Questo è il problema di essere un fanatico riformatore che diventa primo ministro: bisogna avere a che fare con persone veramente testarde, e a volte è difficile spostarle senza ricorrere alla forza. Ecco perché Abiy ha lanciato un'invasione dello stato del Tigray il 4 novembre, e finora ha fatto molto bene.

"Le fasi successive sono la parte decisiva dell'operazione, che consiste nell'accerchiare Mekelle con i carri armati, finire la battaglia nelle zone montuose e avanzare verso i campi", ha detto il 22 novembre il Col. Dejene Tsegaye alla Ethiopian Broadcasting Corporation.

Qui siamo solo a meno di due settimane di distanza, e le truppe del governo federale hanno già catturato Mekelle, una città di mezzo milione di abitanti che è la capitale del Tigray. Non è chiaro quante persone sono state ferite o uccise nei combattimenti, ma è andato così veloce che il conto del macellaio non può essere così alto.

In effetti, è andato tutto così bene che i soldati di Abiy Ahmed probabilmente pensano di tornare a casa in tempo per Natale. Quando il colonnello Dejene ha parlato di "finire la battaglia nelle zone montuose e di avanzare verso i campi", tuttavia, parlava dei nove decimi del Tigray che non ha visto affatto le truppe del governo federale, o al massimo un breve scorcio al loro passaggio.

Il Tigray è esattamente delle dimensioni della Svizzera, con circa lo stesso rapporto tra montagne e campi (anche se le montagne sono un po' più basse). In altre parole, è un territorio ideale per la guerriglia, e un'alta percentuale dei sette milioni di abitanti del Tigray sono persone rurali che conoscono la terra. Inoltre, hanno una lunga esperienza nella lotta contro le truppe del governo centrale.

Quello era il vecchio governo centrale, naturalmente: la dittatura comunista chiamata Derg, guidata da Mengistu Haile Mariam, che ha ucciso l'imperatore e ha governato il paese con il pugno di ferro dal 1977 al 1991.

I tigrayani sono stati il primo gruppo etnico a ribellarsi al dominio di Mengistu. Sono solo il 6% della popolazione dell'Etiopia, ma il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigrayan (TPLF) è stato il più efficace dei gruppi ribelli etnici che hanno sconfitto il Derg.

Il governo federale che prese il potere in seguito, chiamato Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope (EPRDF), era formalmente un'alleanza multietnica. In pratica, tuttavia, i quadri del TPLF controllavano la maggior parte delle cariche di alto livello e prosperavano molto di conseguenza - una situazione che è continuata fino alla nomina di Abiy Ahmed a primo ministro da parte dell'EPRDF nel 2018.

Fu una rivoluzione non violenta, condotta non nelle strade ma nelle file della burocrazia federale. Abiy era il candidato ideale: nella religione e nell'etnia è un etiope a tutti gli effetti, con un padre musulmano di Oromo e una madre cristiana di Amhara. (In persona è cristiano pentecostale, e molto devoto).

Da giovane Abiy ha combattuto nella guerra contro l'Eritrea; ha prestato servizio come alto funzionario dei servizi segreti e sa dove sono sepolti i corpi; è ben istruito e parla correntemente l'amarico, l'Afaan Oromo, il Tigrino e l'inglese. Il suo primo e più importante compito è stato quello di puntare le dita dell'élite tigrayana sulle leve del governo senza una guerra civile.

Purtroppo l'approccio di Abiy - fondendo tutti i partiti basati sulle varie milizie etniche in un unico "Prosperity Party" - non ha funzionato. I quadri risentiti della TPLF si rifiutarono di aderire e si ritirarono gradualmente nel loro cuore in Tigray. Non sostengono ancora apertamente la secessione, ma sottolineano di avere questo diritto secondo l'attuale costituzione federale.

Che la guerra sia iniziata o meno con un attacco non provocato da parte della milizia del Tigray alla base dell'esercito federale a Mekelle all'inizio del mese scorso, come sostengono i portavoce di Abiy, era destinata a finire qui. Tutte le città del Tigray sono state prese dalle truppe federali, ma quasi nessuna delle zone rurali.

Questa potrebbe essere una brillante vittoria per le truppe federali che pone rapidamente fine ai combattimenti. E' più probabile che sia il risultato di una decisione della leadership della TPLF di saltare le battaglie convenzionali che erano quasi destinate a perdere, e andare dritti alla lunga e sanguinosa guerriglia che alla fine potrebbero vincere.

Questo significherebbe la secessione, alla fine, perché non potranno mai riconquistare il potere ad Addis Abeba. Il rischio è che, se la guerra va avanti abbastanza a lungo, anche altri grandi gruppi etnici possano staccarsi dall'Etiopia. L'allentamento di Abiy dello stretto controllo centralizzato che prevaleva sotto l'imperatore, il Derg e la Tplf, ha già scatenato una violenza etnica e settaria che ha reso 2 milioni di etiopi senza casa.

Abiy ha recentemente conseguito un dottorato in studi sulla pace e la sicurezza presso l'Università di Addis Abeba, ma si concentrerà sulla parte "sicurezza" per il prossimo futuro.