui il patrimonio di questa magnifica metropoli può essere fatto risalire a diversi millenni fa.

Le Ramblas

Per coloro che preferiscono seguire il proprio naso e annusare le fragranze dell'ottimo cibo e del vino invece dei vecchi quadri ammuffiti, non c'è punto di partenza migliore delle Ramblas. Si tratta della famosa strada pedonale alberata del centro di Barcellona. Si estende per poco più di 1,2 chilometri collegando Plaça de Catalunya nel centro con l'imponente Monumento a Cristoforo Colombo a Port Vell. La Rambla costituisce anche il confine tra il Barri Gòtic a est e El Raval a ovest. Lungo la sua lunghezza si trovano edicole che fungono anche da negozi di souvenir. Altri vendono fiori freschi. Commercianti di strada, artisti, caffè sul marciapiede e bar contribuiscono a creare un'atmosfera drammatica e suggestiva. In questa zona si trovano numerose attrazioni degne di nota, tra cui un mosaico di Joan Miró e la Font de Canaletes, un punto d'incontro molto popolare.

Poiché abbiamo alloggiato vicino alle Ramblas, tutte le zone chiave della città sono facilmente raggiungibili a piedi. Il Pony di Shanks è assolutamente il modo migliore per esplorare la città, perché Barcellona non è certo un ambiente in cui la guida in auto possa essere definita piacevole, soprattutto per quanto riguarda il parcheggio.

Tuttavia, i pedoni devono fare attenzione agli e-scooteristi disonesti (e ce ne sono molti). Ora, odio essere una vecchia e noiosa spugna per il divertimento, ma queste cose stanno davvero diventando rapidamente la rovina delle nostre vite. Sono certo che gli e-scooter abbiano un ruolo importante nella vita delle città moderne, ma mi perdonate se presumo che i marciapiedi e le zone pedonali siano destinati esclusivamente all'uso dei pedoni? Per definizione, non si è più "pedoni" se si ricorre a un mezzo di propulsione diverso da quello fornito dalle proprie gambe. Allora perché a queste persone è permesso di sfrecciare a velocità sostenuta sui marciapiedi e nelle zone pedonali? I pericoli sono evidenti? Lo sproloquio è finito.

Mercati

Nessuna grande città iberica sarebbe completa senza un buon mercato fresco. Barcellona non fa certo eccezione. Il Mercat de Sant Josep de la Boqueria (spesso chiamato semplicemente La Boqueria) è un grande mercato pubblico coperto nel quartiere Ciutat Vella della città. Non fatevi prendere dal panico, perché c'è un ingresso comodissimo direttamente sulla Rambla, quindi è facilissimo da trovare.

Una volta trovato, il mercato è un luogo ideale per concedersi un po' di sano e vecchio scrocco, perché l'intero posto è pieno di ogni sorta di prodotti artigianali pregiati e spesso insoliti. È anche una mecca assoluta per coloro che acclamano religiosamente i grandi Dei delle tapas. Pane, pesce e tutta una serie di altri ingredienti vengono trasformati di routine e miracolosamente in un pranzo per i 5.000! Naturalmente, il tutto sarà innaffiato da un bicchiere o tre di vino di produzione locale o da qualche birra ghiacciata. Cosa c'è di meglio in questa atmosfera vivace ma deliziosamente conviviale, dove tutti si danno da fare per assecondare l'amore collettivo per l'ottimo cibo. E grazie a Dio. Amen.

L'affascinante Quartiere Gotico (o Barri Gòtic), con le sue numerose strade medievali strette e acciottolate, è fiancheggiato da bar alla moda, club e ristoranti catalani. Queste vie offrono un'elegante passeggiata fino al bellissimo lungomare di Barcellona, dove è possibile accedere alle spiagge. Lungo la strada, perché non curiosare tra le numerose bancarelle di artigiani che vendono articoli in pelle, ninnoli e gioielli vicino alla Cattedrale di Barcellona. La Plaça del Pi, che prende il nome dalla chiesa gotica adiacente, ospita ogni fine settimana un vivace mercato dell'arte e dell'antiquariato.

Le nostre giornate a Barcellona finivano inevitabilmente per tornare vicino alle Ramblas e al nostro hotel. Da lì, ci siamo sempre spostati in cerca di un rinfresco serale. Ci piaceva visitare la vicina Plaça Reial (Piazza Reale) con le sue palme ornamentali, i bellissimi archi, i deliziosi balconi e i colonnati ornati. Ogni sera si anima e diventa un paradiso per i buongustai, magnificamente illuminato, con un'ottima scelta di ristoranti raffinati. E allora, su con la testa! È ora di sfogliare l'ennesimo menu.