Ogni quattro anni, i cittadini scelgono i loro leader municipali, ma mentre i cittadini sono automaticamente registrati, gli stranieri devono andare alla loro Junta de Freguesia (Consiglio parrocchiale) per fare la loro registrazione al fine di poter votare alle prossime elezioni, il 26 settembre.

Il termine per la registrazione scade 60 giorni prima del giorno delle elezioni, precisamente il 27 luglio. Questo significa che agli espatriati restano solo pochi giorni per garantirsi di avere voce in capitolo nella politica portoghese.

Se apprezzi il lavoro del tuo sindaco, allora questa è un'occasione per sostenerlo e per far sentire la tua voce.

Pochi espatriati registrati per votare

Secondo Luís Encarnação, sindaco della contea di Lagoa, in un'intervista a The Portugal News, ci sono pochissimi stranieri iscritti a votare nel comune, anche se il numero di espatriati è estremamente alto.

"Dei quasi 5.000 stranieri che vivono nella contea di Lagoa, solo circa 600 sono registrati per votare". Questo numero risale all'aprile di quest'anno.

Lagoa non è l'unico comune portoghese dove il numero di residenti stranieri è enorme. In tutto l'Algarve, specialmente, ci sono molti espatriati che sono residenti. A Vila do Bispo circa un terzo della popolazione è straniera, a Lagos è quasi il 30%, a Portimão è circa il 20%, ad Albufeira quasi un terzo e a Loulé come a Tavira un quarto della popolazione è straniera.

Come possiamo vedere attraverso questi numeri, l'Algarve ha una grande percentuale di abitanti stranieri e se tutti si decidono a votare, potrebbe persino decidere i risultati delle elezioni, il che è rappresentativo della forza che l'intera comunità può avere non solo in Algarve, ma nell'intero paese.

Mentre l'importanza del voto straniero è facile da capire, il fatto di potersi registrare si è rivelato un problema per alcuni.

Persone che lottano per registrarsi al voto

Abbiamo ricevuto rapporti da lettori che non sono soddisfatti del processo di registrazione - alcuni di loro lamentano difficoltà nel processo vero e proprio e altri che non sono stati in grado di registrarsi affatto.

"Sono andato al mio consiglio parrocchiale e sono stato respinto perché hanno detto che la mia residenza pre Brexit non è valida, ma ho anche un documento della SEF che prova che sono residente", ha detto un residente britannico in Algarve.

"Se vogliono che gli stranieri votino, allora devono capire la documentazione che i britannici hanno ora. SEF non sta facendo appuntamenti per le persone che possono richiedere i documenti, tuttavia, il mio permesso è ancora valido e devono accettarlo. Sono legale nel paese e posso votare", ha detto a The Portugal News.

In questo caso, il funzionario pubblico insisteva che avrebbero avuto bisogno di una carta al posto dei documenti che avevano. Tuttavia, il residente ha detto che è "impossibile avere quella carta al momento perché SEF non fissa appuntamenti e i miei documenti sono comunque validi".

Dopo molte chiamate e persistenza, sono stati finalmente in grado di registrarsi con gli stessi documenti che erano stati inizialmente negati.

"Il mio consiglio alle persone è di essere persistenti e se la giunta non vuole o non può aiutare, allora chiamare direttamente la Câmara. Sono rimasto deluso dal fatto che sia stato un processo difficile. Vivo qui da molti anni, parlo portoghese, conosco molto bene i miei diritti e ho avuto ancora problemi. Ho paura che altre persone in una situazione simile finiscano per rinunciare".

Tuttavia, la confusione con i documenti non è l'unico problema. Siamo stati contattati anche da persone che non hanno potuto registrarsi perché non sono incluse nel sistema. In effetti, più di 100 paesi non sono inclusi, quindi è meglio ricontrollare prima.

Chi può votare alle elezioni locali?

Oltre ai cittadini portoghesi, i residenti stranieri di età superiore ai 18 anni hanno il diritto di votare alle elezioni comunali, a condizione che siano registrati nel censimento portoghese, se sono cittadini brasiliani con una carta di cittadinanza o carta d'identità, o se si proviene da uno dei seguenti paesi:

  • Stati membri dell'Unione Europea (Germania, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Romania e Svezia);
  • Regno Unito, con residenza in Portogallo prima della Brexit;
  • Brasile e Capo Verde con residenza legale in Portogallo da più di due anni;
  • Argentina, Cile, Colombia, Isola, Norvegia, Nuova Zelanda, Perù, Uruguay e Venezuela con residenza legale in Portogallo da oltre tre anni;

Questo esclude tutti gli altri, come nel caso dell'australiano Frank La Piram, che non ha potuto registrarsi nella sua parrocchia. "Sono andato alla mia Junta de Freguesia con mia moglie per fare la nostra registrazione, ma abbiamo scoperto che il nostro paese non è incluso nel sistema".

"Nella nostra zona abbiamo una popolazione espatriata molto numerosa che non ha alcun potere o influenza per determinare la politica del governo locale, il che è completamente ingiusto. Paghiamo le tasse e vorremmo avere voce in capitolo in queste elezioni, ma non possiamo perché il Portogallo permette solo a poco più di 30 nazionalità di votare, il che non è abbastanza. Che dire degli australiani, degli americani e degli altri 170 cittadini che non possono ottenere il diritto di voto perché il sistema non lo permette?"

Per evitare situazioni come queste basta assicurarsi di essere legali nel paese e che il vostro paese d'origine sia incluso nella lista dei paesi di cui sopra.