Portogallo e Brasile si uniscono in onore delle donne militari nelle missioni di pace

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 08-03-2021 17:00:00 · 0 Commmenti

I governi di Portogallo e Brasile celebrano oggi congiuntamente la Giornata internazionale della donna rendendo omaggio alle donne militari coinvolte nelle operazioni di mantenimento della pace in tutto il mondo.

"Nella Giornata Internazionale della Donna, il Portogallo dà grande valore alla presenza delle donne nelle Forze Armate e al loro contributo unico alla pace internazionale. Congratulazioni", ha detto il ministro della difesa nazionale del Portogallo, João Gomes Cravinho.

L'omologo brasiliano di Crazinho, Fernando Azevedo e Silva, ha approfittato dell'evento per esaltare la "dedizione e la professionalità" con cui i militari delle Forze Armate del Brasile "servono la nazione, e che è fonte di orgoglio" per il paese sudamericano.

Per quanto riguarda le sue esperienze in contesti internazionali, il capitano di fregata Carla Araújo, con 24 anni di carriera nella Marina brasiliana, ha evidenziato la missione di pace che ha svolto nella Repubblica Centrafricana e ha sottolineato che, molte volte, "ha sentito di non essere capace", ma che la fiducia nel "suo talento, intuito e capacità" sono stati fondamentali.

"Questo mio sogno, non ho mai pensato che sarei stata in grado di farlo, ma oggi sono molto grata. Ho inseguito ciò in cui credevo, ho contato sulle persone che amavo e sono molto più felice", ha detto Carla Araújo.

Il tenente colonnello Ivana Mara, dell'esercito brasiliano e che ha servito nella missione di pace ad Haiti, spera che si rafforzino le opportunità "per uomini e donne, allo stesso modo" nel campo militare.

"Vedo che si stanno aprendo molte porte per noi donne. Molte stanno assumendo funzioni di comando, per la loro dedizione, per la loro capacità. Vedo oggi che uomini e donne, indipendentemente dal numero, finiscono per completarsi a vicenda, con nuove idee, con visioni diverse. Penso che questo sia l'obiettivo, il successo dell'organizzazione", ha detto, a sua volta, il maggiore brasiliano Luanda Bastos, con missioni in Congo e Sudan.

Da parte portoghese, il maggiore Susana Marques, dell'aeronautica portoghese e che ha svolto una missione di pace in Colombia, ha dichiarato che durante la sua carriera si è sempre sentita riconosciuta e ha consigliato a tutte le donne che vogliono entrare nell'esercito:" fatelo senza paura", garantendo che l'impegno e il rispetto accordati al servizio militare saranno ricompensati "nella stessa proporzione".

"Sento di aver aperto molte porte alle generazioni future, a giovani determinati, come me, che possono avere una professione e una carriera nelle Forze Armate", ha sostenuto il capitano-tenente portoghese Reys Santos, sottolineando che nei suoi 23 anni di carriera nella Marina ha scoperto il "vero significato del termine famiglia navale", dove ha trovato "un alto spirito di affiatamento", che ha permesso il successo delle missioni.

Il numero totale di soldati portoghesi nelle forze nazionali schierate in missioni internazionali di pace è 560, 25 dei quali sono donne. Il contingente nazionale nella Missione di formazione dell'Unione Europea nella Repubblica Centrafricana (EUTM RCA) è composto da 57 soldati, di cui quattro sono donne: tre portoghesi e una brasiliana, secondo i dati dell'ambasciata portoghese a Brasília.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.