I porti della terraferma movimentano meno

scritto TPN/Lusa, in Business, Economia · 01-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

I porti continentali hanno movimentato 7,47 milioni di tonnellate nel mese di gennaio, 15.900 tonnellate in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, con una diminuzione dello 0,2%.

Secondo l'Autorità per la mobilità e i trasporti (AMT): "I porti del Portogallo continentale hanno registrato nel gennaio 2021 un volume totale di carico di 7,47 milioni di tonnellate, un calo di 15,9 mila tonnellate rispetto al gennaio 2020, corrispondente a una leggera diminuzione dello 0,2 per cento".

A gennaio, i mercati che hanno registrato una performance negativa sono stati l'energia, il carbone, il petrolio greggio e i prodotti petroliferi, rappresentando, in totale, una diminuzione del 23%.

L'evoluzione dei mercati delle merci ha portato a "variazioni positive" ad Aveiro, Setúbal, Faro e Sines, con l'ultimo porto che si distingue con 450,6 mila tonnellate in più rispetto al gennaio 2020, cioè con un aumento dell'11,9 per cento.

Nel primo mese del 2021, Sines ha guidato il mercato della movimentazione dei carichi in termini di tonnellate, con una quota del 56,5 per cento, "la più alta mai registrata negli stessi mesi", 6,1 punti percentuali (pp) al di sopra di quella detenuta nello stesso mese del 2020.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.