Quarantasei paesi (esclusi Cina, Giappone, India, Messico e Australia) hanno promesso di eliminare gradualmente l'energia da carbone entro il 2030 "o il prima possibile dopo".

Il più grande e il terzo più grande emettitore di anidride carbonica del mondo, la Cina e l'India, si sono impegnati a raggiungere emissioni 'Net Zero' rispettivamente entro il 2060 e il 2070, anche se il treno in corsa potrebbe aver lasciato la stazione per allora. (Gli impegni di Net Zero della maggior parte dei paesi sono per il 2050).

Un'alleanza di più di 90 nazioni, che rappresenta due terzi dell'economia globale, si è impegnata a ridurre le emissioni di metano di almeno il 30% dai livelli attuali entro il 2030.

Con solo dodici anni di ritardo, i paesi ricchi hanno detto che in un altro paio d'anni manterranno finalmente la loro promessa di fornire 100 miliardi di dollari all'anno ai paesi poveri in modo che anche loro possano fare la loro parte nel taglio delle emissioni.

E più di cento leader hanno accettato di porre fine alla deforestazione entro il 2030. Hanno anche messo a disposizione 19,2 miliardi di dollari per aiutare i paesi in via di sviluppo come il Brasile e l'Indonesia a rispettare i loro impegni sulla protezione delle foreste tropicali, o di ciò che ne rimane.

Ora, è vero che questi sono tutti accordi volontari tra partner volenterosi. Non sono accordi unanimi tra tutte le parti sovrane presenti al COP26, quindi non faranno parte di nessun trattato formale e non c'è modo di farli rispettare.

Non è il massimo, ma è meglio di un pugno in un occhio con un bastone appuntito, e l'Agenzia Internazionale dell'Energia calcola che se tutte le promesse e gli impegni sono mantenuti in pieno e in tempo, c'è una probabilità fifty-fifty che il riscaldamento sarà limitato a 1,8°C in più di temperatura media globale.

Questo è molto più a nord dell'obiettivo dichiarato di +1,5°C, e troppo vicino al livello "mai superato in nessuna circostanza" di +2,0°C. Tuttavia, gli impegni presi prima della conferenza erano praticamente garantiti per un aumento finale di 2,7°C, quindi è un risultato migliore di quello che molti si aspettavano.

Questa è la buona notizia. Ecco la cattiva notizia.

Nature, una delle riviste scientifiche più rispettate al mondo, ha fatto un sondaggio anonimo tra i 233 scienziati del clima che hanno scritto il massiccio "Sixth Assessment Report", che ha fornito la scienza a cui questa conferenza sta rispondendo. Il sessanta per cento di loro ha detto che si aspetta che il mondo si riscaldi di almeno 3°C entro la fine del secolo.

Solo il 20% degli scienziati ha detto che si aspetta che le nazioni limitino il riscaldamento globale a +2°C. Un mero 4% ha detto di pensare che il mondo potrebbe effettivamente riuscire a fermare il riscaldamento a +1,5 °C. E l'82% degli scienziati che hanno risposto ha detto che si aspetta di vedere impatti catastrofici del cambiamento climatico nel corso della sua vita.

Non sono affatto sorpreso da queste risposte, perché nell'ultimo anno ho intervistato scienziati del clima per un nuovo libro e una mini-serie televisiva a cui sto lavorando. In effetti, ho parlato con almeno una dozzina delle stesse persone che "Nature" ha intervistato, e sto sentendo le stesse cose.

Cercano di rimanere positivi e lavorano molto duramente. C'è stata una straordinaria espansione nella nostra comprensione di come il clima ha funzionato nel profondo passato e di come funziona ora. C'è una cascata di nuove tecnologie per fare fonti di energia a zero emissioni di carbonio, decarbonizzare il sistema alimentare, persino togliere l'anidride carbonica e il metano dall'aria.

Ma ricordano anche che in nessuna occasione precedente tutte le promesse e gli impegni presi in queste conferenze sono stati mantenuti in pieno e in tempo. Sanno che ci sono ancora molte incognite "non lineari" là fuori che potrebbero improvvisamente peggiorare molto le cose.

E sanno che più della metà dell'anidride carbonica 'antropogenica' che la razza umana ha immesso nell'aria è stata emessa da quando abbiamo saputo che stavamo causando un pericoloso riscaldamento nel 1990. Non comprerei nemmeno un'auto usata da questa specie, figuriamoci affidargli un pianeta.

Così gli scienziati, e anche il resto di noi, camminano su una linea sottile tra speranza e disperazione, con scoppi occasionali di rabbia silenziosa. Ma questa è la condizione umana.