Modifiche alle norme in materia di esplosivi e pirotecnica

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 09-05-2021 16:00:00 · 0 Commmenti

Il segretario di Stato per l'amministrazione interna ha annunciato che il governo sta preparando emendamenti al quadro giuridico degli esplosivi e degli articoli pirotecnici per rendere più sicure le attività che ricorrono all'uso di queste sostanze.

Nella sessione di apertura del seminario iberico sui prodotti esplosivi, organizzato dal Dipartimento Armi ed Esplosivi della Polizia di Pubblica Sicurezza (PSP), Antero Luís ha anche detto che un nuovo regolamento è nel processo legislativo per stabilire nuove "regole per la disponibilità, l'introduzione, il possesso e l'uso di sostanze o preparati che possono essere usati impropriamente nella fabbricazione illecita di esplosivi", seguendo gli standard europei.

Secondo il ministro, questi standard europei "mirano ad armonizzare le regole per limitare l'accesso del pubblico a tali sostanze e a garantire che le transazioni sospette, le sparizioni e i furti, lungo la catena di approvvigionamento, siano debitamente segnalati alle rispettive autorità nazionali".

"Il quadro legislativo sugli esplosivi e gli articoli pirotecnici, distribuito su diversi diplomi, alcuni dei quali hanno più di 30 anni, oltre all'intrinseca obsolescenza rispetto alla realtà attuale del settore e ad altri strumenti giuridici correlati, crea qualche difficoltà nell'armonizzazione con la più recente legislazione comunitaria", ha detto il segretario di Stato.

Secondo il segretario di Stato, l'evoluzione dei processi di licenza inerenti all'operatività di questo settore di attività, insieme al quadro dell'attività stessa, "sono aree che meritano un'attenzione dettagliata e che saranno oggetto di un nuovo approccio, compatibile con l'attuale stato dell'arte del settore a livello europeo".

In questo senso, ha rivelato che il governo sta preparando una revisione del quadro giuridico per gli esplosivi con l'obiettivo di "creare uno strumento giuridico articolato e armonioso che soddisfi i requisiti di licenza e supervisione per lo sviluppo sicuro delle attività che si basano sull'uso di sostanze esplosive".

Per il governatore, questo nuovo quadro giuridico, che abrogherà otto diplomi, "rafforza le informazioni sulla catena di approvvigionamento, i meccanismi di controllo al momento della vendita e le transazioni di sostanze esplosive".

Durante il seminario, che ha visto la partecipazione di rappresentanti della PSP e della Guardia Civil spagnola, il Segretario di Stato ha anche affrontato la questione della sicurezza, che è una "grande preoccupazione" nel settore delle sostanze pirotecniche ed esplosive, in particolare nella manipolazione, trasporto, transazioni e uso.

Antero Luís ha richiamato l'attenzione sui "rischi associati all'uso improprio" nel contesto dei dispositivi pirotecnici, che in Portogallo assume "contorni più preoccupanti nel fenomeno sportivo", considerando che "è urgente combattere".

"Non stiamo parlando solo del traffico di questi prodotti esplosivi, ma anche nella prevenzione degli incidenti legati al loro uso, e anche nella loro azione che promuove la violenza, in particolare nei fenomeni associati allo sport", ha detto.

Antero Luís ha anche sottolineato che "l'uso improprio di queste sostanze vietate assume, a livello europeo, contorni non trascurabili nel quadro della lotta contro il terrorismo", imponendo così un'azione preventiva "come regola d'oro, non solo per le autorità, ma per tutti coloro che lavorano in questo settore".

Secondo il ministro, in Portogallo ci sono quattro fabbriche di esplosivi, 30 officine pirotecniche, cinque officine di micce e polveri, sei officine di caricamento di cartucce, 117 armerie fisse e mobili, 90 depositi e 61 magazzini.

Questi stabilimenti sono autorizzati a operare con sostanze esplosive e, d'altra parte, ci sono 1950 persone accreditate per operare con esplosivi e polvere da sparo e 2303 per lanciare fuochi d'artificio, la maggior parte delle quali sono micro e piccole imprese.

Il seminario affronta i regimi giuridici esistenti in Portogallo e in Spagna nel settore degli esplosivi, oltre ad analizzare le conclusioni dello studio scientifico, preparato dall'Università di Coimbra per il PSP, sulle cause e le conseguenze degli incidenti con prodotti esplosivi avvenuti in Portogallo negli ultimi 20 anni e la prevenzione degli incidenti in questo settore.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.