C'è qualcosa di speciale nelle favolose fioriture blu-viola di questi fiori, il colore mi ricorda le campanule, anche se non sono correlate. Si tratta di una pianta che ama il sole e che fiorisce da metà estate in poi, con una grande testa di fiore drammatica che sovrasta le sue foglie carnose, che cresce da un rizoma sotto terra. Possono essere coltivate direttamente nel terreno o in vaso. Facile da coltivare, a bassa manutenzione e praticamente senza problemi - cosa si può chiedere di più! Con le giuste cure, la fioritura avviene ripetutamente per diverse settimane durante la stagione, poi questa dinamica perenne ritorna per mettere su un altro spettacolo l'anno successivo.

Alcune sono piuttosto piccole, con un'altezza di 20-60 cm, mentre altre specie possono raggiungere un'altezza di oltre 1 m, ed entrambe farebbero una bordura perfetta con quelle più corte verso la parte anteriore, con colori che vanno dal blu profondo, fino al blu pallido, al viola e persino al bianco - la scelta è vostra.

Queste piante sono felici di stare vicine, e in effetti, la congestione non è una grande preoccupazione, perché tendono a rispondere abbastanza bene a questo - apparentemente quando le radici hanno troppo spazio, la pianta si dedica alla crescita delle foglie, piuttosto che alla produzione di fiori.

Vanno anche sotto il nome comune di Giglio del Nilo, a volte Giglio Africano, che dà un'idea del luogo d'origine. Nello stesso Sudafrica, sono chiamati gigli blu, isicakathi dagli Xhosa e ubani dagli Zulu. Nelle sue zone d'origine, si dice che sia magico e medicinale, e che gli Zulu usano l'agapanto per curare le malattie cardiache, la paralisi, la tosse, il raffreddore, i dolori al petto e le fitte. Si dice anche che sia usato con altre piante in varie medicine prese durante la gravidanza per assicurare bambini sani o per aumentare o indurre il travaglio, ma non credo che sarebbe saggio provarci da soli! Anche se non è un vero giglio, e non ha lo stesso alto livello di tossicità, può causare malattie minori se le radici o i rizomi vengono mangiati, e la linfa delle foglie può causare irritazioni della pelle, quindi maneggiatela con cura.

Le piante consolidate sono facili da curare - quando la fioritura è finita, basta tagliare l'intero stelo dal basso verso l'alto dove ci sono le foglie, e se qualche foglia inizia a sembrare marrone e secca, si può semplicemente strappare.

Coltivare l'agapanto

Se volete propagarli da soli, la semina dei semi richiederà alcuni anni per la fioritura, quindi, a meno che non abbiate pazienza, la divisione delle radici sarebbe un'opzione migliore e dovrebbe essere fatta in autunno o in primavera.

Dovrete indossare dei guanti, e il vostro primo passo è quello di scavare l'intera pianta, drastico come sembra, scavando 6-8 pollici intorno alla pianta, e con un coltello affilato tagliare la radice tuberosa a metà tra i germogli, in modo da non ferire nessuna nuova crescita. Ciascuna di queste metà può essere tagliata di nuovo in due, dandovi effettivamente 4 piante, ciascuna con uno o due germogli attaccati. Invece di rinvasare o ripiantare subito, lasciatele scoperte e fuori dalla luce diretta del sole per 24 ore, il che permette alle radici di smettere di sanguinare linfa, e iniziare a guarire le sezioni tagliate. Si raccomanda di dividere ogni pianta ogni 3 anni per mantenerne la salute e le prestazioni.

Le piante di Agapanthus richiedono un terreno ben drenante e sole pieno o parziale per crescere felicemente. La decapitazione impedisce la formazione dei semi, quindi se si vuole controllare la lenta diffusione, sarebbe saggio tagliare i fiori morti non appena iniziano ad appassire. Sono abbastanza indistruttibili e probabilmente sopravviveranno senza molta manutenzione, ma qualche minuto di potatura e taglio vi garantirà piante forti e sane in futuro.