Musica e industria festivaliera sull'orlo del baratro

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 20-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

L'Associazione Portoghese dei Festival Musicali (Aporfest) ha chiesto al Governo di elaborare una "strategia" per il settore, a rischio di crollo, mentre si stanno organizzando manifestazioni per evidenziare la difficile situazione del settore.

"Le prime notizie di cancellazioni o rinvii di festival per il 2022, come nel caso del SWR Barroselas Metalfest, che non è avvenuto nel 2020 e non avverrà nel 2021, il ritorno nel 2022 è di grande preoccupazione. È tempo che il settore dei festival, degli eventi e della cultura sia finalmente guardato con una strategia di tutela e per evitare che l'intero settore e i suoi professionisti non esistano più" ha detto Aporfest in un comunicato.

La pandemia ha fatto sì che quest'anno i festival musicali siano stati cancellati o rinviati in tutto il mondo, che riuniscono migliaia di persone e l'attenzione si è concentrata soprattutto sui mesi estivi.

In Portogallo, i festival del 2020 che avrebbero dovuto svolgersi sono stati tutti posticipati al 2021. Barroselas Metalfest è il primo festival musicale portoghese ad essere rinviato dal 2021 al 2022 e si teme che molti altri possano seguirne l'esempio.
Aporfest sostiene che i festival musicali non possono essere dimenticati e critica la mancanza di una "strategia efficace ed efficiente del Ministero della Cultura". L'associazione afferma che "più di 300 festival annuali portano ricchezza al Portogallo, provenienti dal flusso di pubblico nazionale e internazionale, cosa che diventa più importante quando i festival si tengono al di fuori delle principali città".

Avvertendo che la "situazione è ai margini", l'Aporfest prevede "un paese senza cultura e divertimento in futuro". E il poco che sopravvive tenderà ad essere privo di qualità. Per quanto tempo i professionisti del settore dovranno continuare a sacrificarsi senza luce alla fine del tunnel?".

A maggio, il Governo ha annunciato il divieto di "festival e spettacoli di natura simile" fino al 30 settembre. Alla fine di settembre, il Governo ha deciso di prorogare questo divieto fino al 31 dicembre di quest'anno. Tuttavia, questi tipi di spettacoli sono consentiti con posti segnati e il rispetto di regole che consentono l'allontanamento sociale.

In caso di rinvio, i possessori di biglietti avevano diritto a richiedere il cambio di un voucher "di valore pari al prezzo pagato", valido fino al 31 dicembre 2021, che può essere utilizzato per "l'acquisto di biglietti per lo stesso spettacolo da svolgersi in una nuova data o per altri eventi organizzati dallo stesso promotore". Se il voucher non viene utilizzato entro il 31 dicembre 2021, "il portatore ha diritto al rimborso del [suo] valore", e può richiederlo dal 1° gennaio 2022, entro 14 giorni lavorativi".

Nel frattempo, un'altra associazione di settore, l'Associazione dei Promotori di Spettacoli, Festival ed Eventi (APEFE) terrà sabato a Lisbona una "Dimostrazione per la Cultura".

Contattata da Lusa, Sandra Faria, dell'APEFE, ha spiegato che la manifestazione si svolgerà "all'interno di Campo Pequeno, come se fosse uno spettacolo". Cioè, "rispettando le regole imposte dalla Direzione Generale della Salute", e con la capacità del recinto limitata a 2.000 persone.

Secondo Sandra Faria, l'APEFE ha invitato "associazioni e movimenti formali e informali del settore", così come gli artisti ad aderire alla protesta.

Le sedi dei concerti hanno chiuso a marzo, quando è stato dichiarato il primo stato di emergenza, anche se gli spettacoli hanno cominciato a essere rinviati o cancellati prima. Le sedi hanno potuto riaprire a partire dal 1° giugno, ma con standard igienici e di sicurezza definiti.

Con l'entrata in vigore del secondo stato di emergenza e il decreto di un nuovo coprifuoco parziale, le sedi concertistiche di tutto il Paese sono state nuovamente costrette a cambiare programma o a rinviare la programmazione, in modo da mantenere l'attività, che può garantire la loro sopravvivenza.

Il Governo ha decretato il coprifuoco tra le 23 e le 5 del mattino, nei giorni feriali, a partire da lunedì 16 novembre, e la "limitazione della libertà di circolazione" nei fine settimana del 14 e 15 novembre e del 21 e 22 novembre.

Il numero dei 121 comuni iniziali, più colpiti dalla pandemia, coperti da tali restrizioni, è salito la scorsa settimana a 191 comuni, come annunciato dal Primo Ministro la settimana scorsa, dopo la riunione del Consiglio dei ministri.

Per l'APEFE, questa decisione "è un duro colpo per il settore".

"Non capiamo, perché se le regole vengono rispettate nei locali, e se sono sicure - e sono più sicure che andare al supermercato - come possono essere aperti i supermercati e non le sale da concerto, in quei momenti, quando la circolazione è organizzata, quando c'è una distanza sociale tra le persone, quando è obbligatorio indossare una maschera" ha interrogato Sandra Faria, dell'APEFE, in una dichiarazione a Lusa.

Il settore Cultura, che "sta già vivendo una tragedia nel 2020", ritiene che la situazione sia stata ulteriormente peggiorata a causa delle restrizioni del fine settimana, ha concluso.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.