Il numero di "zone morte" oceaniche raddoppia

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente · 23-04-2021 10:00:00 · 0 Commmenti

Il numero di "zone morte" negli oceani è quasi raddoppiato in un decennio, dimostrando il "fallimento diffuso" per proteggere i mari e la necessità di nuovi obiettivi globali "ambiziosi", il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha detto

L'aumento delle aree oceaniche senza vita animale o vegetale, a 700 nel 2019 da 400 nel 2008, è una delle conclusioni del secondo World Ocean Assessment, condotto da centinaia di scienziati di tutto il mondo e presentato dal segretario generale in un video messaggio.

"Gli esperti attribuiscono (l'aumento delle "zone morte" nei mari) al nostro diffuso fallimento nel realizzare una gestione sostenibile integrata delle coste e degli oceani", ha detto Guterres.

"Invito tutte le parti interessate a prestare attenzione a questo e ad altri avvertimenti. Una migliore comprensione dell'oceano è essenziale", ha detto.

L'agenzia oceanica statunitense (NOS) definisce le "zone morte" marittime come prive dell'ossigeno necessario alla maggior parte della vita marina, che muore o le abbandona, creando "deserti biologici" in mare.

Il rapporto indica anche che circa il 90% delle specie di mangrovie e altri ecosistemi costieri e marini, così come più del 30% delle specie di uccelli marini, affrontano anche la minaccia di estinzione.

Dopo un primo rapporto pubblicato nel 2015, il World Ocean Assessment indica il continuo degrado degli spazi costieri e marini a causa dell'azione umana.

"Le pressioni di molte attività umane continuano a degradare gli oceani e a distruggere habitat essenziali - come le mangrovie e le barriere coralline - ostacolando la loro capacità di aiutare a far fronte agli impatti del cambiamento climatico", ha detto Guterres.

"Queste pressioni provengono anche dalle attività umane terrestri e costiere, che portano inquinanti pericolosi negli oceani, compresi i rifiuti di plastica", ha detto.

Il segretario generale dell'ONU ha sottolineato che il rilascio di anidride carbonica sta accentuando il riscaldamento e l'acidificazione delle acque marine, distruggendo la biodiversità, mentre l'aumento del livello del mare danneggia le aree costiere, e l'esaurimento degli stock ittici a causa dell'eccessivo sfruttamento genera una perdita annuale stimata di 88,9 miliardi di dollari.

"Come la valutazione chiarisce (...) abbiamo bisogno di integrare meglio la conoscenza scientifica e il processo decisionale", ha sottolineato Guterres.

Quest'anno ha segnato l'inizio del Decennio delle Nazioni Unite della scienza degli oceani per lo sviluppo sostenibile e una serie di eventi internazionali relativi all'ambiente e al clima sono, secondo Guterres, un'opportunità per invertire la rotta.

"I risultati di questa valutazione sottolineano l'urgenza di risultati ambiziosi ai vertici delle Nazioni Unite e agli eventi di alto livello sulla biodiversità, il clima e altro ancora nel corso di quest'anno", ha aggiunto.

"Insieme, possiamo promuovere una ripresa non solo verde - ma anche blu - dalla pandemia di Covid-19 e contribuire a garantire una relazione a lungo termine resiliente e sostenibile con l'oceano".

Guterres è una delle personalità che interverranno al vertice virtuale sulla crisi climatica del 22 e 23 aprile, ospitato dal presidente americano Joe Biden.

Anche il presidente cinese Xi Jinping parteciperà al summit, nonostante il declino delle relazioni tra Pechino e Washington, ha detto il 21 aprile il ministero degli esteri cinese.

Il capo di stato cinese terrà un "importante discorso" in videoconferenza da Pechino, ha rivelato il ministero, pochi giorni dopo che i due paesi si sono impegnati a "cooperare" sul cambiamento climatico.

La Cina e gli Stati Uniti sono i due maggiori emettitori di gas serra, la fonte del riscaldamento globale, e l'accordo tra i due paesi è quindi visto come cruciale per il successo degli sforzi internazionali per ridurre le emissioni.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.