Blocco comunale dalle 20 di oggi alle 5 di lunedì

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 26-02-2021 11:29:00 · 0 Commmenti

La circolazione tra i comuni del Portogallo continentale è nuovamente vietata tra le 20 di oggi e le 5 di lunedì, fatte salve le eccezioni previste, nell'ambito dello stato di emergenza per combattere la pandemia di covid-19.

Indipendentemente dal livello di rischio di trasmissione del nuovo coronavirus SARS-COV-2, in cui solo 15 comuni rimangono a rischio estremo, il divieto di movimento tra i comuni si applica a tutto il continente portoghese.Il divieto di circolazione tra i 278 comuni del continente durante il fine settimana è stato applicato successivamente dal periodo di Capodanno, "È vietato muoversi al di fuori del proprio comune di residenza nel periodo compreso tra le 20:00 del venerdì e le 05:00 del lunedì, fatte salve le eccezioni previste", si legge nel regolamento del governo per l'attuale stato di emergenza.

Secondo il diploma del governo che regola lo stato di emergenza decretato dal presidente della Repubblica, ci sono una serie di eccezioni al divieto di movimento tra i comuni, tra cui gli spostamenti per lo svolgimento di funzioni professionali (come attestato da una dichiarazione rilasciata dal datore di lavoro o equivalente), per motivi di salute e per adempiere alle responsabilità parentali.

Oltre a questa restrizione, continua il blocco obbligatorio, in cui la regola principale è quella di rimanere a casa, il divieto di vendita o consegna alla porta in qualsiasi stabilimento nel settore non alimentare, il divieto di vendita di qualsiasi bevanda in un stabilimento alimentare, anche in stabilimenti autorizzati per l'asporto e il divieto di bighellonare negli spazi pubblici di svago (che possono, tuttavia, ancora essere visitati). La chiusura obbligatoria a domicilio prevede spostamenti autorizzati per l'acquisto di beni e servizi essenziali, lo svolgimento di attività professionali e di attività fisiche e sportive all'aperto, nell'area dell'abitazione e a breve distanza da essa. Tutti gli esercizi di beni e servizi aperti al pubblico devono chiudere alle 20:00 nei giorni feriali e alle 13:00 nei fine settimana e nei giorni festivi, tranne il commercio al dettaglio di prodotti alimentari, che può operare nei fine settimana fino alle 17:00.

L'attuale stato di emergenza è in vigore fino alle 23:59 del 1° marzo, ma il presidente della Repubblica ha proposto il rinnovo per altri 15 giorni, estendendosi fino al 16 marzo. Secondo i dati della Direzione Generale della Sanità (DGS), diffusi lunedì, il Portogallo ha 15 comuni a rischio estremo di infezione rispetto alla settimana precedente, dopo l'uscita di 104 comuni da questa lista. Una settimana fa, il paese aveva 119 dei 308 comuni a rischio estremo a causa del numero di casi di covid-19, che rappresentava il 38,6% del totale.I 15 comuni che rimangono a rischio estremo sono Aljustrel, Gavião, Manteigas, Resende, Arronches, Boticas, Rio Maior, Castanheira de Pera, Castelo de Vide, Monchique, Moura, Sernancelhe, Setúbal, Ferreira do Alentejo e Penela. Il bollettino epidemiologico della DGS riporta un periodo di incidenza cumulativa di 14 giorni tra il 3 e il 16 febbraio. Due settimane fa, a rischio estremo, con più di 960 casi per 100 mila abitanti negli ultimi 14 giorni, c'erano 219 dei 308 comuni portoghesi.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.