Dicembre triste per gli hotel dell'Algarve

scritto TPN/Lusa, in Algarve · 09-01-2021 16:00:00 · 0 Commmenti
Dicembre triste per gli hotel dell'Algarve

L'industria alberghiera in Algarve ha registrato un tasso medio di occupazione per camera del 14,5% per cento nel mese di dicembre, il valore più basso mai, ha annunciato l'Associazione delle imprese alberghiere e turistiche dell'Algarve (AHETA).

Il presidente di AHETA, Elisérico Viegas, ha dichiarato all'agenzia Lusa che «il 2020 è stato l'anno peggiore di sempre per il turismo dell'Algarve, con il crollo avvenuto in tutti i mercati che emettono turisti».

Secondo i dati forniti dall'associazione, le circa 80 unità abitative rimaste in funzione a dicembre nella regione hanno registrato un calo del 60,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019.

Secondo AHETA, i mercati che hanno contribuito maggiormente al declino sono stati gli olandesi con meno 83,3 per cento dei turisti, seguiti dagli inglesi (-79,6 per cento), dal tedesco (-58,4 per cento) e dal mercato nazionale (-37 per cento).

Nel mese di dicembre, il volume delle vendite ha seguito il calo dell'occupazione, registrando un calo del 62,3 per cento rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

L' occupazione letto registrata in valori accumulati dal gennaio 2020, una diminuzione media di 56,8 e il volume delle vendite è diminuito del 58,5% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Secondo i dati dell'associazione, in termini accumulati nel corso dell'anno 2020, si sono registrati meno 15,3 milioni di pernottamenti nelle oltre 400 unità ricettive ufficialmente classificate in Algarve, con il fatturato registrato un calo di oltre 800 milioni di euro.



Articoli Correlati


Comments:

Be the first to comment on this article
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.