Il Museo della Farmacia mostra 5.000 anni di storia

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 28-11-2020 08:00:00 · 0 Commmenti

Il Museo della Farmacia sta portando alle scuole una classe virtuale in cui gli studenti possono ripercorrere 5.000 anni di storia della salute senza uscire dalla classe e interagire con una guida in tempo reale.

"Il Museo va a scuola", l'iniziativa è stata pensata per rispondere all'assenza di viaggi studio dei musei di Lisbona e di Porto, a causa delle misure sanitarie pandemiche. Il programma comprende video didattici e questionari interattivi che aiutano a capire l'evoluzione della farmacia dalla preistoria ad oggi, mostrando ai bambini che ci sono state altre epidemie nella storia dell'uomo.

Dopo il blocco imposto dallo stato di emergenza, il nuovo modello del Museo della Farmacia ha otto moduli ed è stato lanciato all'inizio di novembre. La visita può essere adattata ai bambini, alle scuole o al pubblico in generale, previa registrazione. La collezione del museo permette di viaggiare dalla preistoria e dagli inizi dell'uso delle erbe medicinali alla farmacia spaziale utilizzata dagli astronauti della NASA, grazie a un protocollo con l'agenzia spaziale statunitense. In particolare, per il contesto attuale, è stato creato un tema sulle maschere e le epidemie.

"Diamo la possibilità di avere classi diverse e per i bambini di lasciare la scuola senza lasciare la classe. C'è una guida e un tutorial e c'è molta interattività in modo che i bambini non ascoltino una guida che parla o non guardino video per un'ora. Stai guardando una presentazione che include un po' di tutto e interagisce con lo spettatore", ha detto Gonçalo Magano.

Alcuni moduli includono una spiegazione più dedicata all'educazione, in altri l'animazione "dà vita" ai pezzi. Agli studenti viene poi chiesto di rispondere alle domande sull'articolo presentato. L'esperienza, secondo il curatore, è positiva e uno dei vantaggi è la possibilità di combinare la visita ai due musei, a Lisbona e a Porto, che non sarebbe possibile fare fisicamente in un giorno.

Il patrimonio del museo racconta la storia della salute e della farmacia in tutti i periodi e si estende a diverse civiltà. Nella visita virtuale, il nucleo del Medioevo presenta la peste e la lotta contro le epidemie. Inoltre, si parla di medicine e della lotta contro la peste nera: "Abbiamo la sezione delle maschere e della peste nera e abbiamo fatto una ricerca. Abbiamo incrociato la nostra collezione con le notizie, con i video e con il materiale che abbiamo raccolto su Covid-19 e abbiamo costruito questo nucleo", ha rivelato il curatore del museo. Prima di arrivare alla peste nera che ha infestato l'Europa, i visitatori passano attraverso l'Antico Egitto e l'Antichità Classica, un viaggio che si immerge anche nella cultura tradizionale cinese, nella rivoluzione scientifica e nella scoperta della penicillina.

Sebbene sia sempre stato parte della collezione del museo, il tema della peste nera è stato valorizzato per l'ormai lanciato tour virtuale. "Cerchiamo di ottenere qualche informazione in più e di fare quasi un parallelo tra ciò che è accaduto nel XIV secolo e poi nel XVII secolo, con la peste nera, e ciò che sta accadendo in questo momento", ha detto il curatore.

"Abbiamo cercato di demistificare qui ciò che è stata questa lotta contro la peste. Nelle visite che ho fatto alle scuole, ho cercato di gettare un po' di speranza. Ovviamente è tutto nuovo per noi, ma è già successo, la storia ci insegna che è ciclico, che è già successo e che è stato molto più devastante", ha sostenuto Gonçalo Magano. "Certo, questa pandemia sta crescendo molto, ma quando guardiamo le immagini e quello che cerchiamo di mostrare nel video della peste nera, vediamo una malattia che ha devastato un terzo dell'Europa", ha esclamato.

Le guide cercano di mostrare come queste situazioni siano state "capovolte" dall'uomo e come ci siano ora più risorse e siamo più preparati di quando la peste nera è arrivata in Europa attraverso le carovane di mercanti provenienti dalla Cina e si è diffusa rapidamente nelle città costiere, spinta dalle cattive condizioni sanitarie e abitative. La peste nera è descritta come la più grande pandemia della storia dell'umanità, con epidemie nel XIV, XVII e XIX secolo. In Europa, avrà spazzato via un terzo della popolazione.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.