Stato di emergenza rinnovato, ma si spera che sia l'ultimo

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 15-04-2021 12:34:00 · 0 Commmenti

Il presidente della Repubblica ha detto che si aspetta che il continuo rinnovo dello stato di emergenza stia per finire.

Rivolgendosi ai portoghesi, il capo dello Stato ha aggiunto: "Soprattutto, voglio chiedervi uno sforzo ancora maggiore, per rendere impossibile che si debba tornare indietro, in modo che lo stato di emergenza vada verso la fine".

È la 15a volta che Marcelo Rebelo de Sousa decreta lo stato d'emergenza nell'attuale contesto pandemico della covid-19, per permettere l'adozione di misure che implicano restrizioni di diritti, libertà e garanzie.

Il presidente della Repubblica aveva già detto la settimana scorsa che desiderava che questo fosse l'ultimo rinnovo dello stato di emergenza.

Marcelo Rebelo de Sousa ha sottolineato che questo quadro giuridico è in vigore da "più di cinque mesi" e ha considerato che "il periodo più difficile" è stato il "confino generale" iniziato il 15 gennaio.

"Quasi tre mesi di confino generale. Certamente meno restrittivo di un anno fa, ma più intenso, anche perché i numeri raggiunti ci mettono nella peggiore situazione in Europa, e poi nel mondo", ha detto.

In relazione all'allentamento dell'isolamento Marcelo Rebelo de Sousa ha difeso nuovamente che "deve fare il suo corso in modo graduale e sensato" e ha chiesto prudenza su tutto il territorio nazionale, per evitare l'aumento dei "numeri ormai stabilizzati" e la conseguente "pressione sulle strutture sanitarie".

Secondo i termini della Costituzione, lo stato di emergenza, che permette la sospensione dell'esercizio di alcuni diritti, libertà e garanzie, non può durare più di 15 giorni, fatti salvi eventuali rinnovi entro lo stesso termine.

Sotto lo stato di emergenza, al fine di contenere la diffusione del covid-19, il governo ha imposto un obbligo generale di raccolta a domicilio e la sospensione di una serie di attività, a partire dal 15 gennaio, e una settimana dopo gli stabilimenti sono stati chiusi per l'insegnamento e non ci sono più lezioni frontali.

Il 15 marzo, il governo ha iniziato il piano di allentamento della chiusura, con la riapertura degli asili nido, l'istruzione prescolare, il primo ciclo di istruzione di base, il commercio dalla porta e gli stabilimenti estetici come i parrucchieri, in una prima fase.

In una seconda fase, il 5 aprile, sono state riaperte le spianate, i centri diurni e i negozi con una porta sulla strada di meno di 200 metri quadrati e la ripresa delle lezioni frontali per gli studenti del secondo e terzo ciclo dell'educazione di base.

Il piano di riapertura graduale del governo prevede nuove tappe il 19 aprile e il 3 maggio.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.