Il gruppo più infetto tra i 18 e i 24 anni

scritto TPN/Lusa, in Notizia, La Sezione Sostenibilità · 19-01-2021 13:00:00 · 0 Commmenti

I giovani tra i 18 e i 24 anni sono la fascia d'età con la più alta incidenza di nuovi casi di infezione da nuovo coronavirus, secondo uno studio del matematico Carlos Antunes, che avverte del peggioramento della situazione negli adolescenti.

Il professore dell'Università di Lisbona ha analizzato i nuovi casi di infezione tenendo conto di cinque nuove fasce d'età, che separano bambini e giovani in base ai diversi cicli di insegnamento che frequentano.

L'analisi confronta l'impatto sui bambini da 0 a 5 anni (pre-primaria), dai 6 ai 12 anni (che frequentano il 1° e il 2° ciclo), dai 13 ai 17 anni (3° ciclo e secondaria), dai 18 ai 24 anni (che comprende gli studenti dell'istruzione superiore), dai 25 ai 65 anni (popolazione attiva) e la fascia d'età delle persone oltre i 66 anni (popolazione non attiva).

Il matematico ha fatto dei calcoli basati sui dati pubblicati lo scorso fine settimana e ha concluso che i "casi" di infezioni tra i giovani in Portogallo sono "peggiorati", secondo l'agenzia di stampa Lusa.

Il professore della Facoltà di scienze ha analizzato il numero di persone infette registrate negli ultimi 14 giorni tenendo conto dell'universo di ciascuna delle fasce d'età analizzate.

Di conseguenza, "i giovani tra i 18 e i 24 anni sono il gruppo con la più alta incidenza di nuovi casi di covid-19", ha detto a Lusa Carlos Antunes.

Per ogni 100 mila abitanti tra i 18 e i 24 anni, ci sono stati 1.552 nuovi contagi tra il 3 e il 17 gennaio.

Lo specialista ricorda che questo gruppo riunisce gli studenti delle scuole superiori, ma anche tutti gli altri giovani che, anche se hanno smesso di studiare, sono di solito quelli che mantengono una vita sociale più intensa.

L'analisi mostra anche che i giovani dai 13 ai 17 anni sono diventati la terza fascia d'età con la più alta incidenza accumulata negli ultimi 14 giorni.

"Questi due gruppi (dai 13 ai 17 anni e dai 18 ai 24 anni) sono stati quelli che più hanno visto aumentare l'incidenza dall'inizio dell'anno", avverte il matematico nelle dichiarazioni a Lusa, sulla base dei dati aggiornati al 17 gennaio.

Fino al 13 gennaio, i giovani tra i 13 e i 17 anni erano il quarto gruppo con la più alta incidenza di casi, ha ricordato Carlos Antunes.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.