Gli artisti portoghesi si danno da fare

scritto Kimberley Lestieux, in Stile di vita, Arte · 30-04-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Alex Dipalo e Gianvito Montrone sono due italiani espatriati che hanno lanciato la loro startup RevArt Gallery, nel marzo del 2020 a Lisbona, per sostenere e dare potere agli artisti emergenti in Portogallo. Ho parlato con Alex Dipalo, co-fondatore, del loro business, dei piani futuri e delle tendenze artistiche emergenti del paese.

Da dove viene RevArt? Cosa significa, cosa simboleggia?

RevArt viene dalla parola francese rêve, che significa sognare, perché l'arte fa sognare e anche dalla parola revolution perché il nostro obiettivo è rivoluzionare il mercato dell'arte.


Cosa ti ha spinto ad avviare questa attività con il tuo co-fondatore Gianvito Montrone?

Siamo entrambi molto appassionati di arte. Eravamo entrambi sulle nostre strade e ci siamo interrogati su questo mercato, sul suo potenziale, e ci siamo resi conto che gli artisti oggi fanno davvero fatica. Per un artista esporre il proprio lavoro in un museo è molto complicato, e spesso sembra che non ci siano altre opzioni per mostrare il proprio lavoro. Con RevArt, gli artisti hanno una piattaforma dove loro e la loro arte possono essere promossi, dove possiamo dare loro certi contatti, mentoring B2B, qualsiasi cosa possiamo fare per valorizzare la loro arte.

Cosa mancava esattamente nel mondo dell'arte per far nascere RevArt?

L'idea è nata dalla constatazione di una mancanza di supporto e sicurezza per gli artisti. Volevamo cambiare questa mentalità, questo modo di pensare che essere un artista non è un lavoro. Volevamo mostrare alla gente che è un lavoro, ed è difficile. Vogliamo dare agli artisti una stabilità finanziaria. Inoltre, il nostro obiettivo è quello di rendere l'arte più accessibile, per mostrare che non è solo per i ricchi, ma per tutti. Abbiamo visto che c'era un problema da risolvere, e dato che conosciamo un po' il mercato e siamo molto appassionati d'arte, abbiamo deciso di lasciare i nostri lavori [nel marketing e negli affari] e lanciare RevArt.

Avete lanciato questa startup nel marzo 2020, come ha influito Covid-19?

Sfortunatamente, abbiamo lanciato questo progetto due giorni dopo che Covid-19 ha davvero colpito in Portogallo. Quindi, quando avevamo appena lanciato, stavamo sentendo tutte queste cose sul coronavirus nelle notizie, e abbiamo pensato che l'arte può avere un impatto e aiutare le persone. Abbiamo quindi collaborato con SOS Coronavirus - un'iniziativa che aiuta a comprare forniture mediche per gli ospedali - e abbiamo deciso di organizzare un'asta di beneficenza e chiamare gli artisti a donare le loro opere e tutto il ricavato viene donato a SOS Coronavirus. Fino ad ora, più o meno dieci opere d'arte sono state donate.

In questo momento, tu, il tuo partner e alcuni dei tuoi artisti siete alla Milano Design Week. Puoi dirmi di più sull'evento e quanto è importante per i tuoi artisti?

La settimana del design di Milano è molto importante per l'esposizione ed è molto interessante per gli artisti. Aiuta a far emergere nuovi talenti. Uno dei nostri artisti fa parte dell'Associazione degli Studenti della Facoltà di Belle Arti di Lisbona (AEFBAUL), e abbiamo pensato di creare una partnership con loro per aiutare gli studenti d'arte - perché è molto difficile all'inizio della loro carriera, soprattutto in questo momento con Covid - così ci ha messo in contatto con loro e abbiamo invitato studenti e artisti a inviarci i loro lavori. I migliori che hanno seguito i criteri sono stati selezionati per andare a Milano con noi per la settimana del design per mostrare la loro arte. Lì hanno avuto il tempo di presentare se stessi, la loro arte e di confrontarsi con il pubblico. Ci sono 15 artisti e diversi temi come il cambiamento climatico o la tecnologia. Sono stati ispirati da questi temi per creare le opere d'arte che avrebbero presentato. È un evento molto prestigioso e permette agli artisti di acquisire conoscenze ed esperienze. La maggior parte di loro non sono mai stati all'estero o è la prima volta che espongono il loro lavoro, quindi è importante anche per la loro crescita personale.

Quali sono gli artisti che si distinguono veramente rispetto agli altri?

Tre o quattro di loro hanno davvero impressionato il pubblico: Thiago Gomes, Afonso Neves, Francisca Faria e João Alves.

Per quanto riguarda gli artisti, seguiamo un processo organico di candidatura. Gli artisti fanno domanda per far parte di RevArt, poi selezioniamo alcuni candidati, che poi devono inviare il loro portfolio e quelli che sono selezionati hanno piena libertà di fare ciò che vogliono con la loro arte.

Concretamente parlando, come sostenete e date potere a questi artisti? Con quanti state lavorando attualmente?

Vogliamo creare un mercato dell'arte digitalizzato. Diamo spazio agli artisti per esporre il loro lavoro, e ogni artista viene aiutato da noi in termini di comunicazione, esponendo il loro lavoro, mettendoli in contatto con persone importanti e partecipando ad attività che aiutano a promuovere il loro nome. In questo momento abbiamo circa 70 artisti. La compagnia è molto fresca, quindi sono principalmente portoghesi, ma alcuni sono anche italiani e brasiliani... abbiamo intenzione di espanderci e speriamo di avere anche artisti molto diversi da tutto il mondo.

Tu e il tuo partner siete entrambi italiani, perché lanciare la vostra compagnia a Lisbona?

Abbiamo deciso di lanciare in Portogallo perché crediamo che il paese abbia un grande potenziale per quanto riguarda l'arte e vogliamo aiutare gli artisti il più possibile. Sempre più movimenti artistici stanno crescendo qui e anche il Portogallo è cresciuto molto velocemente negli ultimi anni. Tra le connessioni che ci sono qui e il possibile networking, è proprio un posto ideale. Più avanti, quando sarà il momento giusto, abbiamo intenzione di espanderci all'estero ed essere ovunque.

Perché credi che il Portogallo abbia un così grande potenziale per quanto riguarda l'arte e quali movimenti o tendenze vedi emergere in futuro?

Il paese ha un grande potenziale soprattutto grazie all'arte di strada. I comuni qui danno spazio agli artisti per creare, e anche molte gallerie stanno aprendo. Qui la mentalità è: l'arte è ovunque. Negli ostelli, nei negozi, nei ristoranti... Sono molto sensibili all'esposizione di opere d'arte e l'arte è mescolata con movimenti provenienti da diverse regioni come l'Africa e il Sud America. L'arte in generale in Portogallo è un grande movimento che cresce passo dopo passo. In questo momento, la street art è la tendenza più grande e ci sono sempre più artisti di strada portoghesi famosi. Penso che la prossima grande tendenza che arriverà in Portogallo sarà l'espressionismo, anche questo è un movimento in crescita.

Cosa ha in serbo RevArt per il futuro?

I nostri progetti futuri? Fare il più possibile per gli artisti, come acquisire spazi commerciali a Lisbona per esporre la loro arte, creare più partnership con ONG e altri, e in generale sensibilizzare tutti all'arte.




Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.