La comunità indiana ha risvegliato la cremazione in Portogallo

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Lisbona · 05-05-2021 20:00:00 · 0 Commmenti

Kantilal Jamnadas ricorda perfettamente il luogo dove, per un decennio, la comunità indù ha cremato i suoi parenti, nel cimitero di Alto São João, in un momento in cui non era una pratica comune in Portogallo.

Due alberi enormi, uno abbracciato all'altro, una panchina del giardino e la vista del Tejo sullo sfondo sono la scena del luogo, un posto isolato, che garantiva la privacy delle cerimonie, che potevano essere fatte solo a fine giornata, quando, a tutti gli effetti, il cimitero di Lisbona era già chiuso.

La pinha de lenha, ancora usata in zone remote dell'India, viene fatta all'aperto e, quindi, richiedeva la protezione di occhi curiosi.

Nulla è stato nascosto, ma con il permesso del Comune di Lisbona, di fronte all'arrivo, dopo il 25 aprile 1974, di molti indiani, principalmente dal Mozambico e "pochi" dall'Angola, per i quali la cremazione è imperativa cerimonia religiosa.

Imprenditore fondatore della Dan Cake Portugal, Kantilal Jamnadas arrivò in Portogallo, proveniente dal Mozambico, nel gennaio 1976 - "nessuno immagina" il paese "travagliato" che venne a trovare - e, poco dopo, morì un giovane indiano. La tradizione indù diceva che era necessario cremarlo e poi ci si rese conto che non c'era posto per farlo.

Nonostante fosse stata legalizzata nel 1911, nel codice civile, la cremazione non veniva praticata in Portogallo da 40 anni.

La morte di quel giovane fu l'inizio di un lungo processo, che sarebbe finito nel 1985, con la riapertura del forno crematorio nel cimitero di Alto de São João.

Kantilal ha condotto i contatti con il comune, che ha mostrato "molta comprensione" e non è mai stato contrario alla cremazione, ma la "complessità burocratica" del materiale ha reso la pinha de lenha l 'unica alternativa per anni.

"All'epoca, ci hanno suggerito di portare il corpo da un'altra parte, ma la nostra filosofia è: il destino vuole che nasciamo in un certo posto e la cremazione dovrebbe essere fatta dove finisce la vita", ha spiegato.

"A noi indù piace ricordare i nostri cari come erano in vita", ha riassunto. Sembra semplice: dal nulla che abbiamo visto, al nulla che andiamo, i ricordi rimangono.

Non c'era bisogno di molto altro: lampada a olio, cotone, incenso.

La cosa difficile della cremazione è che "bisogna saper gestire il vento", ha spiegato Kantilal, riconoscendo che "è più doloroso assistere a una cremazione in una pinha de lenha che nel crematorio".

A Lisbona, dove ci sono tre forni crematori, la maggior parte dei morti viene già cremata: Il 60%, secondo i dati del 2020, forniti da Sara Gonçalves. Oggi, il processo di cremazione dura circa due ore.

"È stato un grande servizio che abbiamo fornito alla comunità", considera Kantilal, citando altri due "doni" di ispirazione indù: lo yoga e il vegetarismo.

Fondatore della Comunità indù del Portogallo e presidente uscente della Dan Cake Portugal (nel frattempo venduta a una società francese), Kantilal non nega le sue radici, i suoi genitori sono indiani, ed è già stato in India "più di cento volte", due delle quali in entourage presidenziale.

"Sono uno straniero in India, non ho mai vissuto lì", sottolinea Kantilal, menzionando le "difficoltà" che ha sentito, come proprietario di Dan Cake, quando ha cercato di avviare un'attività nel paese asiatico.

"Di solito dico che ho un'anima indiana, un cuore portoghese e un fisico mozambicano", riassume il volto più noto della Comunità indù del Portogallo, che ha fondato e presieduto per decenni (fino al 2018).



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.