OMS Europa raccomanda misure di rafforzamento contro la nuova variante

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 07-01-2021 21:00:00 · 0 Commmenti

L'Organizzazione mondiale della sanità ha invitato i paesi europei a rafforzare le misure di controllo del contagio proveniente dal nuovo coronavirus di fronte alla «situazione allarmante» causata dalla nuova variante scoperta nel Regno Unito.

In una conferenza stampa virtuale, il direttore regionale dell'organizzazione, Hans Kluge, ha dichiarato che l'Europa è «a un punto di svolta» nella pandemia, sostenendo che «scienza, politica, tecnologia e valori devono costituire un fronte unito per respingere questo virus persistente e sfuggente».

« Per qualche tempo, dovremo fare di più di quanto abbiamo fatto e intensificare le misure sociali e sanitarie pubbliche. Queste sono le misure di base che tutti conosciamo che devono essere identificate per ridurre la trasmissione del virus e ridurre la pressione sugli ospedali», ha detto.

Questi sono «l'uso diffuso di maschere, che limitano il numero di persone in incontri, distanza fisica» e aumentando il numero di persone vaccinate, insieme a rafforzare i test, ha elencato.

La nuova variante di SARS-COV-2 rilevata nel Regno Unito è «causa di allarme» a causa della sua maggiore capacità contagiosa. «Senza un aumento del controllo per ridurre il tasso [di nuovi contagio] ci sarà un maggiore impatto sulle strutture sanitarie già sotto pressione», ha sottolineato Hans Kluge.

Questa variante, che potrebbe «nel tempo sostituire i ceppi circolanti» del nuovo coronavirus, sta già circolando in 22 paesi nella regione europea e non mostra «cambiamenti significativi nella gravità» della malattia che provoca né è più pericoloso per i bambini, ha detto.

Per ora, i dati mostrano che «quasi la metà» dei 53 paesi coperti dal dipartimento europeo dell'OMS ha un'incidenza di oltre 150 casi per 100.000 abitanti negli ultimi sette giorni e in un quarto dei paesi il numero di casi è aumentato del 10% nelle ultime due settimane.

« Queste cifre devono essere comprese con una certa cautela», ha affermato Hans Kluge, sottolineando che «l'impatto delle festività natalizie, con riunioni di famiglia, comunità e rilassamento della distanza fisica e indossare maschere non può ancora essere determinato.

Poiché anche il numero di test condotti è diminuito nelle ultime settimane, il quadro attuale del corso della pandemia può essere incompleto, ha aggiunto.

Hans Kluge ha indicato che nei 27 paesi che condividono dati nel meccanismo di monitoraggio della mortalità in eccesso, nel 2020 ci sono stati 313.000 morti in più rispetto alla media degli anni precedenti, con un aumento del 300 per cento rispetto al 2018 e di quasi 500 per cento rispetto al 2019.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.