Uno dei maggiori ostacoli per convincere il pubblico a prendere sul serio il riscaldamento nei trent'anni in cui questo argomento è entrato nell'agenda internazionale è stato il linguaggio cauto che gli scienziati hanno sempre usato. Non volevano essere accusati di esagerare, così hanno sempre parlato del caso più probabile piuttosto che del caso peggiore. Le persone intelligenti possono essere piuttosto ottuse.

Se si assume il caso più probabile, non si comprerebbe mai un'assicurazione contro gli incendi per la propria casa. Dopotutto è molto improbabile che bruci, quindi perché non risparmiare i soldi? Tranne, naturalmente, che sareste immediatamente senza casa se il caso peggiore accadesse davvero, e potreste non essere mai in grado di comprarne un'altra.

"In condizioni di incertezza, si vuole sempre concentrarsi sullo scenario peggiore", ha detto Luke Kemp, un ricercatore australiano associato al Centro per lo Studio del Rischio Esistenziale dell'Università di Cambridge. "Non lo abbiamo fatto finora. Direi che non siamo nemmeno concentrati sullo scenario più probabile. In realtà stiamo sbagliando sul lato del 'meno drammatico'.

"A causa delle procedure decisionali di consenso dell'IPCC, e a causa della pressione esercitata sugli scienziati del clima dai mercanti del dubbio, in realtà gravitiamo sempre sull'estremità inferiore dello spettro ed evitiamo i cambiamenti climatici estremi. Così io e alcuni colleghi abbiamo praticamente minato i rapporti dell'IPCC guardando i riferimenti a diversi scenari di temperatura.

"Quando si guarda a uno scenario medio per la fine del secolo, c'è una probabilità del 75% di 700 parti per milione di anidride carbonica nell'atmosfera, quindi un riscaldamento superiore ai tre gradi Celsius. Eppure meno del 10% delle temperature menzionate nei rapporti dell'IPCC sono di tre gradi e oltre. Quasi tutta la nostra attenzione si concentra su 1,5°C e 2°C, che sembrano incredibilmente improbabili.

"Quindi, in sostanza, in realtà sappiamo meno degli scenari che contano di più.

Il rapporto del 'Working Group One' dell'IPCC, che si occupa delle realtà scientifiche fisiche del cambiamento climatico e che è stato pubblicato in preparazione del grande summit sul clima di novembre a Glasgow (COP-26), è sicuramente un miglioramento rispetto ai suoi predecessori: un linguaggio più franco e meno parole ambigue.

Il più grande miglioramento singolo è stato l'uso di quello che chiamano "linguaggio calibrato". Ad ogni affermazione viene dato un livello di fiducia espresso da cinque 'qualificatori' - molto basso, basso, medio, alto e molto alto - e ogni previsione ha un significato statistico specifico.

Così, virtualmente certo significa 99-100% di probabilità, mentre molto probabile significa 90-100% di probabilità. Più probabile che no significa tra il 50% e il 100% di probabilità di accadere, ed estremamente improbabile è tra lo 0-5% di probabilità. Questo sistema costringe gli autori del rapporto ad affrontare il fatto che quasi nulla della scienza del clima è duro e veloce - e come potrebbe essere altrimenti?

Tutti gli scienziati del clima stanno scalando una curva di apprendimento molto ripida, perché trent'anni fa la disciplina esisteva appena. Non conosciamo nessun sistema più complesso del 'sistema Terra', e quasi ogni settimana porta nuove scoperte e nuove intuizioni. Ma c'è la sensazione, in quest'ultimo rapporto, che alla fine si sia davvero arrivati in cima all'argomento.

Questo non significa che la COP-26 ci metterà finalmente su una rotta che ci porterà ad un futuro sicuro. Un futuro veramente sicuro non è più nemmeno una possibilità, ed è difficile credere che i governi a cui gli scienziati fanno rapporto a Glasgow siano pronti anche ora a varare misure di emergenza. Anche Luke Kemp non la pensa così.

"Ci sono diverse teorie di cambiamento. Una di queste è parlare direttamente ai politici e ai responsabili delle politiche, e ci ho provato spesso. La mia tesi di dottorato si chiamava 'US-Proofing the Paris Climate Agreement', e ho passato molto tempo a cercare di convincere i politici a prendere sul serio la questione. Come probabilmente vi aspettate, pochissime persone hanno ascoltato.

"La ragione per cui non stiamo agendo non è a causa della tecnologia o della mancanza di volontà pubblica; è a causa dell'economia politica. È a causa della lobby dei combustibili fossili. È a causa dei politici che sono sotto il controllo dell'industria. Quindi (abbiamo bisogno di) catalizzare una reazione pubblica che vedrà cambiamenti su larga scala non solo nella politica, ma anche nella società più in generale.

"Abbiamo bisogno di disobbedienza civile, protesta e dissenso. È così che i migliori cambiamenti del mondo sono avvenuti in precedenza".

Probabilmente ha ragione.