Fumando giù ma bevendo in alto

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 20-11-2020 01:00:00 · 0 Commmenti

Il consumo di tabacco tra i giovani fino a 16 anni è in diminuzione dal 2003 in Portogallo, ma il consumo di alcol è aumentato leggermente negli ultimi quattro anni.

Le conclusioni si possono trovare nel progetto di indagine europea sulle scuole sull'alcol e altre droghe (ESPAD), che permette di monitorare le tendenze europee per quanto riguarda lo sviluppo di comportamenti che creano dipendenza tra i giovani.

Confrontando gli ultimi dati per il 2019 con lo studio del 2015, il rapporto mostra una diminuzione di tre punti percentuali del consumo tradizionale di tabacco in linea con la tendenza europea.

In calo anche il consumo di tabacco elettronico, che nello stesso periodo è diminuito in Portogallo di cinque punti percentuali, più della media europea (che è scesa di due punti percentuali), e il Portogallo è il Paese con il secondo più basso consumo di questo tipo di sigarette.

Rispetto alla media europea, i risultati mostrano una diminuzione del consumo non solo di tabacco, ma anche di droghe illecite e di alcol, ma, in direzione opposta, il Portogallo ha registrato un leggero aumento del consumo di alcol, invertendo la tendenza al ribasso che aveva seguito dal 2007.

Tra il 2015 e il 2019, la percentuale di studenti sedicenni che hanno ingerito almeno una bevanda alcolica nel corso della loro vita è aumentata dal 71% al 77% e anche la prevalenza del consumo di "binge" (una grande quantità nella stessa occasione) è aumentata.

Nonostante l'aumento, il Paese rimane al di sotto della media europea per la prevalenza del consumo di alcolici negli ultimi 30 giorni, la prevalenza dell'ubriachezza anche negli ultimi 30 giorni e del 'binge drinking', mentre si distingue nella scelta delle bevande.

Dopo la Spagna, il Portogallo è il secondo paese in cui la maggior parte dei giovani ha scelto le bevande distillate rispetto alla birra, al vino, al sidro o agli alcopops l'ultima volta che hanno bevuto, con la quantità di alcol consumata nell'ultima occasione che è stata la decima più alta tra i 35 paesi.

Il Paese si distingue anche dal lato negativo per il consumo precoce di alcolici, in quanto "la percentuale di sedicenni che hanno iniziato a bere all'età di 13 anni o più giovani è notevolmente superiore alla media europea". D'altra parte, ci sono meno persone che si sono ubriacate così presto.

Per quanto riguarda altri comportamenti che creano dipendenza, più della metà dei giovani portoghesi, che sono tra quelli che passano più tempo sui social network nel fine settimana, ha ammesso di aver avuto problemi con l'uso di Internet sui social network e il 24% nei giochi online.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.