PSD ammette che "ci sono le condizioni" per iniziare ad aprire "molto del territorio"

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19, Politica · 09-03-2021 11:01:00 · 0 Commmenti

Il partito politico PSD ha detto che, sulla base degli indicatori presentati dagli esperti, ci possono essere le condizioni per "aprire un po' la società" in gran parte del territorio, rammaricandosi che il piano di allentamento della chiusura non sia stato ancora presentato in anticipo.

Al termine di un'altra riunione a Infarmed, a Lisbona, sulla situazione epidemiologica del Portogallo alla quale ha partecipato in videoconferenza, il vicepresidente del banco socialdemocratico Ricardo Baptista Leite ha insistito di nuovo su un deconfinamento con un "approccio regionale" e ha sottolineato che la Pasqua dovrebbe essere un momento di limitazioni di movimento e senza la mescolanza di famiglie. "Dopo un periodo incontrollato della pandemia, e due mesi di misure di confinamento con costi enormi per le persone e le imprese da un punto di vista sociale ed economico, oggi cominciamo a vedere la possibilità di aprire un po' la società, di cominciare a discutere in modo più serio le misure di confinamento", ha detto, parlando ai giornalisti nell'Assemblea della Repubblica.

Alla domanda se, dopo aver ascoltato gli esperti, il PSD capisce che il paese può iniziare ad alleggerire l'isolamento già dalla prossima settimana, il deputato e medico ha risposto con cautela. "Gli indicatori, quando li guardiamo e sulla base delle linee rosse che gli esperti indicano, potremmo anche avere le condizioni in gran parte del territorio per farlo", ha esordito. Tuttavia, questo può essere fatto solo attraverso un'apertura graduale, "in una logica di pallone di prova", e "su base regionale" da indicatori chiari, in modo che il paese non viva di nuovo nella situazione di dicembre e gennaio. "Qualsiasi deconfinamento dovrebbe dare il tempo alla parte della società coinvolta di adattarsi: essere deconfinato il 15 quando è stato annunciato solo l'11 dà poco tempo a qualsiasi settore della società - anche se si tratta degli asili e delle scuole elementari", ha avvertito. D'altra parte, qualunque sia la decisione del governo su ciò che può o non può riaprire già il 15 marzo, ha sottolineato che il PSD ha "una posizione chiara" sulla Pasqua. "La Pasqua deve essere un periodo che ogni famiglia deve godersi nella propria casa, non ci devono essere spostamenti tra i consigli, non c'è condivisione di case e su questo ci deve essere un messaggio chiaro come ha detto anche il Presidente della Repubblica", ha sottolineato.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.