DECOJovem, la campagna di educazione al consumo promossa dall'Associazione Portoghese per i Diritti dei Consumatori, rivolta alle scuole. Consumatori, rivolta alle scuole, ha preparato un laboratorio digitale per i giovani sul tema giovani sul tema: Non seguire le tendenze della moda #Riporta a nuova vita i tuoi vecchi abiti! VITA!


Impatto ambientale del settore della moda


Tutti sappiamo (e sentiamo) che viviamo in una società in una società consumistica, dove l'apparenza è una delle cose più importanti, e la moda è spesso usata come un modo per esprimere noi stessi al mondo!


Anche se la maggior parte dei consumatori non lo sa la produzione e il rapido consumo di abbigliamento e calzature hanno un grande impatto sull'ambiente. Il settore della produzione tessile è considerato il settore ad alta intensità idrica, il secondo ad alta intensità di terreno per le fibre sintetiche e il quinto responsabile delle emissioni di CO2 nell'atmosfera. nell'atmosfera.


Emissioni di gas a effetto serra


L'industria della moda è è stimato essere responsabile del 10% delle emissioni globali di carbonio - più dei voli internazionali e dei trasporti marittimi messi insieme.

Secondo l'Agenzia Agenzia europea dell'ambientenel 2017, l'acquisto di prodotti tessili nell'Unione europea ha generato circa 654 kg di emissioni di CO2 a persona.


Anche il modo in cui le persone si liberano dei abiti indesiderati è cambiato. Se prima le persone potevano donarli alle generazioni più giovani, ora i vestiti finiscono nella spazzatura invece di essere donati.


Secondo europarl, dal 1996, il volume di vestiti acquistati per persona nell'UE è aumentato del 40 del 40%, a seguito di un forte calo dei prezzi. In Europa, ogni anno, le persone consuma circa 26 kg di prodotti tessili e ne butta via circa 11 kg. Anche se gli indumenti usati possono essere esportati al di fuori dell'UE, la maggior parte di essi (87%) viene incenerito o finisce in discarica.


In realtà, se guardiamo al quadro se guardiamo al quadro generale, meno dell'1% degli indumenti viene riciclato nel mondo. La motivo può essere ricondotto alla mancanza di tecnologie adeguate per il riciclo di questo tipo di prodotti. prodotto.


Spreco d'acqua


Nel momento in cui tutti siamo preoccupati per la siccità, è importante dare un'occhiata a questo aspetto. Secondo Europal, per produrre una singola maglietta occorrono 2.700 litri d'acqua, che equivale alla quantità di acqua potabile che un essere umano equivalente alla quantità di acqua potabile che un essere umano deve bere per 2,5 anni. anni. Sembra molto, non è vero?


Beh, per rendere le cose ancora peggiori, la stessa fonte dice che solo nel 2015 l'industria tessile e dell'abbigliamento era 79 miliardi di metri cubi di acqua, perché la produzione tessile ha bisogno di molta acqua e di terreni per coltivare il cotone e altre fibre. fibre.


In termini di inquinamento, non possiamo non possiamo dimenticare che produzione tessile è responsabile di circa il 20% dell'inquinamento dell'acqua potabile a livello mondiale a causa dell'uso di tinture e finissaggi. all'uso di prodotti per la tintura e il finissaggio.


I materiali sintetici rilasciano circa 0,5 milioni di tonnellate di microfibre negli oceani ogni anno. Pertanto, lavaggio di indumenti sintetici è responsabile del 35% delle microplastiche primarie rilasciate nell'ambiente. Un singolo lavaggio di indumenti in poliestere può 700.000 fibre di microplastica che possono entrare nella catena alimentare. catena alimentare.


Volete saperne di più? su questo tema?


Per sensibilizzare i giovani consumatori, DECOJovem, in collaborazione con la Scuola di Moda di Porto, si propone di discutere di questo tema e di far emergere le microplastiche. Scuola di Moda di Porto, si propone di discutere questo tema e di sensibilizzare i giovani sul giovani sul riutilizzo degli abiti che non indossano più e sull'impatto che la produzione tessile ha sull'ambiente. impatto che la produzione tessile ha sull'ambiente.

Attraverso le piattaforme dei social media di DECOJovem, durante la settimana dal 19 al 27 novembre novembre, i consumatori più giovani (e non solo!) potranno seguire le informazioni informazioni su questo tema e promuovere un cambiamento in tutti noi. Pertanto, DECO incoraggia i giovani a seguire questa "tendenza" e a cambiare il loro comportamento! cambiare il loro comportamento!


DECOJovem è la campagna di educazione al consumo di DECO DECOJovem è la campagna di educazione al consumo di DECO rivolta a tutte le scuole e a tutti i livelli educativi interessati a a educare giovani consumatori consapevoli e responsabili. Nell'ambito dell'Educazione alla per la cittadinanza, DECO sviluppa diversi progetti e iniziative di educazione al consumo, fornendo ai giovani consumatori iniziative di Educazione al Consumo, fornendo ai giovani consumatori conoscenze sui loro diritti e sviluppare le capacità di prendere decisioni corrette.


DECOJovem cerca di responsabilizzare le generazioni generazioni future a diventare più partecipative nella costruzione di una società sostenibile. società sostenibile. Per saperne di più su questa o altre iniziative www.decojovem.pt o contattate decojovem@deco.pt.