Pingo Doce "contesterà giudizialmente" una multa di 91 milioni di euro

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 21-12-2020 21:00:00 · 0 Commmenti

Jerónimo Martins, proprietario della catena di supermercati Pingo Doce, ha dichiarato oggi che "contesterà la decisione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AdC) di infliggerle una multa di 91 milioni di euro per la fissazione dei prezzi.

"Pingo Doce contesterà queste decisioni in tribunale e userà tutti i mezzi in suo potere per difendere la sua reputazione e la verità dei fatti", si legge in una dichiarazione di Jerónimo Martins inviata oggi alla Securities and Exchange Commission (CMVM).

L'AdC ha deciso oggi di imporre una multa di 304 milioni di euro a sei catene di supermercati, due fornitori di bevande e due singoli funzionari, per aver fissato indirettamente i prezzi di vendita, una pratica dannosa per i consumatori".

Secondo una dichiarazione dell'ente presieduto da Margarida Matos Rosa, l'ammenda maggiore di 121,9 milioni di euro (ME) è stata applicata a Modelo Continente, seguita da Pingo Doce (91 ME), dal fornitore Sociedade Central de Cervejas (SCC, di 29 anni).5 ME), Auchan (22,3 ME), Intermarché (19,4 ME), Lidl (10,6 ME), dal fornitore Primedrinks (7 ME) e Cooplecnorte (E. Leclerc, 2 ME). Oltre alle entità, sono stati multati anche un direttore della Central de Cervejas per 16.000 euro e un direttore di business unit di Modelo Continente, 2.000 euro.

Il valore delle multe è determinato "dal volume delle vendite delle società destinatarie nei mercati interessati negli anni della pratica", e non può "superare il 10% del fatturato della società nell'anno precedente la decisione di sanzione". Secondo l'AdC, la pratica sanzionata "ha, nella terminologia della concorrenza, il nome hub-and-spoke", e consiste in una pratica in cui "i distributori utilizzano i contatti che hanno con il fornitore comune per garantire, attraverso questo, che tutti pratichino lo stesso prezzo al dettaglio (PVP), assicurando un aumento generale del PVP ed evitando contatti diretti tra di loro, come avviene di solito in un cartello".

In un primo caso, AdC ha condannato una combinazione di prezzi tra Modelo Continente, Pingo Doce, Auchan e Intermarché e The Beer Centre, oltre ai due amministratori. Nel primo caso, secondo AdC, le pratiche sono durate "più di nove anni - tra il 2008 e il 2017", in relazione ai prezzi dei prodotti del Beer Center, come "le birre Sagres e Heineken, ma anche la Bandida del Frutteto e l'Acqua di Luso, anche per farli salire gradualmente e progressivamente nel mercato al dettaglio". Il regolatore del mercato "ha imposto l'immediata cessazione della pratica, non potendo escludere che i comportamenti indagati siano ancora in corso", secondo l'affermazione.

Secondo l'AdC, si tratta delle "prime condanne in Portogallo per una pratica concertata di fissazione indiretta tra imprese di distribuzione attraverso il coordinamento dei fornitori", e sono state eseguite nell'ambito di indagini iniziate nel 2017.

L'AdC afferma che nel marzo 2019 sono state adottate note illegittime, "e alle vittime è stata data la possibilità di esercitare il diritto di audizione e di difesa, che è stato debitamente valutato e considerato nella decisione finale". "L'AdC ha anche effettuato, nella fase di indagine, ulteriori passaggi probatori richiesti dalle aziende target, i cui risultati sono stati anche considerati", ha detto l'autorità di regolamentazione.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.