Il pilota portoghese è stato trasportato al centro medico del circuito Red Bull Ring, a Spielberg, in Austria, per sottoporsi a test diagnostici, che, a prima vista, non ha indicato la presenza di qualsiasi frattura. Tuttavia, il pilota di Almada non ha partecipato alla seconda sessione, tenutasi questo pomeriggio, che ha avuto l'italiano Lorenzo Salvadori (Aprilia) più veloce.

Anche la conferenza stampa del pilota portoghese promossa dal team KTM è stata annullata. Nelle dichiarazioni rilasciate dall'ufficio stampa del team austriaco, Miguel Oliveira si è mostrato, "prima di tutto, deluso dall'inizio del weekend": "Durante la [prima] sessione, il serbatoio del liquido dei freni era troppo vicino alle leve e non riuscivo a fermare la moto, così sono andato ai box un paio di volte fino a quando ho capito cosa stava succedendo e ho migliorato le prestazioni. Quando sono tornato in pista, sono andato un po' largo alla terza curva, ho accelerato fuori traiettoria e ho perso il controllo della trazione", ha spiegato Oliveira.

Secondo il pilota portoghese, è stato lanciato "in aria" ed è stato "colpito dal manubrio prima di atterrare": "Questo è quello che mi ha fatto più male. Abbiamo cercato danni più grandi per vedere se possiamo continuare e cosa possiamo fare", ha concluso Miguel Oliveira, che è tornato questo fine settimana sul luogo della sua prima vittoria nel Campionato del Mondo MotoGP, nel 2020.

Sabato sono previste altre due sessioni di prove libere e le qualifiche per la gara di domenica, la decima del calendario 2021 e la prima dopo una pausa di cinque settimane per le vacanze estive. Miguel Oliveira arriva a questo round che segna l'inizio della seconda metà della stagione in settima posizione, con 85 punti, 71 dietro il leader, il francese Fábio Quartararo (Yamaha).