"Take It" è una campagna promossa dall'associazione ambientalista ZERO con il sostegno del Fondo per l'Ambiente che mira a sensibilizzare il settore alimentare sul diritto dei cittadini a consumare pasti da asporto in scatole riutilizzabili.

La legge è cambiata su questo argomento. In un comunicato, l'associazione ambientalista ZERO ricorda che i ristoranti dovranno accettare quando i loro clienti portano la propria scatola per prendere il cibo. Inoltre, spetta al cliente assicurarsi che la scatola abbia le condizioni igieniche necessarie per prendere il cibo.


Ridurre il cambiamento climatico

Susana Fonseca, di ZERO, ha detto alla radio TSF che "quando produciamo rifiuti, stiamo anche contribuendo al cambiamento climatico perché è stata spesa energia per trasformare queste risorse e poi altra energia sarà spesa per trattare questi rifiuti", aggiungendo che se possiamo usare le nostre scatole, contribuiremo anche a ridurre il cambiamento climatico.

Secondo ZERO, la produzione di rifiuti è aumentata negli ultimi anni, per un totale di 511 kg/per persona nel 2020. Di questi, gli imballaggi rappresentano circa il 26% del totale dei rifiuti urbani ogni anno, che è equivalente a circa 130 kg pro capite.

Inoltre, l'associazione ha aggiunto che il riutilizzo di scatole nel takeaway permetterà di ristorazione e simili stabilimenti per ridurre i costi e quindi contribuire alla ripresa economica post-pandemia. ZERO esemplifica che: "se ogni scatola usa e getta costa 20 centesimi e 10 clienti al giorno portano Tupperware riutilizzabili, il risparmio annuale sarà di 720 euro".

Inoltre, ZERO vuole riunire una serie di ristoranti e dare loro accesso a materiali di comunicazione gratuiti del progetto 'Take It', che possono utilizzare nei loro locali, per sensibilizzare i loro clienti.

Inoltre, il movimento fornirà anche una formazione gratuita per i ristoranti che partecipano all'iniziativa, al fine di promuovere una maggiore conoscenza delle migliori pratiche ambientali nel settore.


I ristoranti vengono coinvolti

In questo senso, The Portugal News ha parlato con Carlos Almeida, proprietario del ristorante Kiwi a Portimão, uno dei pochi ristoranti dell'Algarve che accettano questa sfida.

"Il nostro ristorante è aperto da ottobre 2019 e abbiamo sempre avuto questo concetto di stile di vita sano e sostenibilità, quindi anche prima di questa iniziativa, stavamo già incoraggiando le persone a portare le proprie scatole", ha detto.

Inoltre, "ricordiamo alle persone, per esempio, chiedendo se hanno portato la propria scatola oggi". Tuttavia, ammette che è qualcosa a cui la gente in generale non è ancora molto abituata.

"A volte, quando la gente esce di casa la mattina per andare al lavoro, non si ricorda di portare con sé una scatola per prendere il take-away all'ora di pranzo".

Tuttavia, crede che nei prossimi anni, sempre più persone inizieranno a portare la propria scatola: "Questo è il futuro", ha concluso.

Trova tutti i ristoranti che stanno partecipando a questa iniziativa su https://take-it.pt/estabelecimentos/