Fiabe, dolcetti, scherzetti e tradizioni

scritto Jake Cleaver, in Stile di vita · 23-12-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Qualche Natale fa ero a Barcellona e mi sono imbattuto in una strana tradizione natalizia catalana che volevo dirvi di vedere, beh... se mi credete davvero.

Ma mi ha anche ispirato a indagare su quali altre strane tradizioni festive ci possano essere in giro per il mondo, perché in fondo, se credi a questa prima - allora, come me, ora crederai a qualsiasi cosa.

Camminando per Barcellona, visitando molte fiere di Natale, ho notato una netta mancanza di quel tipo grosso, barbuto, con la pancia tonda e allegro che noi consideriamo il Padre del Natale, e invece, sembravano esserci solo tantissimi tronchi - con facce felici dipinte sopra. A quanto pare in Catalogna i regali non vengono consegnati da Babbo Natale sulla sua slitta - hanno un metodo di trasporto completamente diverso. Babbo Natale lascia la distribuzione dei regali in questa parte della Spagna a questo allegro pezzo di legno chiamato "Tió de Nadal", che si traduce in "Il tronco di Natale", ma è anche conosciuto più ampiamente come "Caga Tió", che significa, come posso dirlo gentilmente, il "tronco che defeca". Questo è un grande indizio di ciò che sta per accadere, eppure, non credo che mi crederai. La tradizione è così: Il Tió de Nadal è un tronco cavo, con gambe a bastone, un cappello rosso e un grande sorriso che viene a vivere con voi all'inizio di dicembre. È responsabilità dei bambini tenerlo al caldo con una coperta e nutrirlo bene con frutta e noci (buoni cibi fibrosi che aiutano la digestione), e se lo fanno bene allora la vigilia di Natale tutti si riuniscono e i bambini battono il tronco con un bastone (lo so, non è un bel modo di trattare un ospite della casa) e cantano una canzone che si traduce approssimativamente in questo: "Torrone di cacca, torrone di cacca, nocciole e formaggio mato, se non fai la cacca bene, ti colpisco con un bastone, Tronchetto di cacca! Dopo questo incoraggiamento musicale e un bel po' di botte con il bastone, Tió de Nadal sente il suo intestino muoversi e lui, sono sicuro che avrete già indovinato: escrementi. Una volta che ha cagato tutti i suoi regali e le caramelle non gli servono più, lo gettano sul fuoco per tenere calda la casa.

Vi assicuro che è vero, anche come per complimentarmi con questo "tema natalizio della latrina", mentre passeggiavo per le bancarelle di Barcellona vedevo le statuette di qualsiasi personaggio famoso, da Santana alla Regina - sul cesso con i pantaloni calati fino alle caviglie. Queste statuette di ceramica sono conosciute come "caganers" e sono fatte per decorare i presepi. Permettetemi di fare la scena, vedrete Giuseppe e Maria e il piccolo Gesù bambino addormentato nella sua mangiatoia, i tre saggi che lo adorano, l'asino che mangia felicemente il suo fieno e, naturalmente, nessun presepe sarebbe lo stesso senza - Ronaldo si è seduto sul gabinetto. Credo però che questo sia un buon messaggio da mandare alla gente, perché dimostra che anche i personaggi famosi sono umani.

Sentendomi come se avessi visto davvero tutto ora, ho pensato di dare un'occhiata per vedere se potevo scoprire altre bizzarre tradizioni natalizie in altri luoghi del mondo. Ne ho trovate parecchie e quello che ho notato è che molte di esse sembrano avere un tema un po' inquietante. È un po' come se avessero ancora dei costumi e delle decorazioni di Halloween di qualche mese fa e non volessero sprecarli.

Cominciamo dall'Austria, dove San Nicola ha una controparte malvagia chiamata 'Krampus' che fa il poliziotto cattivo con il poliziotto buono di Babbo Natale. È una specie di creatura demoniaca che si aggira per le strade prima di Natale portando catene e secchielli e se scopre che sei stato cattivo (più che gentile) ti incatena, ti mette nel suo secchio e ti trascina giù all'inferno.

Ma Krampus non è l'unico che si è dimenticato di tornare a casa dopo Halloween. In Norvegia Babbo Natale e la sua slitta trainata da renne sono solo una delle cose insolite che emergono dal radar dei controllori di volo. A Natale gli spiriti maligni e le streghe sono fuori a infestare i cieli, e i norvegesi fanno di tutto per nascondere le loro scope prima di andare a letto la vigilia di Natale, per assicurarsi che una strega opportunista non la rubi e la porti a fare un giro di gioia.

In Guatemala hanno un approccio completamente diverso nel trattare con i mostri, e invece di nascondere le loro scope - in realtà tirano fuori tutta l'attrezzatura per le pulizie. Credono che il diavolo e altri spiriti maligni si annidino negli angoli bui e sporchi della casa. Pertanto, la settimana prima di Natale iniziano a spazzare e a raccogliere tutti i loro rifiuti e a mettere tutto in un grande mucchio fuori. Finalmente un diavolo modello viene messo in cima (un po' come Guy Fawkes, suppongo) e il tutto viene dato alle fiamme. L'idea è in realtà piuttosto buona, fa fare le pulizie di primavera in anticipo e brucia tutte le cose brutte dell'anno precedente e così, come una fenice, possono risorgere dalle ceneri e iniziare un nuovo anno nuovo.

