Più di 350 vittime della tratta di esseri umani registrate in Portogallo tra il 2014 e il 2018

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 06-02-2021 08:00:00 · 0 Commmenti

Più di 350 persone sono state vittime del traffico di esseri umani in Portogallo tra il 2014 e il 2018, principalmente uomini per il lavoro forzato, rivela un rapporto delle Nazioni Unite, che indica che 150 sospetti sono stati identificati.

I dati sono contenuti nelRapporto globale sulla tratta di persone 2020 dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) e, nel caso del Portogallo, riflettono gli anni dal 2014 al 2018, durante i quali 356 persone sono state identificate come vittime della tratta di esseri umani.

Il rapporto delle Nazioni Unite compila i dati ufficiali portoghesi e mostra che durante questo periodo il genere maschile è stato dominante tra le vittime in questi cinque anni in analisi, soprattutto nel 2016, quando sono state identificate 105 vittime maschili della tratta.

In totale, 221 uomini sono stati identificati tra il 2014 e il 2018, e questi dati sono stati aggiornati fino a luglio 2019.

In questi anni, sono state registrate anche 84 vittime femminili, oltre a 33 ragazze, 14 ragazzi e altri quattro casi di minori il cui sesso era sconosciuto.

In totale, in questi cinque anni, il Portogallo ha identificato 356 vittime della tratta di esseri umani.

La maggior parte di queste persone sono state trafficate per il lavoro in schiavitù (268), quasi la metà di loro (123) solo nel 2016, e ci sono stati anche quattro casi di adozione illegale nel 2018, accattonaggio forzato (7), o 33 casi in cui le vittime sono state costrette alla prostituzione.

Per quanto riguarda la cittadinanza e guardando solo al 2018, ci sono stati 35 cittadini moldavi vittime della tratta, oltre a 11 portoghesi e cinque angolani.

"Nel 2018, 11 cittadini portoghesi sono stati rimpatriati da altri paesi identificati come vittime del traffico di esseri umani", dice il rapporto.

E se il genere maschile è dominante tra le vittime, lo è anche tra i presunti criminali, visto che 20 delle 27 persone identificate nel 2018 erano uomini. Nel totale di cinque anni, 150 persone sono state identificate come sospettate di questa attività criminale.

Queste cifre si riferiscono a 249 casi registrati tra questi anni, tuttavia, se nel caso delle persone trafficate c'è stato un aumento del 42,5 per cento tra il 2017 e il 2018, dato che si passa da 40 casi a 57, quando si guarda al numero di persone arrestate, identificate o consegnate alla giustizia, la tendenza è opposta, con una diminuzione del 10 per cento tra le 30 persone registrate nel 2017 e le 27 dell'anno successivo.

Secondo il rapporto, nel 2017 ci sono state nove persone accusate di traffico di esseri umani e otto persone effettivamente condannate, e le autorità portoghesi hanno rivelato che la maggior parte dei condannati erano cittadini portoghesi.

Il Portogallo è raggruppato nei paesi dell'Europa meridionale, dove questo fenomeno ha un'espressione diversa tra i vari paesi, poiché la maggior parte delle vittime identificate sono donne, anche se i casi tra gli uomini e i giovani sono in aumento.

Nella maggior parte dei casi, queste persone sono trafficate per lo sfruttamento sessuale e la maggior parte dei trafficanti sono uomini.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.