Noah si è trasferito in Algarve dall'Irlanda l'anno scorso, dopo aver fatto visita a un amico. Mi ha raccontato di aver raccolto tutte le sue cose e il suo gatto e di aver fatto il grande passo, spiegando che "tutto è andato al suo posto; il bel tempo, la bella gente e un appartamento fantastico mi hanno trattenuto qui" e ha aggiunto che "questo posto mi ricorda Cipro, che amo molto dopo averci vissuto per un po'. Sto trovando molte buone opportunità qui e ci sono molte persone spirituali e molte persone con cui sono in sintonia".

Noah ha gentilmente condiviso una sinossi del suo libro che recita: "Nel settembre del 2020, ho lasciato l'Irlanda per camminare sul Cammino di Santiago, partendo da Parigi, per districare il mio cuore spezzato e dare un senso a ciò che è la vita. Questo libro è una raccolta di scritti che ho messo giù durante il mio viaggio. In questo libro cerco ripetutamente di esprimere la connessione dell'amore nella nostra vita quotidiana, l'eccitante semplicità delle relazioni che sono sempre complete in tutti i loro angoli e curve. I viaggi emotivi che gli amanti affrontano separatamente e insieme, quanto può essere grande lo spazio tra due persone che condividono una vita. E quanto una persona possa rimanere vicina, mentre il cordone impercettibile dell'amore incondizionato ignora il tempo e lo spazio, da cui tutti dipendiamo per mantenerci sani di mente".

Le diverse fasi della vita

"Il primo pezzo del libro è in Germania, poi va in Irlanda e poi salto di nuovo a Cipro e poi di nuovo in Francia e poi l'ultima parte è in Algarve e tutti gli ultimi pezzi ambientati in Portogallo sono più o meno l'inizio di una fase diversa della vita con una maggiore indipendenza", aggiungendo che "sono cambiata molto da quando ho iniziato a scrivere questo libro, mi sento molto più sicura di me stessa e indipendente e ho trovato molte più cose di cui essere molto grata e felice nella vita".

Ho chiesto ai lettori cosa possono aspettarsi da "Da qui a Bordeaux" e l'autore mi ha risposto che "i temi principali sono il viaggio, l'amore e la vita e tutti questi argomenti sono molto correlati tra loro", aggiungendo che "volevo che i lettori potessero entrare in risonanza con questo libro e le persone che l'hanno letto hanno detto che ha suscitato riflessioni personali sulle loro esperienze".

Noah ha rivelato che non aveva pianificato di scrivere questo libro e che un paio di anni fa ha iniziato a scrivere un romanzo horror che, mi ha detto, non è stato il suo lavoro migliore, ma ha imparato molto da questo processo. Il fatto di non aver pianificato questo libro ha funzionato molto bene, perché ha continuato a mettere giù piccoli pezzi di saggistica creativa e, a poco a poco, ho scoperto che avevo già una buona parte da trasformare in un libro. Ho iniziato a riordinare tutti i pezzi e la struttura si è costruita da sola.

L'ispirazione

L'autore ha spiegato che l'ispirazione per il suo esordio è stata "la rottura con una ragazza con cui stava da tempo e l'intenzione di fare il Cammino ma senza riuscire a portarlo a termine": "Era ottobre, faceva molto freddo, non avevo fatto abbastanza ricerche e si gelava troppo per stare in campeggio su un'amaca, così sono arrivato solo a Bordeaux. Durante questa passeggiata, stavo scrivendo del viaggio emotivo dopo una rottura, quindi più o meno l'ispirazione erano tutti i sentimenti".

Ho chiesto a Noah se per lui scrivere è stato curativo e mi ha risposto: "Mi aspettavo che fosse così, ma quando ho finito il libro e ho scritto tutto questo, stavo cercando di aggrapparmi al passato, alla ragazza e ai miei sentimenti e scrivevo sempre di più per poter rivivere vecchi ricordi e rivivere ciò che non era più fisico. Comunque sia, credo che sia stato un buon sfogo".

Parlando con Noah, ho capito che era molto appassionato del suo mestiere: "Credo che quando ero bambino non sapevo di voler fare lo scrittore perché all'epoca volevo fare il detective e cose più eccitanti, ma mentre attraversavo tutte queste fasi, scrivevo di tutte e mi sono reso conto che scrivere era l'unica cosa che ho sempre fatto e che mi ha sempre accompagnato, indipendentemente dalle idee che avevo".

Città antiche

Gli ho chiesto se l'Algarve lo ha ispirato e lui ha risposto con entusiasmo: "Sicuramente! È molto rilassante qui e c'è questa sensazione di antico portoghese che si può trovare a Faro, per esempio. Trovo molta ispirazione in molte di queste vecchie città che si sono conservate".

Noah ha affermato che sta lavorando alla stesura di romanzi, "il primo era terribile e all'epoca non avevo le capacità per scrivere un romanzo, ma ora mi rendo conto di quanto sia complesso costruire un vero e proprio romanzo, quindi sto lentamente ma inesorabilmente cercando di scrivere un romanzo".

"Voglio continuare a scrivere, è l'unica cosa che mi vedo a fare, quindi non credo che nient'altro possa sostituire la scrittura" e ha affermato che ha intenzione di fare altre presentazioni di libri in Algarve, in futuro.

"Da qui a Bordeaux" è in uscita! È possibile acquistarne una copia visitando il sito https://coffeewithnoah.com/. Inoltre, è possibile tenersi aggiornati con l'autore Noah Balulis tramite il sito https://www.instagram.com/noahbalulis/.