L'Ucraina non è il luogo adatto per essere un aracnofobo, perché non solo ricoprono i loro alberi di Natale con i soliti orpelli, luci fiabesche e baubles che facciamo noi, ma aggiungono anche qualche ragnatela (e ragni).

Inquietante, si potrebbe pensare, ma la storia che c'è dietro è in realtà piuttosto bella.

La leggenda, piuttosto credibile, narra che una volta una povera vecchia signora non poteva permettersi di decorare il suo albero di Natale, ma quando si svegliò la mattina di Natale scoprì che un ragno aveva avuto pietà di lei e filò la ragnatela più gloriosa e scintillante attorno all'albero.

Nella mia ricerca di strane tradizioni natalizie sono rimasto sorpreso di trovarne una anche qui in Portogallo - che non conoscevo. È anche, sorpresa a sorpresa, piuttosto inquietante. Nella "consoada", la tradizionale festa festiva che i portoghesi di solito fanno la vigilia di Natale, mettono a tavola posti extra e servono cibo per i loro parenti defunti. Ho dovuto chiederlo ad alcuni portoghesi per scoprire se è davvero vero. Lo è, e a quanto pare non gli è nemmeno permesso di lavare il piatto fino al mattino. Caspita, avrei pensato che fosse già abbastanza difficile sfamare i parenti in vita, figuriamoci quelli deceduti, ma a quanto pare porta fortuna, e anche il cibo a volte scompare misteriosamente (forse perché la gente ha un certo languorino più tardi la sera).

Sembra che in molti posti non sia sufficiente dire alle persone che riceveranno dei regali se sono buoni, sembra che ci siano anche delle conseguenze se non lo sono. I contadini in Islanda hanno inventato il mito di un felino gigante chiamato "Il Gatto di Yule" che si aggira nella campagna innevata nel periodo natalizio. Dicevano ai loro operai che se avessero lavorato sodo avrebbero ricevuto un nuovo set di vestiti, ma se non l'avessero fatto, sarebbero stati divorati da un gatto gigante. Un po' duro, ma probabilmente efficace dato che la gente in Islanda cerca ancora di vestirsi bene a Natale, in modo che il gatto sappia di ricevere la cena di Natale da qualche altra parte.

Ho trovato alcune strane tradizioni che non sono così inquietanti e intense.

Alcune in realtà sembrano molto divertenti. Nella capitale venezuelana di Caracas, per esempio, tutti vanno in chiesa con i pattini a rotelle il giorno di Natale.

Si tratta di un evento così diffuso e popolare che la polizia chiude le strade per assicurarsi che tutti arrivino sani e salvi.

Quando si tratta di cene di Natale, ogni paese ha il suo piatto caratteristico, qui in Portogallo è Bacalhau, come ci si potrebbe aspettare, ma in Giappone però scommetto che non si può indovinare cosa sia. Grazie a una campagna di marketing particolarmente intelligente nel 1974, una catena di fast food ha convinto la gente del posto che il Kentucky Fried Chicken è una tradizionale festa natalizia americana.

Di conseguenza, il colonnello Sanders si mette il cappello di Natale e si alza il cappello, e ora si deve effettivamente prenotare al KFC il giorno di Natale.

La cosa che ho scoperto di più, però, è che in Nuova Zelanda hanno il MIGLIOR albero di Natale. Per una felice coincidenza naturale, l'albero locale di Pohutukawa fiorisce tra novembre e dicembre con i più bei fiori rossi che forniscono le decorazioni natalizie perfette. Questo significa che gli alberi di Natale rimangono nel terreno all'esterno e la gente porta delle talee per decorare la propria casa (i ramoscelli di Natale li chiamiamo?). Disegnano anche immagini dell'albero sui biglietti natalizi e ne cantano persino i canti natalizi.

Queste idee sembrano tutte un po' strane, non è vero? Ma la storia più strana che ho sentito durante la mia ricerca è stata questa. Siete pronti? A quanto pare c'è questo grande vecchio barbuto e cespuglioso che vive da qualche parte nell'Artico con una squadra di piccoli operai dalle orecchie a punta. Nonostante le temperature gelide, è un tipo piuttosto allegro, a detta di tutti. Il tempo lo tiene legato a casa per la maggior parte dell'anno e così lui e la sua piccola squadra di aiutanti stanno seduti dentro (mangiando forse un biscotto di troppo) e fanno un sacco di giocattoli e giocattoli. In una sera di fine dicembre, però, impacchetta tutti questi giocattoli nella sua slitta e, per quanto ne so, tira su una specie di magico caribù volante che porta in cielo, e, osservando le streghe canaglie (soprattutto mentre sorvola la Norvegia), in una notte viaggia intorno al mondo intero in una notte. Si ferma ad attraccare sul vostro tetto, si succhia la pancia e scivola giù per il camino dove, se siete fortunati, riempie di doni il calzino che avete lasciato vicino al fuoco. Poi si rinfresca con un bicchiere di latte e magari un biscotto (o due) prima di mettersi in viaggio.

Dopo tutte le altre storie mi sembra perfettamente credibile. Buon Natale a tutti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.