Non solo le restanti 2.500 truppe statunitensi in Afghanistan se ne andranno, ma anche le 7.000 truppe britanniche e altre truppe della NATO nel paese. In realtà, erano pronti ad andare molto tempo fa. Stavano solo aspettando che gli Stati Uniti arrivassero alla stessa conclusione, perché abbandonare il tuo principale alleato nel mezzo di una guerra non è una bella figura.

Una volta che se ne saranno andati tutti, i Talebani riprenderanno il potere in Afghanistan, probabilmente entro pochi mesi, certamente entro pochi anni. Chiuderanno di nuovo le scuole femminili, bandiranno la musica, impiccheranno le persone con il taglio di capelli sbagliato e tutte le altre cose che facevano prima. Venti anni di inseguimenti sulle colline da parte delle cannoniere non hanno probabilmente moderato le loro opinioni.

E quando i giornalisti hanno fatto a Biden l'inevitabile domanda - non sente alcuna responsabilità per i diritti umani afgani, e specialmente per i diritti delle donne? La responsabilità che ho è quella di proteggere gli interessi dell'America e non di mettere in pericolo le nostre donne e i nostri uomini per cercare di risolvere ogni singolo problema del mondo con l'uso della forza".

Finalmente un alto politico americano che usa le parole come se significassero qualcosa, ma non è durato. Ben presto un "alto funzionario" ha parlato a vanvera per conto di Biden: "Siamo andati in Afghanistan per rendere giustizia a coloro che ci hanno attaccato l'11 settembre e per interrompere i terroristi che cercano di usare l'Afghanistan come un rifugio sicuro per attaccare [da]".

Ridicolo. "Giustizia" avrebbe potuto essere consegnata da un singolo assassino o da un bombardamento di massa sul campo di Osama bin Laden, il leader di al-Qaeda, nascosto nel profondo delle colline afgane. L'invasione era solo uno spettacolo.

Gli attacchi dell'11 settembre sono stati pianificati da membri di al-Qaeda in Germania, e tutti i 19 dirottatori erano arabi, non afgani. Furono addestrati in Afghanistan perché bin Laden vi trovò rifugio dai Talebani, un regime islamista, quando gli Stati Uniti costrinsero il Sudan, governato dagli islamisti, ad espellerlo. Ma sarebbe stata una follia per bin Laden dire ai Talebani cosa stava progettando.

Alcune delle persone più brillanti dei servizi segreti statunitensi lo avrebbero saputo. Tuttavia, il presidente George W. Bush aveva bisogno di invadere da qualche parte per scaricare la rabbia americana per l'attacco (che non era riuscito a prevenire), e dove poteva essere se non in Afghanistan? Un assassinio furtivo o un singolo bombardamento non avrebbero fatto il lavoro.

L'invasione dell'Afghanistan fu così facile che non fornì sufficiente catarsi agli americani in cerca di vendetta, così Bush finì per aggiungere alla lista anche l'invasione dell'Iraq. Saddam Hussein non aveva certamente nulla a che fare con l'11 settembre (o con i Talebani o Bin Laden, se è per questo), ma un'invasione spettacolare più la cattura e l'esecuzione di Saddam diedero agli americani una 'chiusura'.

Questo psicodramma si è effettivamente consumato nel 2004, ma a quel punto le truppe americane erano impantanate in entrambi i paesi, e c'è voluto tutto questo tempo per farle uscire di nuovo. Non ci sono prove che suggeriscano che entrambe le invasioni abbiano impedito un solo attacco terroristico agli Stati Uniti, ma le stesse bugie devono essere raccontate fino alla fine perché non c'è altro modo per giustificare ciò che è successo.

E ora passiamo all'Ucraina, che la Russia si starebbe preparando a invadere: rapporti quotidiani sul potenziamento militare russo e velate allusioni al fatto che il presidente russo Vladimir Putin è il nuovo Hitler. Sai, "Oggi l'Ucraina, domani il mondo!" Dopo tutto, è un aggressore provato: Georgia, Crimea, Ucraina orientale.

Putin è un dittatore che fa uccidere alcuni dei suoi nemici, a capo di un paese con circa un sesto della popolazione dei paesi della NATO e un decimo della forza economica. Anche le sue aggressioni sono roba da poco.

Per quanto possa sembrare stupido, è stata la Georgia a iniziare la guerra con la Russia nel 2008, sperando di prendere l'Ossezia del Sud e sigillare il tunnel sotto la catena del Caucaso.

La Crimea è stata colonizzata dai russi dopo che i suoi precedenti governanti, musulmani di lingua turca il cui modello di business era il racket degli schiavi in Russia, furono conquistati nel 1783. Rimase russa fino a quando Nikita Khrushchev la cedette all'Ucraina per capriccio nel 1954.

Putin se l'è ripresa in modo non violento sessant'anni dopo con un caldo sostegno da parte della popolazione principalmente russa, anche se questo era certamente illegale. Così come lo è il sostegno della Russia ai ribelli russofoni in due province orientali dell'Ucraina, che è proprio come il sostegno militare di Ronald Reagan ai ribelli 'Contra' contro il governo del Nicaragua negli anni '80.

Putin è sicuramente un cattivo ragazzo, ma un grande invasore di luoghi importanti? Questi sono solo i media che agitano le cose, con qualche aiuto da parte dei politici.