Perché questo blocco è così difficile?

scritto PA/TPN, in Stile di vita, Salute · 30-01-2021 16:00:00 · 0 Commmenti

Luke Rix-Standing chiacchiera con uno psicologo clinico per scoprire cosa possiamo fare al riguardo.

Gennaio è difficile nei momenti migliori, ma con l'isolamento tre in pieno svolgimento per molti, un semplice sguardo ai social media, o una chat con amici e familiari, rivela che molte persone stanno lottando più ora che in qualsiasi altra fase della pandemia, e non sembra impostato per allentare presto.

Abbiamo parlato con Julia Faulconbridge, vice presidente della Divisione di Psicologia Clinica presso la British Psychological Society, sul perché questo blocco è proprio così punitivo, e le piccole cose che potrebbero renderlo migliore...

Una cosa stagionale

In gran parte, naturalmente, possiamo dare la colpa al tempo. Dalle lunghe notti invernali alle brevi giornate di gelo, il mondo è semplicemente meno amichevole di quanto non fosse in primavera - che tu sia in isolamento o meno. "La stagione è un fattore importante", dice Faulconbridge, "e l'isolamento nel profondo inverno è intrinsecamente più difficile con così tante meno opportunità di stare all'aperto.

"All'estremo dello spettro ci sono le persone affette da Disturbo Affettivo Stagionale, per le quali i livelli di luce hanno un impatto significativo sulla loro salute mentale, e gennaio e febbraio sono tempi duri se stai passando un periodo difficile".

Aspettative deluse

È la speranza che uccide, e Faulconbridge sostiene che la piena trasparenza sulla portata della crisi avrebbe potuto impostare le persone in modo più efficace per le sfide della pandemia.

Alcuni messaggi hanno probabilmente portato molti a credere "che le cose stessero migliorando - 'Una volta che arriviamo a Natale, tutto andrà bene', e così via - e poi si viene sbattuti indietro perché si pensava che la fine fosse in vista. Tutti quelli che conosco ora si sentono sprofondati in un posto molto più buio grazie alla realizzazione che questo è ancora per il lungo periodo".

Non è il messaggio più allegro del mondo, ma se gestisci le tue aspettative, è molto meno probabile che tu rimanga deluso. Faulconbridge cita una "carenza di informazioni" riguardo alle informazioni sui virus, che sta contribuendo ad alimentare il cospirazionismo e l'ansia: "[Alcune] persone stanno spegnendo le notizie come strategia di coping, quindi i messaggi non sempre passano. Per esempio, un certo numero di persone non sa che una dose di vaccino non garantisce l'immunità".

L'isolamento è ancora difficile

C'era la speranza, a ottobre, che dopo aver trascorso mesi rinchiusi in casa all'inizio dell'anno, potessimo essere meglio preparati contro ulteriori chiusure. Ma nel 2021, i lockdown sono ancora molto difficili.

"Si ottiene un effetto pentola a pressione che si accumula per le persone per un lungo periodo di tempo, e al momento, se sei in una situazione di stress c'è molto poco che può alleviarlo". Non tutti i blocchi sono creati uguali, e Faulconbridge cita una metafora popolare che afferma che, anche se siamo tutti nella stessa tempesta, alcuni di noi sono in vasi molto diversi.

"Ci sono gli anziani spesso isolati, le persone tagliate fuori dalle loro famiglie allargate, i bambini, in particolare i bambini più poveri delle famiglie meno abbienti, i giovani senza una vita sociale, i single che non riescono a far funzionare le relazioni, e le persone che si sentono spinte ad andare a lavorare in ambienti non sicuri per guadagnarsi da vivere", dice Faulconbridge. "C'è così tanta complessità nelle circostanze delle persone, e per molte di queste persone più la pandemia va avanti, più le cose possono essere difficili".

Strategie di coping

Alcune persone avranno già messo in atto delle strategie, ma quando il gioco si fa duro Faulconbridge raccomanda gentilezza e compassione, non solo verso gli altri ma anche verso se stessi: "Non c'è una persona che non sia stata colpita da questo", dice, "quindi cercate di capire le pressioni che agiscono su tutti. Potrebbero arrabbiarsi più rapidamente, o ritirarsi di più, quindi non affrettatevi a giudicare loro o voi stessi.

"Non pensare, 'dovrei gestire meglio', perché tutti noi stiamo gestendo al meglio, e accetta che per questo periodo, i normali modi di vivere non possono continuare. Non sei solo tu a non farcela" e sapere questo di per sé può dare almeno un po' di conforto.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.