La fine della chiusura delle frontiere vede un aumento delle persone che entrano in Algarve

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Algarve, COVID-19, Turismo, Business · 03-05-2021 12:16:00 · 0 Commmenti

Circa 5.000 veicoli hanno attraversato il confine terrestre di Castro Marim, in Algarve, nei primi due giorni dopo la fine del blocco delle frontiere e la riapertura dei collegamenti stradali tra Portogallo e Spagna, hanno detto a Lusa fonti della polizia.

Accanto al Ponte Internazionale del Guadiana, in collegamento tra i due paesi, non c'è più alcun controllo su veicoli e persone e l'attraversamento avviene senza alcuna restrizione, sia per la Spagna che per il Portogallo. "Domenica il movimento stradale è stato molto più alto di sabato, cioè con lo spostamento di cittadini spagnoli verso il Portogallo, si stima che il numero di veicoli possa superare i cinquemila", hanno detto a Lusa elementi delle autorità portoghesi e spagnole.Secondo gli elementi di controllo alla frontiera di Castro Marim, nel distretto di Faro, "il traffico stradale questa mattina era di circa 120 automobili al minuto, un numero superiore a quello registrato sabato e molto più alto di quello dei primi giorni in cui si è verificato il primo deconfinamento". "Con la riapertura delle frontiere, non c'è più controllo, ma ci sono molti cittadini spagnoli e portoghesi che ci chiamano per chiedere se ci sono restrizioni al passaggio", ha detto una fonte della polizia.

Nella città di Vila Real de Santo António, nell'Algarve, centinaia di spagnoli hanno approfittato del fine settimana per pranzare e fare acquisti in Portogallo, indicando al rapporto di Lusa che "il tour è allo stesso tempo un modo di celebrare la fine del periodo di prigionia"."Avevamo bisogno di uscire e goderci l'aria aperta, visto che siamo stati in cattività per molto tempo", ha detto Cristina Tejedor, mentre si godeva un pasto con la famiglia di quattro persone sulla terrazza di un ristorante di Vila Real de Santo António.

La cittadina spagnola ha detto che da tempo sperava che le frontiere tra Portogallo e Spagna venissero aperte, "perché in Portogallo si sente più sicura che in Spagna". "I portoghesi sono più disciplinati, rispettano le norme di sicurezza e indossano una maschera, cosa che non accade nella maggior parte delle città spagnole", ha sottolineato. Cristina Tejedor ha aggiunto che molti spagnoli "hanno l'abitudine di andare in Portogallo nei fine settimana, per godere della gastronomia portoghese e, d'altra parte, per comprare tessuti che non trovano in Spagna". Per i commercianti di Vila Real de Santo António, la riapertura delle frontiere "è un pallone di ossigeno nell'economia, che aiuta a salvare molte imprese" nella città di Raiana."Abbiamo bisogno degli spagnoli, i nostri migliori clienti e da sabato c'è stata una grande affluenza e un grande movimento nei negozi e nei ristoranti di 'nuestros hermanos'", ha detto a Lusa Manuela Romeira, commerciante di prodotti secchi dell'Algarve. uno spazio commerciale nel centro della città pombalina.

Da parte sua, André Costa, un imprenditore della ristorazione, ha sottolineato "il ritorno dei visitatori spagnoli, come una boccata d'aria fresca, in una crisi che non si sa quanto durerà": "Abbiamo avuto un alto livello di occupazione in questi due giorni, con circa il 50 per cento di spagnoli.Il futuro è ancora molto incerto, ma la riapertura delle frontiere ci dà speranza e motivazione per lavorare in attesa che la situazione ritorni a una possibile normalità", ha sottolineato l'imprenditore, credendo che "l'estate può salvare l'anno turistico".Lígia Oliveira, commerciante del settore tessile, ha anche accolto con favore la riapertura delle frontiere, che "è accompagnata dall'aspettativa di una ripresa degli affari" in questi primi due giorni dopo la deflazione tra i due paesi."È una gioia per tutti vedere il centro della città con un grande movimento di spagnoli, i nostri principali clienti durante tutto l'anno. Tra sabato e oggi, ciò che è stato fatturato ci dà già qualche incoraggiamento a procedere", ha concluso.

Secondo la polizia al confine tra i due paesi, il traffico stradale il 1 ° maggio di quest'anno, quasi triplicato rispetto allo scorso anno, quando la circolazione tra i due paesi era limitata.Elementi delle autorità di frontiera hanno detto a Lusa che il movimento stradale "è ancora meno del previsto, perché molti cittadini portoghesi e spagnoli non sono ancora a conoscenza del modo in cui sta procedendo la riapertura del traffico": "Ci può essere un po' di confusione che crediamo possa essere legata al momento della prima deflazione, in cui è diventato poco chiaro ma le frontiere sono rimaste chiuse con eccezioni. In quel momento, ci sono state molte persone che sono state costrette a tornare indietro", ha detto una fonte della polizia. Secondo la stessa fonte, in un solo giorno "è stato impedito l'ingresso in Portogallo a più di 70 persone e anche ai camion 'TIR' pieni di merci, perché alcuni camionisti erano accompagnati da donne, una situazione non coperta dalle eccezioni di traffico derivanti dal decreto del governo". Le autorità di frontiera dei due paesi stimano che il traffico stradale potrebbe intensificarsi alla fine di domenica, in particolare con il ritorno a casa di migliaia di spagnoli che si sono recati in Portogallo durante il fine settimana.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.