18% Crescita delle vendite di musica alimentata dagli abbonamenti in streaming

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Musica · 30-03-2021 12:28:00 · 0 Commmenti

Il mercato discografico globale ha registrato un aumento del 7,4 per cento dei ricavi delle vendite di musica nel 2020, per un totale di 18,1 miliardi di euro, grazie ai servizi di abbonamento delle piattaforme di streaming.

I dati, condivisi dalla Federazione Internazionale dell'Industria Discografica (IFPI), mostrano che, in un anno di pandemia di covid-19, quell'aumento delle entrate è derivato da una crescita del 18,5 per cento del numero di abbonamenti su piattaforme di streaming, come Spotify e Apple Music.

Dei 18,1 miliardi di euro di entrate globali che l'industria discografica ha ottenuto nel 2020, 11,2 miliardi di euro derivano dallo streaming.

Secondo la federazione, alla fine del 2020, c'erano 443 milioni di utenti con un abbonamento a pagamento alle piattaforme di streaming musicale.

L'IFPI ricorda che il 2020 è stato il sesto anno consecutivo di crescita dei ricavi per l'industria discografica.

I ricavi delle vendite di musica sono aumentati del 3,5% in Europa e del 7,4% negli Stati Uniti e in Canada.

In cima agli artisti che più hanno venduto e guadagnato, a livello globale, nel 2020, ci sono i sudcoreani BTS, il fenomeno della musica pop - chiamato K-Pop - con l'album "Maps of the soul", seguito dal musicista canadese The Weeknd ("After hours") e dalla cantante americana Billie Eilish ("When we all fall asleep, where do we go?").

Il leader delle audizioni in streaming è The Weeknd, con il tema "Blinding lights".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.