Visitare Vinha Velha

scritto Jake Cleaver, in Salute e ambiente, Renature · 16-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Una fattoria biologica che sta coltivando semi per il futuro

Seguendo una pista per una storia di ReNature, sono andata all'idilliaco villaggio di Barão de São João sulla costa occidentale dell'Algarve e mi sono diretta su per una strada sterrata verso le colline e i mulini a vento, prima di perdermi troppo ho visto dei bei cartelli fatti in casa per la mia destinazione 'Vinha Velha', e mi sono fatta strada giù nella valle, passando alcuni cavalli al pascolo e sono arrivata in un bellissimo 'quartiere' di case pittoresche.

Mi sono diretta verso il caffè della fattoria, dove ho incontrato le sorelle Clara e Delia, che mi hanno offerto un tè alla menta e abbiamo fatto una chiacchierata. Qui ho saputo di più sulla storia della fattoria e di come il loro padre Hubert (insieme alla madre Margit e a suo fratello Michael) ha originariamente comprato questo pezzo di terra di 140 acri nei primi anni '80 con la visione di trasformarlo in una fattoria autosufficiente. Nel corso degli anni, e con un sacco di duro lavoro, il sogno è stato trasformato in realtà. Hubert ha piantato oltre 80.000 alberi per aiutare a fermare l'erosione del suolo e a creare più biodiversità. Ha anche costruito dei laghi e poiché "l'acqua è vita" hanno potuto iniziare a produrre orti e avere animali. Purtroppo Hubert si è ammalato ed è morto nel 2017, e da allora Clara e Delia hanno preso il suo posto e hanno continuato la sua eredità.

Sembrano essere una grande squadra, e mentre Clara si occupa della contabilità e del lato commerciale delle cose, oltre a badare alle varie case e a mantenere tutto organizzato, Delia ha il "pollice verde" di suo padre e, insieme al suo compagno Florian, si prende cura della fattoria e degli animali. Le ragazze vivevano (e vivono tuttora) un'esistenza molto isolata e crescendo non avevano molta elettricità - e quindi sicuramente niente TV.

Delia ora ha due figli e ora che ricevono energia verde dal parco eolico che il padre ha contribuito a fondare, le ho fatto la domanda da un milione di dollari: "Lascia che i suoi figli guardino la TV? Ha detto che lo fa... "ma solo per mezz'ora la domenica".

La fattoria tiene tutti abbastanza occupati, infatti, potevo dire che anche stando qui a parlare con me c'erano ovviamente un sacco di cose che Delia doveva fare, una di queste era andare a raccogliere le uova dalle loro 90 galline. Mi ha chiesto se volevo accompagnarla, cosa che naturalmente ho fatto con piacere, e noi tre siamo partiti per un tour della fattoria.

Lungo la strada verso i pollai (che si muovono comodamente in giro permettendo ai polli di mangiare le erbacce e gli insetti mentre si fanno strada nel terreno) siamo passati vicino a vari campi di un tipo di 'tremoço' (lupino) che vengono coltivati perché aiutano a rimettere l'azoto nel terreno, e quando vengono tagliati e mescolati alla terra fanno del compost verde - rendendo naturalmente il terreno sano e pronto per il prossimo raccolto.

Delia si è anche fermata a mostrarmi uno dei progetti che la appassionano di più e mi ha spiegato come non si limita a piantare semi, ma li coltiva davvero.

Mi ha detto che la maggior parte delle persone presume che il cibo biologico provenga da semi biologici, ma la realtà è che l'80% delle fattorie biologiche e dei giardinieri biologici usano semi "ibridi".

Spieghiamo un po' questo, perché ammetto che mi ci è voluto un po' per capirlo. I semi impollinati aperti (che è quello che Delia coltiva) si riferiscono a semi che "si riproducono", questo significa che la pianta sarà lasciata fiorire ed essere impollinata nel modo tradizionale (di essere solleticata dalle api mentre raccolgono e diffondono il loro polline) e i semi si formeranno e si seccheranno. Questi semi produrranno poi altre piante che, come dire, "prendono dai loro genitori", crescendo saranno generalmente altrettanto gustosi dei loro antenati. Questo è ciò che gli agricoltori hanno fatto fin dall'inizio dell'agricoltura - selezionando attentamente i semi delle piante che hanno i tratti che ci piacciono e assicurandosi così che possiamo continuare a godere di queste stesse qualità nel futuro.

Gli ibridi, d'altra parte, sono quando l'uomo si fa più coinvolto e fa l'impollinazione incrociata tra due varietà, selezionando in modo più artificiale le qualità che vuole e creando, in un certo senso, delle "super piante". Questo ha il vantaggio, per esempio, di rendere le vostre carote più arancioni, più uniformi nelle dimensioni e forse più resistenti ai parassiti. Ma il problema è che i figli che queste piante producono non mantengono le qualità migliorate dei loro genitori e in molti casi queste 'super' piante non producono alcun seme e la loro linea familiare finisce lì.

Questo è il motivo per cui Delia è così appassionata del modo di fare organico, vecchio stile e con impollinazione aperta, ed è il motivo per cui usa parte del terreno per moltiplicare i semi. Quest'estate Delia produrrà semi di barbabietola gialla (sì, proprio così, 'gialla'), pomodori, basilico, mais, lattuga, così come alcuni fiori e li spedirà per essere lavorati da una società con cui lavora a stretto contatto chiamata 'Sementes Vivas' (www.sementesvivas.bio/pt) che è un'azienda di produzione di semi organici certificati la cui missione è quella di creare 'semi vivi' organici al 100% - assicurando che queste stesse piante possano continuare ad essere prodotte e godute negli anni a venire.

Mi è piaciuto vedere i fiori dei broccoli che Delia stava coltivando, perché dato che normalmente mangiamo le nostre verdure prima che arrivino alla fase di fioritura e di produzione dei semi - Delia ha convenuto che è bello vedere le verdure che completano il loro ciclo vitale.

Detto questo, naturalmente mangiano anche le loro verdure, oltre a venderle in una piccola bancarella a Barão de São João il martedì e nel mercato biologico Vivo Mercado a Lagos il mercoledì.

Vendono anche le uova del loro gregge di galline, così come il latte delle loro due mucche da latte con cui fanno lo yogurt e un tipo di formaggio cagliato. Ci sono anche 35 pecore che pascolano la terra in cicli pianificati a rotazione, e tutti gli animali aiutano a fertilizzare il terreno, fornendo letame per il loro compost - oltre ad avere il bonus aggiunto di mangiare o 'tagliare il prato' per loro, aiutando a mantenere le aree forestali pulite che aiuta a ridurre il rischio di incendi.

Recentemente hanno anche iniziato ad allevare api a Vinha Velha, che non solo forniscono un miele delizioso, ma sono ovviamente essenziali per impollinare tutto.

Ma a parte le api, il posto è di solito animato da volontari che vengono a stare per qualche settimana e danno una mano in cambio di vitto e alloggio in questo bellissimo posto. Ci sono anche persone che vengono in 'Farm Holidays' affittando una delle tante belle case, esplorando il paesaggio infinito e forse anche nuotando nel lago al loro ritorno.

Come al solito con posti come questo, c'è così tanto da fare che è difficile inserirlo tutto, ma se siete interessati a saperne di più allora per favore date un'occhiata a www.vinhavelha.com



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.