Gli ambientalisti accusano il governo di finanziare la combustione di materiale riciclabile

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Politica · 18-04-2021 15:00:00 · 0 Commmenti

L'associazione ambientalista Zero accusa il Ministero dell'Ambiente di usare 50 milioni di euro del Fondo Ambientale per finanziare la combustione di rifiuti riciclabili a Lisbona e Porto, andando contro la nuova legislazione sui rifiuti.

La nuova legge sui rifiuti, approvata nel dicembre 2020, stabilisce che non si devono creare sovvenzioni per operazioni di gestione dei rifiuti diverse dalla prevenzione, dal riutilizzo e dal riciclaggio, ma finanziando la combustione di rifiuti riciclabili negli impianti di incenerimento di Lisbona e Porto il ministro dell'ambiente sta prendendo una decisione "totalmente contraria", accusa Zero in un comunicato.

La decisione di João Pedro Matos Fernandes, aggiunge l'associazione, non solo è contraria agli obiettivi di sviluppo dell'economia circolare e del riciclaggio, ma è anche "un ostacolo nella lotta al cambiamento climatico", oltre ad essere "socialmente ingiusta e contro la coesione nazionale" (perché non si applica a tutto il paese).

Le accuse di Zero tengono conto della nuova legge sui rifiuti, e delle ordinanze 244 e 308, del 2020, che fissano la tariffa applicabile alle unità di incenerimento, che beneficiano di una tariffa agevolata, che sarà gradualmente ridotta fino al 31 dicembre 2023.

Le ordinanze stabiliscono anche le sanzioni in caso di mancato rispetto degli obiettivi "che sono fissati nel Piano strategico per i rifiuti urbani (PERSU), in particolare quelli per la diversione dei rifiuti organici".

In una lettera inviata al ministro dell'Ambiente il 26 marzo, Zero ha espresso preoccupazione per la decisione del governo di "utilizzare i fondi del Fondo ambientale per sostenere i costi associati all'incenerimento dei rifiuti urbani".

Inoltre, ha aggiunto, i due sistemi di gestione dei rifiuti urbani (SGRU) sulla terraferma, e i due nelle regioni autonome "che beneficeranno di questi fondi hanno ottenuto tassi di riciclaggio che sono chiaramente al di sotto degli obiettivi europei fissati per il 2020, rendendo evidente che con questo incentivo a incenerire, non investiranno, come dovrebbero, nel riciclaggio".

Nella lettera, Zero ha anche detto di non capire cosa significa "diversione dei rifiuti organici" nel decreto, e perché solo Lisbona e Porto ne hanno beneficiato, così come la decisione del Ministero dell'Ambiente di finanziare l'incenerimento.

"In un momento in cui il Portogallo ricicla poco più del 20% dei suoi rifiuti urbani, ha mancato gli obiettivi di riciclaggio per il 2020 e dovrà riutilizzare e riciclare il 55% dei rifiuti nel 2025, il 60% nel 2030 e il 65% nel 2035, Matos Fernandes pensa che sia opportuno spendere decine di milioni di euro di fondi pubblici per incoraggiare la combustione di materiali riciclabili", dice Zero in un comunicato diffuso il 16 aprile.

L'associazione aggiunge che gli obiettivi di riciclaggio fissati dal governo per i due sistemi con incenerimento (Valorsul e Lipor, Lisbona e Porto) sono inferiori a quelli fissati per il resto del paese, "in un chiaro protezionismo verso chi investe essenzialmente nella combustione dei rifiuti".

Favorire Lisbona e Porto è una misura ingiusta in termini sociali e di coesione nazionale, dice Zero, aggiungendo che il Ministero dell'Ambiente, è in "controcorrente" con le politiche europee nel settore, promuovendo "una soluzione che è un attacco alla protezione del clima", quindi l'opzione ambientalmente corretta è quella di annullare il sostegno alla combustione di materiali riciclabili.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.