Ma non è affatto innocuo. È esplosivo.

Spiega perché circa metà dell'industria mondiale del petrolio e del gas morirà nei prossimi 15 anni, mentre l'altra metà godrà di un ultimo frenetico ciclo di crescita. Ascoltate attentamente, e potete già sentire il denaro intelligente che inizia a muoversi.

Come l'autore principale dell'articolo, Jean-François Mercure dell'Università di Exeter, ha detto a The Guardian: "Le persone continueranno a investire nei combustibili fossili fino a quando improvvisamente la domanda che si aspettavano non si materializzerà e si renderanno conto che ciò che possiedono non ha valore". Ma questo non accadrà ovunque tra quindici anni; solo in alcuni posti.

Gli autori dell'articolo hanno preso gli impegni nazionali di "Net Zero entro il 2050" che hanno proliferato recentemente in tutto il pianeta, hanno lavorato su ciò che implica in termini di diminuzione della domanda di petrolio e gas, e hanno identificato quali paesi esportatori di petrolio e gas saranno ancora in gioco a metà degli anni 2030. Non tutti lo saranno.

Non tutti gli impegni di Net Zero saranno mantenuti per intero, naturalmente. Anche i grandi tagli alle emissioni che saranno fatti come promesso saranno caricati all'indietro in modo che la maggior parte di essi avvenga dopo il 2030, non sotto lo sguardo delle persone che ora stanno facendo queste promesse.

E si può certamente sostenere che questo significa che le emissioni non saranno ancora tagliate abbastanza da impedirci di sfondare il limite "mai superato" di due gradi in più di temperatura media globale nel 2040, e che ci sarà un inferno da pagare come risultato.

Niente di tutto ciò cambierebbe ciò che Mercure et al. dicono. Ci saranno ancora abbastanza tagli nell'uso dei combustibili fossili, abbastanza presto, per creare un incubo di caduta della domanda globale per tutti i produttori di combustibili fossili del mondo. Chiunque può vederlo. Ci vuole un po' più di lavoro per calcolare chi va sotto e chi no - o almeno non subito.

Per completezza, gli autori offrono uno scenario in cui tutti i produttori mondiali di petrolio e gas, o almeno l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), si riuniscono e tagliano la loro produzione in blocco. I loro redditi scenderanno tutti, ma almeno il dolore sarà condiviso equamente. Ma si può dire che non credono davvero in questa storia.

Quello che prevedono è che i produttori a più basso costo, l'Arabia Saudita e gli altri stati del Golfo, andranno in rovina. Nessuno può competere con loro sul prezzo (possono fare un profitto anche quando il petrolio costa solo 20 dollari al barile), così inonderanno il mercato mondiale di petrolio a basso costo.

Non l'hanno fatto in passato perché potrebbero guadagnare molto di più al barile se l'offerta rimanesse stretta. Ma questa è una prospettiva a lungo termine, e non esiste più un lungo termine per i combustibili fossili.

Se è chiaro che un sacco di risorse di petrolio e gas rimarranno nel terreno per sempre a causa della contrazione della domanda, allora è vostro dovere patriottico assicurarvi che le risorse incagliate appartengano ad altri paesi, non ai vostri.

Quindi abbassate il vostro prezzo a 20 dollari al barile, cacciate dal mercato tutti i concorrenti con costi più alti e vendete il più possibile prima che la domanda crolli del tutto.

Gli autori del documento calcolano che l'Arabia Saudita, per esempio, potrebbe guadagnare 1,7 trilioni di dollari prima che la domanda si prosciughi del tutto se si segue la strada della "vendita al fuoco", rispetto a soli 1,3 trilioni di dollari se collabora con tutti i membri non arabi dell'OPEC e cerca di tenere alti i prezzi del petrolio e del gas. 400 miliardi di dollari sono una grande differenza, quindi da che parte pensate che si butteranno?

Chi va al muro per primo in questo scenario? I produttori ad alto costo che lavorano nelle sabbie bituminose, negli scisti bituminosi, nelle acque profonde e nelle zone artiche, quindi Canada, Stati Uniti, America Latina (soprattutto Messico e Brasile) e Russia. Ma anche i produttori a basso costo andranno in bancarotta entro il 2050, se tutte quelle promesse di "Net Zero entro il 2050" si avvereranno.

Il carbone non riceve quasi nessuna attenzione nel giornale, presumibilmente perché il suo destino è un lento e costante declino, con un'uscita finale entro il 2050, piuttosto che le selvagge oscillazioni dei costi e una decimazione dei produttori che anticipa l'industria del petrolio.

Forse tutti questi cambiamenti possono avvenire senza gravi impatti su altre parti dell'economia globale, ma la storia suggerisce il contrario. Le previsioni sul petrolio e sul gas sono abbastanza persuasive, ma se troppi giocatori si rendono conto che le loro attività sono bloccate allo stesso tempo, potremmo ottenere la madre di tutti i crolli di mercato da questo.