Il sindacato delle guardie carcerarie avverte della carenza di personale

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Politica · 08-05-2021 18:00:00 · 0 Commmenti

Il sindacato del corpo di polizia penitenziaria ha avvertito che c'è una carenza di 820 di questi professionisti per "garantire la sicurezza e il buon funzionamento" delle prigioni, dopo la fuga, domenica 2 maggio, di un detenuto dal carcere di Aveiro (PE).

"Dopo l'evasione di un detenuto in custodia cautelare dal PE di Aveiro domenica scorsa, il SNCGP [Sindicato Nacional do Corpo da Guarda Prisional] viene, ancora una volta, ad allertare sull'insufficienza del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria, una realtà che non può continuare ad essere nascosta. Attualmente mancano 820 guardie per garantire la sicurezza e il buon funzionamento delle carceri portoghesi", ha detto il SNCGP.

In una dichiarazione inviata all'agenzia di stampa Lusa, il sindacato aggiunge che nonostante la mappa del personale della Direzione Generale del Reinserimento e dei Servizi Penitenziari (DGRSP) "preveda 4.977 posti per il Corpo di Polizia Penitenziaria, il fatto è che attualmente solo 4.177 posti sono occupati, e di questi, non tutti sono assegnati a funzioni direttamente legate ai detenuti".

"Questa realtà riduce notevolmente il rapporto tra guardie e detenuti. Cioè, i nostri stabilimenti penitenziari funzionano con 820 guardie in meno, un fatto che condiziona e ostacola seriamente l'adempimento della missione delle guardie carcerarie, oltre ad accentuare il rischio inerente alla professione", avverte l'Unione nazionale del corpo delle guardie carcerarie, presieduta da Carlos Sousa.

In una risposta inviata a Lusa, il DGRSP dice che alle 15:15 di domenica 2 maggio, "un detenuto è evaso dalla struttura carceraria di Aveiro", aggiungendo che ha 23 anni ed è in attesa di giudizio per i reati di furto e coercizione.

"Sono state fatte tutte le comunicazioni richieste dalla legge e si stanno prendendo misure per ricatturarlo. Internamente, si sta svolgendo un processo d'inchiesta da parte del Servizio Centrale di Controllo e Ispezione, coordinato da un pubblico ministero, per accertare le circostanze in cui si è verificato il fatto", ha detto la DGRSP.

L'evaso è l'uomo che, nel dicembre dell'anno scorso, ha rapito un tassista a Fundão, distretto di Castelo Branco, e, sotto la minaccia di un fucile e di un coltello, ha costretto l'autista a guidare fino a Braga.

Il taxi è stato infine intercettato nelle prime ore del 24 dicembre dai soldati della GNR nella zona di Aveiro, mentre viaggiava sull'autostrada 25 (A25).

A bordo del veicolo seguivano un altro sospetto, la moglie dell'ormai fuggitivo, entrambi in custodia, e una bambina di 2 anni, figlia del detenuto e del prigioniero che rimane in libertà.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.