Messa in discussione la tempistica delle riforme del SEF

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Politica · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

La ristrutturazione di SEF non ha luogo a causa delle ripercussioni della morte di un cittadino ucraino all'aeroporto di Lisbona l'anno scorso, secondo il ministro dell'Interno.

"Il tragico evento [l'omicidio di un cittadino ucraino all'aeroporto di Lisbona] non ha niente a che vedere con questa riforma", ha detto Eduardo Cabritanella commissione parlamentare degli Affari Costituzionali, Diritti, Libertà e Garanzie.

Durante l'audizione, la ristrutturazione del Servizio Stranieri e Frontiere (SEF) è stata sottolineata da tutti i partiti politici, con il deputato socialdemocratico André Coelho Lima che ha messo in dubbio il perché di questa riforma ora.

La morte dell'ucraino nelle strutture del SEF all'aeroporto di Lisbona, nel marzo dello scorso anno, è stata descritta da André Coelho Lima come " il caso più oscuro di questo governo e di molti anni di democrazia portoghese".

A sua volta, il deputato del CDS-PP Telmo Correia si è espresso contro "lo smantellamento del SEF ", considerando che dovrebbe essere migliorato.

"Deve essere migliorato e non smantellato per salvare la testa", ha detto Telmo Correia.

In risposta, il ministro ha accusato il membro del partito PSD di "mancanza di senso dello stato" e ha accusato il PSD di non volere alcuna riforma della SEF.

"La risposta non può essere quella che il PSD ha difeso, cioè non fare nulla", ha detto.

Eduardo Cabrita ha ribadito che la ristrutturazione del SEF compie quanto previsto nel programma del governo e passa attraverso "una separazione organica molto chiara tra le funzioni di polizia e quelle di chi autorizza la documentazione degli immigrati".
"Per quanto riguarda l'area di polizia, il ruolo della GNR consolida, nell'ambito di Frontex e si unisce con la Spagna nel controllo delle frontiere marittime e ora anche la gestione delle frontiere terrestri, amplia il ruolo della PSP che ha la responsabilità della sicurezza aeroportuale e rafforza la polizia giudiziaria nella rete e nei reati transnazionali, come l'aiuto all'immigrazione illegale e il traffico di esseri umani", ha detto.

Il ministro ha dichiarato che queste questioni sono già state trattate nel Consiglio Superiore di Sicurezza Interna e le linee generali sono già state trasmesse ai sindacati dei lavoratori SEF.

Eduardo Cabrita ha anche detto che questa riforma viene effettuata in un momento in cui SEF "è stata legata alla migliore risposta pubblica degli ultimi mesi".

Valorizzando "la qualità professionale del SEF", ha sottolineato che il Servizio Stranieri e Frontiere ha partecipato al ripristino temporaneo del controllo delle frontiere terrestri con la Spagna, che non si faceva da 35 anni, è stato legato alla legalizzazione straordinaria degli immigrati nel contesto della pandemia e ha istituito un modello di regolarizzazione per il rinnovo automatico degli stranieri, che è in funzione da giugno.

Per quanto riguarda la morte del cittadino ucraino, Eduardo Cabrita ha dichiarato che la risposta del ministero dell'Interno è stata "data a marzo e non a dicembre", con la verità ancora da determinare nel contesto del processo.

Il processo dei tre ispettori SEF accusati di aver ucciso il cittadino ucraino Ihor Homeniuk si sta svolgendo a Lisbona, e gli imputati sono agli arresti domiciliari dal loro arresto il 30 marzo 2020.

I tre ispettori della SEF sono accusati di aver picchiato a morte il cittadino ucraino, in una situazione che costituisce un omicidio qualificato, un crimine punibile fino a 25 anni di prigione.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.