Cosa sta causando il declino della quercia da sughero?

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Algarve, Rinnovabile · 19-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Uno studio coordinato da un ricercatore dell'Università di Algarve (UAlg) ha collegato la comparsa di una proteina nel fogliame con un patogeno che colpisce le radici e causa il declino della quercia da sughero.

Lo studio coordinato da Ana Cristina Coelho, del Centro di Elettronica, Optoelettronica e Telecomunicazioni (CEOT) di UAlg, è stato pubblicato sulla rivista online PLoS ONE e "si inquadra in un fenomeno che ha già avuto luogo da molti anni" in Portogallo, e in particolare in Algarve, ma anche in Spagna e Italia.

Si basa su un lavoro che ha messo in contatto le piante con il microrganismo responsabile di infettare le radici e che "sembra essere responsabile di minare lentamente la vitalità degli alberi".

"Abbiamo un forte declino nelle foreste di sugheri e lecci e nel montado, e questo declino è stato associato a una serie di fattori. Uno dei fattori è stato associato all'interazione con un organismo patogeno [l'oomicete Phytophthora cinnamomi]", ha detto Ana Cristina Coelho all'agenzia di stampa Lusa.

La ricercatrice ha spiegato che "l'organismo patogeno infetta le radici" degli alberi adulti, sul campo, e questo "rende difficile sradicare e trattare e anche studiare il processo" che porta alla perdita di vitalità e, infine, alla morte di queste specie.

"È difficile da individuare, da isolare, e sarà difficile fare qualsiasi tipo di trattamento a livello delle radici. Ma soprattutto è necessario dimostrare che c'è davvero una relazione tra la vitalità dell'albero e ciò che accade a livello delle radici in relazione a questa infezione", ha sostenuto.

La ricercatrice dell'UAlg ha chiarito che, "tra i molteplici fattori" che causano il declino della quercia da sughero, ha "lavorato sull'interazione della quercia da sughero e questo patogeno".

Lo studio ha cercato di capire se ci fossero alterazioni in altre parti dell'albero, oltre alle radici, che potessero stabilire una relazione con l'organismo responsabile dell'infezione.

"E abbiamo lasciato le piante per otto mesi, con annaffiature e tutte le condizioni perché potessero vegetare bene, e poi siamo andati a vedere, dopo gli otto mesi, se era davvero possibile identificare qualche alterazione nelle foglie. Quello che abbiamo osservato è che c'erano alterazioni nelle foglie a livello di proteine, e ci può essere una relazione tra le proteine che sono state identificate nelle foglie e l'infezione", ha aggiunto.

Oggi, ha sottolineato, si sa solo che un albero è in declino attraverso l'osservazione di fattori visivi - la perdita di foglie, il gocciolamento di liquido nel tronco o la comparsa di rami secchi alle estremità. Il declino "è molto lento, possono passare 10 o 15 anni" prima che possa essere rilevato.

Il complesso rilevamento è motivato dal fatto che ci sono anche diversi altri fattori che possono influenzare la comparsa del problema, come quelli climatici, e rende difficile confermare se l'albero sta crescendo bene, o se è infetto, "perché non si potrà mai sapere il livello di infezione della rizosfera di un albero - l'insieme delle radici o il sistema radicale".

Anche se non ci sono cifre disponibili per misurare questo problema, il ricercatore dell'UAlg ha detto che "visivamente, la zona più colpita è l'Algarve", dove c'è "una percentuale di alberi con sintomi molto, molto forti", e "zone dove c'è già una grande scomparsa di alberi", ma il problema è stato registrato anche in Spagna e in Italia.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.