1.000 voli TAP a febbraio

scritto TPN/Lusa, in Viaggi, Notizia, Business · 24-03-2021 15:53:00 · 0 Commmenti

TAP ha eseguito 1.000 voli nel mese di febbraio, un terzo del numero di gennaio, che si confronta con gli oltre 10.000 voli operati nel febbraio 2020, prima dell'impatto della pandemia di Covid-19.

"Per il quarto mese consecutivo, il numero di voli è diminuito, con febbraio che ha sperimentato un calo più profondo, con solo 1.077 voli che hanno avuto luogo, un terzo del numero di voli in gennaio. Entrambe le cifre sono molto lontane dagli oltre 10.000 voli / mese operati in gennaio e febbraio 2019 e 2020", dice il presidente esecutivo di TAP, Ramiro Sequeira.

Nel suo bollettino interno, al quale ha avuto accesso l'agenzia Lusa News, la compagnia aerea ha detto che "nel mese di febbraio si è accentuata la tendenza al ribasso in termini di numero di voli e capacità (ASK - Available seat kilometre), rispetto al febbraio 2020, pre-pandemia", con una riduzione dell'89 per cento del numero di voli e del 92 per cento della capacità", a causa del peggioramento delle misure restrittive, da tutte le regioni del mondo, come modo di contenere la pandemia".

Questa tendenza al ribasso è visibile anche nell'evoluzione del numero di voli negli ultimi mesi, ha detto TAP.

Il tasso di occupazione medio globale di TAP, se ponderato con il volume di voli effettuati ogni mese, tra ottobre e dicembre 2020, è del 52%, ventisei punti percentuali al di sotto del tasso medio globale del 2019, nonostante i successivi e costanti aggiustamenti di capacità effettuati nell'ultimo anno.

Secondo la compagnia, questi numeri derivano dal peggioramento delle misure restrittive in tutte le regioni del mondo, in seguito alla seconda e terza ondata di covid-19, così come l'identificazione di nuovi ceppi del nuovo coronavirus.

Nel breve termine e in uno scenario moderato, la proiezione della IATA per quanto riguarda la domanda aggregata nei mercati in cui TAP opera (Africa, Europa, Nord e Sud America) per giugno 2021 prevede un recupero del 63% del traffico globale e del 55% del traffico internazionale, dimostrando il lento recupero stimato, soprattutto nel traffico internazionale.

TAP proietta, per i prossimi mesi, una capacità in linea con lo scenario moderato della IATA, si legge nella newsletter, firmata dal presidente esecutivo della compagnia, Ramiro Sequeira.

"Di conseguenza, il 10 marzo, abbiamo adeguato la nostra offerta di capacità del 10% in meno rispetto all'operazione pubblicata a gennaio per il primo trimestre di quest'anno, a causa dell'impatto delle restrizioni in mercati come Angola, Brasile e Regno Unito, risultando in una variazione in calo dell'83% rispetto al primo trimestre del 2019", dice.

Per il secondo trimestre, dice, le proiezioni sono un po' più ottimistiche, con la percentuale di capacità sospesa (ASK) prevista, rispetto allo stesso periodo del 2019, in graduale diminuzione, con valori di: 61% in meno ad aprile, 58% in meno a maggio e 45% in meno per giugno.

Queste proiezioni contano sull'evoluzione positiva della pandemia, sull'espansione della vaccinazione e sull'eliminazione di alcune restrizioni alla mobilità delle persone, come è già successo con l'Angola e il Regno Unito, aggiunge.

"Come è evidente, questo scenario può cambiare rapidamente a causa dell'evoluzione delle restrizioni e delle imposizioni sulla mobilità delle persone", avverte.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.