Il rilevamento di Covid negli impianti di trattamento delle acque reflue sarà la regola in tutto il Portogallo

scritto TPN/Lusa, in COVID-19, Salute e ambiente, Notizia · 02-06-2021 11:58:00 · 0 Commmenti

Il rilevamento del virus SARS-CoV-1 nelle acque reflue permette l'identificazione precoce di nuovi focolai e sarà esteso a tutto il paese, con un progetto pilota che ha rilevato due mutazioni di varianti prima che le autorità sanitarie ne fossero a conoscenza.

Il progetto pilota Covidetect è in corso dallo scorso anno e i risultati preliminari sono stati presentati il 26 maggio a Lisbona, presso l'impianto di trattamento delle acque reflue di Alcântara (WWTP), con i responsabili che hanno spiegato che i dati raccolti nell'acqua rispecchiavano l'evoluzione quotidiana della pandemia di Covid-19 negli ultimi mesi.

Con il progetto è stato possibile rilevare, in Gaia, varianti di Covid provenienti dalla California e dalla Nigeria.

Il progetto pilota termina ad agosto, ma il ministro dell'ambiente e dei cambiamenti climatici, João Pedro Matos Fernandes, presente alla cerimonia, ha assicurato a Lusa che l'analisi delle acque del WWTP continuerà e sarà estesa.

"Chiaramente sì", ha detto il ministro a proposito della continuazione del progetto, i cui risultati hanno dimostrato che è stato possibile rilevare il virus e le sue varianti nelle acque di scarico.

João Pedro Matos Fernandes ha sottolineato che non tutti gli impianti di trattamento sono pronti a fare questa rilevazione, ma che è "assolutamente essenziale" estendere il progetto pilota, in modo che l'analisi dell'acqua diventi "una regola comune per gli impianti di trattamento in tutto il paese".

Gli impianti di trattamento che saranno costruiti o rinnovati dovranno essere preparati per questo tipo di analisi.

Il progetto pilota è stato applicato a cinque impianti di trattamento delle acque reflue, a Lisbona, Cascais, Gaia e Guimarães, ed è stata anche monitorata la circolazione del virus nelle reti di scarico degli effluenti di tre ospedali.

Il ministro della salute Marta Temido, che ha anche partecipato alla presentazione dei risultati preliminari di Covidetect, lo ha considerato uno "strumento potente" per combattere l'attuale pandemia e le future pandemie, sottolineando l'importanza di agire tempestivamente sui fenomeni di rischio.

Il progetto è, ha detto, l'opportunità di avere un sistema di notifica in tempo reale alle autorità sanitarie, e ha "enorme valore" nell'"arsenale di risposta pandemica".

La prossima fase del progetto prevede la diffusione dei risultati e la creazione di un sistema di allerta in tempo reale per notificare alle autorità sanitarie e ambientali il riemergere del virus.

Covidetect è stato lanciato nell'aprile dello scorso anno e finanziato dall'Unione Europea, essendo sviluppato da un consorzio che riunisce aziende del gruppo Águas de Portugal (AdP), la Facoltà di Scienze dell'Università di Lisbona e il Laboratorio di Analisi dell'Instituto Superior Técnico.

Un totale di 760 campioni di acque reflue sono stati analizzati tra il 27 aprile e il 2 dicembre 2020, "confermando che i dati ottenuti per la SARS-CoV-2 dalle acque reflue non trattate hanno seguito, in modo molto regolare, i nuovi casi giornalieri riportati per le regioni in cui si trovano gli impianti di trattamento delle acque reflue testati in questo studio", hanno detto i funzionari.

I responsabili del progetto hanno collaborato con la Commissione europea nell'iniziativa di rendere le acque reflue sentinelle della presenza del virus. La Commissione ha già fatto una raccomandazione per un approccio comune alla sorveglianza della SARS-CoV-2 e delle sue varianti nelle acque reflue nell'Unione Europea.

Nuno Brôco, vicepresidente di AdP VALOR (una società del gruppo AdP e leader del consorzio), ha ricordato che la Commissione europea ha raccomandato che tutti gli stati membri implementino questo sistema entro il 31 ottobre di quest'anno, e ha aggiunto che il Portogallo è in grado di farlo prima di allora.

La raccomandazione indica che gli impianti che servono un'area più grande di 150.000 abitanti dovrebbero essere monitorati.

Il funzionario ha detto che l'attuale progetto, che è un pilota e non ha coinvolto un gran numero di impianti di trattamento delle acque reflue o un'analisi continua, permette con qualche giorno di anticipo (quattro giorni per esempio) di avere dati su un aumento della carica virale in un determinato luogo. "Ha lo scopo di rilevare le tendenze di crescita o di diminuzione" della carica virale, ha detto.

Paesi come l'Australia o la Nuova Zelanda stanno già utilizzando gli impianti di trattamento come "sentinelle", creando un sistema online in cui gli impianti appaiono con un colore verde, che diventa rosso quando viene rilevato materiale genetico del virus.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.