Il Portogallo ha fornito 20 milioni di euro per combattere le specie invasive

scritto TPN/Lusa, in Rinnovabile, Salute e ambiente · 22-03-2021 19:47:00 · 0 Commmenti

Il Portogallo ha fornito 20 milioni di euro negli ultimi tre anni per controllare e sradicare le specie invasive acquatiche e terrestri nel paese, ha detto il 18 marzo, a Montemor-o-Velho, nel distretto di Coimbra, il segretario di Stato per le foreste.

Le specie invasive "danneggiano la biodiversità, nella misura in cui dove entrano diventano egemoniche e finiscono per danneggiare le altre specie che esistono in questi ecosistemi", ha detto João Paulo Catarino, alla fine della sessione di presentazione del progetto CIM di Gestione delle piante invasive acquatiche nella Regione di Coimbra.

Sottolineando che, all'inizio, le piante invasive sono "facili da controllare", il governatore ha sottolineato che le "riconversioni non si fanno da un anno all'altro e richiedono quasi un decennio", quindi è "così importante attaccare questo problema all'inizio e farlo con una qualificazione tecnica".

"Dopo alcuni anni abbiamo difficoltà a sradicarli, oltre all'investimento che bisogna fare", ha detto il segretario di Stato per la conservazione della natura, le foreste e la pianificazione del territorio.

Per mitigare questo problema, che colpisce maggiormente il nord e il centro del Portogallo, sono in corso alcune gare d'appalto, "alcune in fase di esecuzione, altre in fase di analisi, di oltre 20 milioni di euro specificamente per il controllo e l'eradicazione delle specie invasive acquatiche e terrestri", sottolinea João Paulo Catarino.

Il progetto di gestione delle piante invasive acquatiche nella regione di Coimbra CIM comprende i comuni di Mira, Figueira da Foz, Montemor-o-Velho, Soure e Cantanhede, ed è stato presentato il 18 marzo al Montemor-o-Velho High Performance Centre.

L'iniziativa, con un budget di 600.000 euro, con un finanziamento dell'85% dal Programma operativo per la sostenibilità e l'efficienza nell'uso delle risorse (POSEUR), mira a controllare e prevenire le specie invasive in questi comuni, come, ad esempio, "giacinti d'acqua", così come una "nuova specie invasiva che prospera sia in ambienti acquatici che asciutti".

Ha incluso l'acquisizione di un veicolo anfibio multifunzionale, per un importo di 300 mila euro, destinato al controllo delle specie invasive in ambienti acquatici e terrestri, vicino alle linee d'acqua e ai laghi, il cui uso è stato protocollato il 18 marzo tra la Regione Coimbra CIM e i cinque comuni.

La sua acquisizione mira a "dotare la regione e questi cinque comuni di mezzi e risorse per un intervento continuo durante tutto l'anno nelle zone più colpite da questo problema", ha sottolineato il presidente del CIM RC, José Carlos Alexandrino.

Nel 2020 sono state realizzate azioni di comunicazione e sensibilizzazione, formazione degli operatori, interventi preliminari, installazione di barriere galleggianti, come è successo nel fiume Mondego, a Montemor-o-Velho, per salvare la ninfea gialla, e anche i primi interventi con il veicolo anfibio.

Il progetto prevede interventi nella Lagoa da Vela (Figueira da Foz), Rio Mondego, Barrinha de Mira, Lagoa da Salgueira (Cantanhede) e Paul da Madriz (Soure).

Il progetto ha il sostegno dell'Agenzia portoghese per l'ambiente (APA), della Società per lo sviluppo e le infrastrutture Alqueva (EDIA) e la collaborazione dell'Istituto agrario di Coimbra (ESAC).


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.