I file di "Luanda Leaks" dati a Rui Pinto

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Crimine · 01-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Le registrazioni segrete citate dagli avvocati di Isabel dos Santos in un processo a Londra affermano che i file relativi al caso Luanda Leaks sono stati dati dai servizi segreti angolani all'hacker Rui Pinto.

I documenti sono stati depositati la settimana scorsa presso la Corte Commerciale dell'Alta Corte di Londra come parte della causa della compagnia di telecomunicazioni Unitel contro la Unitel International Holdings (UIH), di proprietà di Isabel dos Santos, per recuperare un debito di oltre 350 milioni di euro.

Nei documenti, visti dall'agenzia di stampa Lusa, gli avvocati hanno detto di aver utilizzato i servizi dell'agenzia investigativa privata israeliana Black Cube per "esporre i responsabili delle azioni contro dos Santos e le loro motivazioni", e hanno citato diverse persone vicine all'amministrazione angolana.

"L'indagine di Black Cube ha rivelato che la nuova amministrazione è la fonte del Luanda Leaks, essendo stata l'orchestratrice e l'esecutrice dell'accesso illegale ai server della signora Dos Santos, così come i suoi associati e fornitori di servizi, compresi gli studi legali commissionati per suo conto", si legge.

Gli investigatori hanno citato come fonte Mirco Martins, figliastro dell'ex presidente di Sonangol, Manuel Vicente, che avrebbe detto che "i documenti sono stati consegnati dalla nuova amministrazione angolana a un portoghese (Rui Pinto) attraverso l'intermediario dell'allora ministro degli Esteri angolano, Manuel Augusto.

Martins avrebbe detto: "I nostri servizi segreti hanno dato le informazioni ... al MA (Manuel Augusto)" e "i servizi segreti le hanno date alla vite Isabel dos Santos".

Le accuse fanno parte di un documento con informazioni aggiuntive per contestare l'accusa di Unitel, in cui gli avvocati dell'ex presidente dell'Angola José Eduardo dos Santos sostengono che Isabel dos Santos è vittima di persecuzione da parte del presidente João Lourenço.

Le registrazioni citano anche N'gunu Tiny, un uomo d'affari e avvocato angolano che ha lavorato presso CFA Advogados, un ufficio che rappresenta Sonangol, Inocêncio das Neves, nipote del portavoce e consigliere del presidente Lourenço, Luís Fernando, Leandro Laborinho, figlio del ministro dell'Interno, Eugénio César Laborinho, e il direttore di Sonangol Carlos Saturnino Guerra Sousa e Oliveira.

Secondo gli avvocati, Black Cube è stato inizialmente assunto per "indagare sulle circostanze che hanno portato al risultato nell'arbitrato ICC tra gli azionisti di Unitel" alla fine del 2017, e che è stato poi "ampliato per esporre i responsabili delle azioni contro dos Santos e le loro motivazioni".

Interrogato da Lusa, un avvocato dell'imprenditrice angolana ha detto che "le prove presentate all'Alta Corte di Londra sono state raccolte con mezzi del tutto legali" e che le procedure e metodologie operative sono state fatte secondo la guida di consulenti legali.

"Black Cube è stata assunta per la sua esperienza nella raccolta e nell'analisi delle informazioni, in particolare nel sostenere casi giudiziari e arbitrati di straordinaria complessità e portata internazionale", ha detto Michelle Duncan.

Il Consorzio Internazionale per il Giornalismo Investigativo (ICIJ) ha rivelato nel gennaio 2020 più di 715.000 file, sotto il nome di Luanda Leaks, dettagliando i presunti schemi finanziari di Isabel dos Santos e suo marito, Sindika Dokolo, che nel frattempo è morto, che si dice abbiano permesso loro di prendere soldi dalle casse pubbliche angolane attraverso i paradisi fiscali.

Secondo l'inchiesta giornalistica, che in Portogallo comprende il giornale Expresso e il SIC, Isabel dos Santos avrebbe messo in piedi uno schema che le ha permesso di dirottare più di 100 milioni di dollari (90 milioni di euro) a una società di Dubai, la Matter Business Solutions.

Rui Pinto è sotto processo in Portogallo nell'ambito del caso Football Leaks, essendo stato accusato dei reati di accesso improprio, violazione della corrispondenza e accesso illegittimo nei confronti di entità come lo Sporting, Doyen, lo studio legale PLMJ, la Federazione calcistica portoghese (FPF) e la Procura Generale (PGR).


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.