La scadenza per lo sgombero dei terreni si avvicina

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Proprietà, Renature, Rinnovabile, Casa e giardino · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Rimane solo un mese per assicurare la pulizia dei terreni forestali, anche intorno alle case, con la scadenza del 15 marzo che rimane invariata, nonostante la chiusura generale a causa di Covid-19, nonostante le richieste di una proroga.

Secondo la legge di bilancio dello Stato per il 2021, i lavori per l'attuazione della gestione contro gli incendi, che consiste in una striscia di 50 metri intorno alle case e altri edifici e una striscia perimetrale di 100 metri intorno ai centri abitati, parcheggi, campeggi e zone industriali, "dovrebbero essere completati entro il 15 marzo".

L'agenzia di stampa Lusa ha interrogato il Ministero dell'Amministrazione Interna sulla possibilità di estendere il termine per lo sgombero dei terreni forestali, dato che l'isolamento decretato a causa della pandemia Covid-19 continuerà durante il mese di marzo, ma al momento di andare in stampa non avevano ricevuto una risposta.

Nel 2020, il termine di "fino al 15 marzo" è stato prorogato due volte dal governo, prima il 2 aprile fino al 30 aprile, poi di nuovo il 2 maggio fino al 31 maggio, sotto le misure eccezionali dovute alla pandemia di Covid-19.

"È importante non dimenticare che il paese ha un enorme rischio di incendi boschivi e che questo rischio richiede un grande sforzo di pulizia", ha detto António Costa, nell'ambito dell'annuncio, il 2 aprile, della prima estensione del termine per i proprietari di procedere alla pulizia dei boschi.

Con questa decisione, il governo intendeva "creare condizioni migliori" perché le persone potessero adempiere a questo obbligo, "tenendo conto delle forti limitazioni di movimento" dovute alla chiusura generale.

Visto il mancato rispetto da parte dei proprietari del termine per la pulizia dei terreni, i consigli comunali devono garantire, fino al 31 maggio che tutti i lavori di gestione del combustibile siano eseguiti, "mediante una comunicazione e, in mancanza di risposta entro cinque giorni, mediante un avviso da affiggere sul posto di lavoro".

Anche quest'anno le multe sono state "raddoppiate", da 280 a 10.000 euro nel caso di persone fisiche, e da 3.000 a 120.000 euro nel caso di società, associazioni, fondazioni.

Nel 2020, la Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha iniziato l'ispezione dei terreni forestali a partire dal 1° giugno, dopo la fine del periodo prolungato per la pulizia, indicando che, fino a quel momento, sono state identificate "23.852 situazioni non conformi", comunicate ai rispettivi comuni, con maggiori incidenze riscontrate a Leiria, Castelo Branco, Viseu, Coimbra, Braga, Santarém, Vila Real, Viana do Castelo e Aveiro.

I proprietari diforeste chiedono l'estensione della scadenza

La Federazione Nazionale delle Associazioni dei Proprietari di Foreste(FNAPF) difende l'estensione del periodo di sgombero dei terreni fino al 31 maggio, considerando le condizioni climatiche "più avverse" e il confinamento dovuto alla pandemia.

"Penso che il governo avrà, di nuovo, il buon senso di estendere il termine", ha detto il presidente della FNAPF, Luís Damas, parlando contro la scadenza del 15 marzo, perché i proprietari assicurino la gestione dei loro terreni, anche intorno alle case.

Parlando a Lusa, il rappresentante dei proprietari di boschi ha detto che la scadenza "è superata, perché in natura non ci sono date, ci sono cicli, alcuni anni, l'inverno e la primavera sono prolungati, sono più secchi o più umidi, e questo non ha una data fissa".

"Siamo stanchi di dire che questo non può essere dettato da date, ogni anno bisogna guardare quando ha piovuto. Per esempio, quest'anno è un anno che ha visto molta pioggia, ci sarà molta acqua disponibile, quando arriverà il caldo, le piante innescheranno la loro crescita", ha dichiarato il presidente della FNAPF.

Per questo motivo, ha continuato, se i proprietari iniziano già a dissodare il terreno, ci sono luoghi in cui dovranno tagliare i cespugli e le piante erbacee "tre e quattro volte" per rispettare l'obbligo dei piani di gestione.

Inoltre, poiché quest'anno le condizioni climatiche sono "più avverse", ci sono terreni dove non è possibile intervenire ora, perché "sono in eccesso di umidità", il che rende difficile la circolazione di persone e macchine in queste zone, ha aggiunto.

Un altro fattore che giustifica l'estensione del periodo di pulizia dei terreni, secondo i proprietari dei boschi, è il blocco dovuto alla pandemia di Covid-19, che "avrà implicazioni", ha detto Luís Damas.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.